Dietro le quinte alla breve ma estravagante incoronazione de La Regina Carlotta!

0
187

Nella nuova serie Netflix di Shondaland “La Regina Carlotta: Una storia di Bridgeton”, c’era anche un’incoronazione che doveva avere luogo e spettava allo scenografo David Ingram crearne una.

Quando si è trattato di realizzare l’incoronazione della Regina Carlotta (interpretata da India Amarteifio), Ingram considera una fortuna che la serie sia stata girata nel Regno Unito.

“Abbiamo potuto avere la carrozza”. Ingram dice, sottolineando che si trattava di una replica. “Abbiamo potuto noleggiarla e adattarla, siamo stati in grado di rivestirla e ridipingerla”.

Ma la carrozza dorata era l’ultimo dei problemi. La sfida consisteva nel contattare l’Abbazia di Westminster, tradizionalmente utilizzata per incoronazioni, matrimoni e funerali, per decidere come girare la scena.

Quando Ingram si è recato nel centro di Londra, è andato a vedere la vera sedia dell’incoronazione.

“Credo che sia uno dei mobili più antichi rimasti nel Regno Unito. C’erano una quantità enorme di graffiti, il risultato di studenti di Westminster e visitatori che incidevano i loro nomi nel 18° e 19° secolo, incisi per generazioni, ed è davvero incredibile”.

A un esame più attento, Ingram ha notato che l’Abbazia era cambiata, ad esempio la cassa dell’organo era al centro.

“La pulizia degli effetti visivi sarebbe stata immensa e non sarebbe stata in grado di darci quello che volevamo, e non saremmo stati in grado di illuminare e drappeggiare come volevamo”, dice. “Era solo la logistica per chiudere l’Abbazia di Westminster e far entrare i camion. Non ci avrebbe permesso di ottenere il risultato o il controllo che volevamo”.

Ha deciso quindi di creare la propria Abbazia di Westminster per incorporare tutto ciò di cui aveva bisogno.

“Così l’abbiamo costruita su un palcoscenico. Abbiamo costruito l’altare, il pavimento e il muro laterale. Dall’altra parte, avevamo un pezzo di muro in primo piano che abbiamo attraversato per dare l’impressione di una quarta parete”.

Ingram dice di aver costruito anche le colonne dell’Abbazia sul palcoscenico e di averle drappeggiate come avrebbero fatto nel 1760, quando lo spettacolo è ambientato. Costruendo la propria Abbazia, Ingram ha potuto offrire ricchezza, ma soprattutto autenticità.

“È un set così ricco. Il pavimento è ricco di piastrelle verdi. I tessuti sono rossi e velluti molto ricchi, e sì, abbiamo costruito la sedia”. E aggiunge: “Non era così fatiscente o graffitata come quella vera”.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Variety

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here