Ginny & Georgia 2: La creatrice e il cast parlano del cliffhanger finale e anticipano la stagione 3!

0
706
ginny and georgia brianna howey

Quando si parla del finale della stagione 2 di Ginny & Georgia, c’è molto da discutere – La creatrice della serie Netflix, Sarah Lampert, ha dichiarato in esclusiva a PEOPLE che lo scioccante cliffhanger era pianificato fin dall’inizio.

Questo post contiene spoiler sulla stagione 2 di Ginny & Georgia.

Ginny & Georgia 2: La creatrice Sarah Lampert parla del cliffhanger finale e annuncia conflitto in arrivo per la stagione 3!

Il decimo episodio si conclude con un grosso cliffhanger: Georgia Miller (Brianne Howey) viene arrestata per l’omicidio del marito di Cynthia Fuller (Sabrina Grdevich) nel bel mezzo del suo ricevimento di nozze. La polizia porta via la donna mentre il suo nuovo marito e i suoi figli – Ginny (Antonia Gentry) e Austin (Diesel La Torraca) – la osservano.

“Il modo in cui abbiamo presentato la prima stagione e poi il modo in cui si conclude la seconda stagione è: ‘Poi Georgia si sposa con Paul, stanno facendo il loro primo ballo e lei viene arrestata per omicidio'”, spiega. “Quindi è sempre stato il nostro piano”.

In che modo questo arresto potrebbe influenzare il loro rapporto quando Ginny scoprirà che sua madre ha ucciso un’altra persona?

È tutto molto stratificato perché abbiamo passato tutta la Stagione 1 a dividere i rapporti. Abbiamo passato tutta la seconda stagione a preparare lentamente i rapporti. Sono d’accordo, alla fine della seconda stagione, abbiamo Ginny che fa un bellissimo discorso da damigella d’onore e aiuta sua madre a percorrere la navata, essendo davvero presente per sua madre. Tuttavia, mostriamo anche la conversazione che lei ha con Cordova alla Blue Farm, in cui lui le dice: “Se succede di nuovo, parte di questo è colpa tua. Sei tu che lo stai permettendo. La stai proteggendo. Quindi se fa qualcos’altro, se uccide di nuovo, tu sei colpevole”.

Credo che lo vediamo sul volto di Ginny mentre le auto della polizia si allontanano. Non vuole che sua madre vada in prigione. Non vuole che sua madre le venga portata via. Allo stesso tempo, è alle prese con la domanda: “Dovrebbe? Non conosce ancora i fatti. Ha sempre avuto un senso più profondo della moralità e della giustizia, un senso della giustizia molto diverso da quello di Georgia.

Parlando di Paul, ha fatto una cosa piuttosto sorprendente decidendo di sposare Georgia dopo la sua enorme confessione. Che impatto avrà questo arresto sulla loro relazione? Sembrava che fosse al limite.

Paul è uno dei personaggi più divertenti di questa stagione. Scott Porter ha fatto un lavoro bellissimo… Ha davvero portato stabilità in una stagione di follia. Ha davvero portato una base alla famiglia Miller che credo fosse necessaria, ha questi strati e alla fine ci sorprende sempre. Quando le chiede di sposarlo dopo aver scoperto che è andata a letto con Zion, quando viene a conoscenza del passato di Georgia e la sposa comunque. È stata una decisione molto consapevole quella di non mostrare Georgia che gira l’angolo al suo matrimonio e di mostrare invece il volto di Paul e poi rivelare lei in piedi. Paul la ama davvero. Questo è davvero reale. Ha raggiunto un punto di rottura? Credo che questo aspetto debba essere approfondito nella terza stagione.

Ginny & Georgia 2: La creatrice Sarah Lampert parla del cliffhanger finale e annuncia conflitto in arrivo per la stagione 3!

Per quanto riguarda ciò che accadrà nella serie, Lampert afferma che “tutte le tessere del domino erano preparate fin dalla prima stagione”.

La Lampert aggiunge che sia Ginny che Austin dovranno affrontare le conseguenze dell’arresto della madre.

“Anche Ginny ha molti sensi di colpa legati alle azioni compiute dalla madre”, dice. “Vediamo la conversazione con lei a Cordova, nella caffetteria, in cui lui le dice: ‘Se succede di nuovo, è colpa tua. Stai proteggendo tua madre e lei gioca a fare Dio. Se fa del male a qualcun altro, questa volta è colpa tua”. È qualcosa con cui Ginny dovrà confrontarsi”.

La Lampert crede che Austin dovrà lottare con le sue emozioni dopo aver assistito all’omicidio della madre “perché è indubbiamente una cosa traumatica per un bambino”.

La seconda stagione ha visto Gil, il padre di Austin, tornare a far parte della vita della famiglia, cosa che potrebbe portare a dei problemi dopo l’arresto di Georgia.

“Penso che la cosa davvero interessante dell’arresto di Georgia sia la presenza di Gil”, condivide la Lampert. “Penso che [ci] sia un potenziale per un sacco di storia in una terza stagione, perché penso che sia chiaro che, mentre Gil è un abusatore e non è qualcuno che vogliamo intorno ai nostri personaggi che amiamo, allo stesso tempo, penso che sia vero che ama suo figlio”.

E aggiunge: “È una di quelle cose per cui stiamo preparando un sacco di potenziali conflitti facendo rimanere Gil nei paraggi”.

Ginny & Georgia 2: La creatrice Sarah Lampert parla del cliffhanger finale e annuncia conflitto in arrivo per la stagione 3!

“[Austin] È chiaramente alla ricerca di una figura paterna ed è così eccitato quando suo padre arriva in città. Vediamo questo ragazzino, ma allo stesso tempo, anche più di Ginny, vediamo casi in cui Austin è davvero il figlio di sua madre. La violenza non lo scuote. Pugnala Zack alla mano con la matita. Ha dato un pugno in faccia a Zach nella prima stagione. Sarà davvero interessante vedere chi diventerà questo ragazzino, soprattutto perché è testimone di tutto questo e sta vivendo tutto questo.”

La Lampert ha rivelato che i fan vedranno la reazione di Cynthia all’arresto di Georgia nella terza stagione.

“Non abbiamo volutamente messo sullo schermo la reazione di Cynthia all’arresto di Georgia nella seconda stagione perché penso che sia qualcosa che gli spettatori vorranno davvero vedere”, ha condiviso. “È qualcosa che dovremo aspettare e vedere nella terza stagione”.

Sarah Lampert ha anche parlato della rottura tra Ginny e il fidanzato Marcus Baker (Felix Mallard), che hanno entrambi lottato con la loro salute mentale nel corso della stagione 2.

“Ginny è in grado di vedere cosa sta succedendo a Marcus, e Georgia la aiuta a indirizzarla in quella direzione, e Maxine la aiuta a indirizzarla in quella direzione, è in grado di essere lì per lui e di rendersi conto di cosa sta succedendo e di capire che sta lottando, e che non si tratta di lei”, dice.

“È in grado di restituire il sostegno che lui le ha dato quando era in difficoltà”, aggiunge. “Quindi vogliamo che la storia finisca in un luogo di speranza”.

Ginny & Georgia 2: La creatrice Sarah Lampert parla del cliffhanger finale e annuncia conflitto in arrivo per la stagione 3!

Poi c’è Joe. Il mio desiderio più grande, se ci sarà una terza stagione, è che Joe abbia un periodo migliore di quello che ha avuto. Può parlare del suo arco narrativo in questa stagione e di come lo vede in futuro?

Mio padre è molto arrabbiato per quello che abbiamo fatto con Joe in questa stagione. Joe è il suo personaggio preferito. Io amo Joe. Ucciderei qualcuno per Raymond Ablack. È così fenomenale… È stato davvero difficile vedere quel personaggio con il cuore spezzato per tutta la stagione e in difficoltà. Penso anche che quel personaggio debba crescere un po’. Dà sempre a Ginny il consiglio di essere onesta, di essere sincera, e poi lo fa così raramente.

Così, quando lo abbiamo visto affrontare Georgia alla fine della seconda stagione e chiedersi: “Cosa siamo? È tutto nella mia testa?”. Ho pensato che fosse una scena davvero, davvero potente… Si è creato così tanto spazio e tutte queste domande senza risposta alle quali non risponderò. Mi piace anche che Joe, in questa stagione, cerchi di porre dei limiti forti. Georgia non capisce i limiti e non li rispetta, ma lo abbiamo visto provarci.

Ginny & Georgia 2: La creatrice Sarah Lampert parla del cliffhanger finale e annuncia conflitto in arrivo per la stagione 3!

Cosa ne pensa il cast?

“Quello che amo dello show è quanto siano imperfetti tutti questi personaggi: niente è avvolto in un fiocco perfetto, perché questa non è la vita”, dice la Howey a ET quando gli viene chiesto dell’intenso finale. “Lo show avvia conversazioni [sfumate] sulla salute mentale e sulla nostra umanità, quindi ovviamente la seconda stagione non si sarebbe conclusa con un bel fiocco perfetto”.

L’attrice fa notare che la voce fuori campo del suo personaggio durante il matrimonio è un po’ una profezia che si autoavvera.

“Georgia [sta] dicendo che non si fida della felicità e c’è un motivo per cui non si fida della felicità. Se fossi Georgia, non lo farei nemmeno io”, dice. “Tutta la sua vita è stata definita finora da molti traumi e lutti. La sta ridefinendo ogni giorno, ma c’è una parte di lei che non vuole fidarsi della felicità. E poi finalmente lo fa: Ginny la convince a tornare a fantasticare di rimanere a Wellsbury e di sposare Paul, lei lo guarda mentre ballano, la sua fantasia si sta realizzando e poi, naturalmente, cade l’altra scarpa. Ed è per questo che Georgia non si fida della felicità”.

Anche se la Gentry ammette di sapere cosa sarebbe successo nel finale “fin dal primo giorno”, dice che questa consapevolezza “non ha reso più facile guardarlo”.

“Penso che quando lo si sta filmando sia diverso. Ma quando mi sono seduta e l’ho visto per la prima volta come membro del pubblico, ero così frustrata”, rivela. “Pensavo: ‘Perché si ferma? Ne voglio ancora!”. E quello che mi ha spezzato il cuore è stato quando Austin corre dietro alla macchina della polizia alla fine, tipo, sono scoppiata a piangere”.

“Ricordo che mi guardavo mentre correvo e tu dicevi: “No, mamma!” e io pensavo: “Oh, mio Dio, questo sarà così straziante per la gente””, aggiunge.

Mettendosi nei panni del suo personaggio, Mitchell nota come l’arresto di Georgia metterà senza dubbio in ansia Zion, il padre di suo figlio.

“Ricordo di aver letto l’episodio 10 e c’è questo bellissimo montaggio con il matrimonio e tutto sta venendo fuori come una rosa, apparentemente. Ci si perde in questo bel momento e poi all’improvviso tutto si ferma, arriva la polizia e Georgia viene arrestata”, ricorda. “Anche solo leggendolo come Zion, sentivo l’ansia per Georgia e poi ero preoccupato per Ginny e Austin e per quello che significava per loro. Penso che questa stagione si concluda con una nota davvero forte e che lascerà i fan con la voglia di saperne di più”.

Sarah Lampert scherza sul fatto che i fan saranno più sorpresi da “un intero episodio che non è incentrato su Ginny e Georgia”, anche se si tratta di “un altro spettacolare cliffhanger” per la serie.

“Volevamo davvero emulare quello che è successo alla fine della prima stagione, quindi l’inquadratura di Georgia che se ne va nell’auto della polizia è la stessa di Ginny e Austin che se ne vanno in moto”, spiega lei. “Questa famiglia non riesce ad avere un colpo di fortuna”.

Di certo non possono! Ginny, in particolare, affronta molti problemi nel corso della seconda stagione, ben prima che sua madre venga sottratta al suo stesso matrimonio per essere portata in prigione. L’adolescente immaginaria lotta con la sua salute mentale per tutta la stagione e alla fine decide di porre fine alla sua tumultuosa relazione con Marcus, cercando un aiuto professionale.

Anche se Gentry sapeva che la rottura tra Ginny e Marcus era prevista, ammette di essere stata “molto triste” nel vedere la fine della coppia.

“Ricordo che io e Felix eravamo alle prove… erano tipo le due di notte, volevamo andare a casa, eravamo tutti esausti e dovevamo fare questa grande scena di rottura che sarebbe stata molto importante. Abbiamo fatto una prova… abbiamo iniziato a piangere, ci siamo detti ‘non vogliamo farci questo’È davvero straziante – voglio dire, questi due personaggi si capiscono in modi che gli altri non capiscono e si sostengono davvero a vicenda. Ma credo che la differenza fondamentale tra i due sia che Marcus si imbottiglia le cose dentro, mentre Ginny non lo fa: “Questo è quello che sto passando”. Quindi, è straziante vederli separarsi a causa della loro incompatibilità con il modo di comunicare, ma penso che sia estremamente maturo quello che decidono di fare”.

Antonia Gentry sul lavoro che ha fatto con Felix Mallard in Ginny & Georgia 2

L’attrice si dice convinta che i due continueranno a essere presenti nella vita dell’altro, ricordando come sia Georgia a spingere Ginny a fare amicizia con il suo ex e “la scena amorosa in cui Ginny lo coccola e dice: “Sono qui per te””.

Ma questo non significa necessariamente che la Gentry pensi che i due debbano tornare insieme molto presto. Scherzando sul fatto che il suo personaggio è “così bravo nei triangoli amorosi”, dice che più di ogni altra cosa vuole “vedere Ginny felice per una volta”.

“Sarebbe bello. Vorrei che fosse felice per più di un episodio alla volta”, dice. “Conosco alcune delle idee che hanno se avremo la fortuna di avere altre stagioni e mi terrorizza, non vi mentirò”.

Parlando di una terza stagione di Ginny e Georgia, Sarah Lampert rivela che lei e la showrunner e produttrice esecutiva Debra J. Fisher hanno già “pianificato” le stagioni 3 e 4.

“È come se la stagione 1 e la stagione 4 fossero già programmate. È come se la stagione 1 e la stagione 2 iniziassero in posti diversi e andassero in un posto diverso dal punto di vista tonale… Anche la terza stagione sarà una stagione molto diversa di Ginny & Georgia. Andremo in posti che non credo nessuno possa immaginare. “Alla fine della seconda stagione, il nucleo della famiglia è davvero tornato insieme e quindi nella terza stagione saranno davvero Ginny, Georgia e Austin insieme sulla stessa pagina con tutto ciò che sta accadendo. Quindi questo è un po’ un nuovo territorio da cui partiremo”.

Debra J Fisher su una potenziale terza stagione

“Penso anche che sarebbe una stagione molto divertente. Abbiamo trascorso tutta la stagione 1 a distruggere i personaggi e poi la stagione 2 a ricostruirli. E ci vuole davvero tanto tempo! Quindi, penso che la terza stagione – ora che abbiamo fatto questo con loro, ora che hanno avuto queste montagne russe – possiamo davvero fare quello che vogliamo. Le cose che accadono nella seconda stagione non avranno senso fino a quando non vedrete la terza stagione e allora direte: ‘Oh erano briciole di pane! Briciole di pane, baby”

Sarah Lampert su una potenziale stagione 3 di Ginny e Georgia

Ma la serie non è stata ufficialmente rinnovata per la terza stagione.

“È per questo che abbiamo bisogno che tutti i 53 milioni di persone guardino di nuovo tutti i 10 episodi nei primi 30 giorni. Ci serve per ottenere la terza stagione”, dice Fisher.

L’ispirazione sorprendente dietro il duetto ‘Il matrimonio è una prigione‘ di Bridgerton-burlesque

Quando i produttori esecutivi dello show hanno avuto il compito di creare una melodia cattiva, “Ero un po’ confuso su dove… Una strega cattiva, come continuavano a chiamarla, si sarebbe inserita in questa estetica di Jane Austen”, condivide Haydn”, e poi mi sono ricordato quali sono state le ultime parole della sorella maggiore cattiva di mia nonna per me. Si chinò con il dito tremante e disse: ‘Il matrimonio è una prigione! Pensi di sapere. Non lo sai. Lo so.'”

E così, il duetto è nato, con Haydn mettendo in “tutti i pensieri negativi e insulti per i quali avevo così duramente lavorato in terapia” dice, aggiungendo che Waisglass è “una cantante fantastica e attrice comica, e l’ha inchiodata.”

La parte difficile di “Marriage Is a Dungeon” in realtà è venuta quando era il momento di trovare un porte per Josephine e trovare una melodia durante la quale i due personaggi potrebbero poi cantare con l’altro, Bromfield spiega.

Che ne pensate delle dichiarazioni di Sarah Lampert e il cast sul finale di Ginny & Georgia 2 e la terza stagione? Continuate a seguirci per altre news sulle serie tv!

Chiara

Fonte: PEOPLE / TV Guide / ET Online

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here