Il cast di The Walking Dead racconta storie incredibili dei primi giorni sul set!

0
15051

Con il finale di The Walking Dead alle porte, il cast rivela alcuni incredibili retroscena dei loro primi giorni sul set.

Il cast di The Walking Dead racconta storie incredibili dei primi giorni sul set!

Norman Reedus (Daryl Dixon)

Ricordo che il primo giorno ero molto nervoso. La scena in cui esco dal bosco è stata la mia prima scena, e non sapevo cosa significasse tutto il dialogo e pensavo che sarebbe stato difficile da dire, ma mi sono buttato. Per la seconda scena, mi hanno dato una dozzina di scoiattoli su un filo. Me li hanno dati all’ultimo minuto e ho dovuto capire come lanciarli. Non sapevo ancora esattamente cosa volevo fare con quel ruolo, non l’avevo ancora capito. Quando mi sono girata e ho visto l’intero cast (composto da molte persone che erano già amiche), mi sono sentita molto insicura e da quel momento in poi ho continuato ad avere quel peso sulla spalla. Quando hanno iniziato ad accettarmi, ho fatto lo stesso. Sono stata felice che sia andata così.

Il cast di The Walking Dead racconta storie incredibili dei primi giorni sul set!

Lauren Cohan (Maggie Rhee)

Il primo giorno è stato scendere da cavallo, arrivare a casa e stare sul portico con Lori. Sono quasi certo che sia stato proprio quello. Era stare in veranda con il binocolo e vedere Andy che correva in lontananza con un colpo di Carl. E credo che la mia prima battuta nello show sia stata “Papà”. [È stato un bel vantaggio girare in sequenza e avere tutti i copioni in anticipo. Lo show ti fa entrare subito in scena. Ti mette subito nella zona ed è stato tutto molto tangibile.

Il cast di The Walking Dead racconta storie incredibili dei primi giorni sul set!

Josh McDermitt (Eugene Porter)

Sono sul volo da Los Angeles ad Atlanta e cerco di fare finta di niente, come se non stessi impazzendo perché ora sto lavorando alla mia serie preferita. Nel bel mezzo del volo, ho guardato e ho visto che ero seduto accanto al tizio di Band of Brothers e Southland! Sto impazzendo. Atterriamo e vedo un grosso pugno che attraversa il corridoio. Oh, mio Dio. Vuole, come dicono i bambini, fare a pugni! Era il giorno dopo il Labor Day e decisi di indossare un maglione bianco. Perché? In aereo ho freddo. C’era anche una parte di me che voleva che qualcuno dicesse: “Ehi, è dopo la festa dei lavoratori… non si dovrebbe più indossare il bianco”. E io avrei avuto una risposta piccata che avrebbe fatto dubitare quella persona delle sue scelte di vita fino a quel momento.

Feci un passo fuori, nella palude di Atlanta, e non ero forse io il pazzo? Ricordo che dopo circa 30 secondi il mio maglione era bagnato fradicio e pesava circa 20 libbre. Renee, del nostro reparto trasporti, venne a prenderci e chiesi se potevamo accostare in modo da poter gettare il mio maglione su uno stendino a caso per farlo asciugare. “No”, fu la sua risposta. Immagino che questa gente della Georgia non sia pronta per il mio stupido senso dell’umorismo. Cudlitz si mise a ridere.

La prima cosa che ricordo di aver detto a Cudlitz è stata di chiedergli se gli piacesse il calcio. “Mi piace l’hockey”, ha risposto con un’autorità che ha interrotto qualsiasi domanda successiva. Speravo che rispondesse: “Sì, mi piacciono i Green Bay Packers” e io avrei risposto: “Lo stesso. Sei un proprietario come me?” e lui avrebbe risposto “Sì” e poi avremmo riso e ci saremmo abbracciati e avremmo detto a tutti che eravamo migliori amici. Ma no. Gli piaceva l’hockey. Voglio dire, non è canadese. Questo non aveva senso per me. Quindi ora pensavo: “Fantastico, è così che andrà con questo ragazzo?”.

Siamo arrivati al campo base dove erano state organizzate le riprese per quel giorno. Andrew Lincoln non era nemmeno nel nostro primo episodio, ma ha fatto un viaggio di un’ora e mezza da Atlanta per incontrarci. Ha fatto finta di essere lì per fare una prova o qualcosa del genere, ma dopo aver lavorato con lui per anni, ho scoperto che erano tutte stronzate. Era lì solo per incontrarci e farci conoscere il territorio. Ma non voleva fare lo strano. Così ha fatto finta di essere lì per qualche altro motivo. Ha fatto così per tutti. Che persona eccezionale.

Mi sono seduta sulla poltrona del parrucchiere e del truccatore per capire cosa fare con i miei capelli. Taylor Knight dirigeva il nostro reparto capelli e le ho detto che ero così eccitata di essere lì. Lei ha sbuffato e con il suo forte accento del sud ha detto: “Tutti vengono qui per morire, tesoro”. Come si può dire una cosa del genere a qualcuno? Io ridacchiai e dissi: “Beh, spero di non essere io”. Lei sbuffò di nuovo e sottovoce disse: “Tesoro, ti prego”.

Quello è stato il primo dei circa 5.000 “tesoro, prego” che ho sentito pronunciare da Taylor o da qualcuno che impersonava Taylor. Non conosco molte persone, al di fuori dei personaggi delle sitcom, che abbiano una frase caratteristica e questa era completamente naturale e non forzata. Tutti avevano un’imitazione, la loro versione di Taylor. In pochi istanti, io, Cudlitz e Christian Serratos ci siamo detti “Tesoro, per favore”.

Quindi Taylor mi ha tagliato i capelli in una triglia e io ero mortificata. I miei bellissimi capelli biondi non c’erano più. Mi ritrovai con un castano scuro, con la testa piatta e con una situazione da baby-party sulla schiena. Ero fuori di me. Chiesi a Renee, l’autista del trasporto, se poteva portarmi in un negozio per comprare un cappello. Mi ha portato in un negozio che vendeva cappelli da camionista per 2 dollari.

Quella sera, Cudlitz, Christian e io siamo andati in un locale italiano a Peachtree City. Per quanto fossi sconvolto dal fatto di avere una triglia, ricordo di aver guardato i capelli di Cudlitz e di aver pensato: “Sono così felice che i miei capelli non siano così”. Forse l’ho anche detto ad alta voce. Mentre tornavamo a casa, sull’autostrada passammo davanti a un cartello che indicava Ginger Cake Road. Ho cercato disperatamente di far diventare Ginger Cake il nuovo soprannome di Mike. Cudlitz non ne ha voluto sapere. Credo che la sua risposta sia stata: “È così che andrà il mio tempo nello show?”. Yuuuuuup. Tesoro, per favore.

Il cast di The Walking Dead racconta storie incredibili dei primi giorni sul set!

Melissa McBride (Carol Peletier)

All’epoca, ovviamente, si sapeva solo che si trattava di un episodio pilota di sei puntate per quella che si sperava sarebbe diventata una serie continuativa. Per alcuni di noi, anche il destino del proprio personaggio all’interno di quegli episodi era sconosciuto. Tutto ciò che sapevo con certezza del mio personaggio era che “è una moglie e madre maltrattata… e ci sarà bisogno di te per forse tre episodi”. Forse? E avevo visto l’immagine di Carol che si lasciava mordere il collo da un walker nel fumetto, quindi non mi aspettavo di restare a lungo. Il non sapere quando era intrigante.

Il mio primo giorno in The Walking Dead è stato il terzo giorno del terzo episodio. Siccome stavano già girando da settimane, sapevo che avevano raggiunto un buon livello di affiatamento e il mio pensiero fisso era di non rovinare tutto. Per mia fortuna, Carol era per lo più sullo sfondo e io mi sentivo a mio agio lì, sai… ad ambientarmi… a sentire tutto. D’altronde, come avrei potuto rovinare tutto? “Melissa, puoi spostare un po’ la telecamera a sinistra, non riusciamo a vederti lì dietro”. Questo succedeva spesso.

Ricordo vividamente la mia eccitazione alla vista di Madison Lintz e Chandler Riggs, entrambi abitanti di Atlanta che già conoscevo. Vedere che entrambi questi fantastici giovani attori avevano ottenuto questa opportunità è stata una grande cosa per me, per loro e per tutti gli attori “locali” che ho riconosciuto sul set quel giorno. Sono stato anche felice di rivedere sul set alcuni membri della troupe locale che non vedevo da tempo. E molte altre persone del cast e della troupe erano persone con cui avevo lavorato brevemente in The Mist qualche anno prima. Vedere tutti quei volti familiari è stata una sensazione di grande calore e una sorpresa molto piacevole!

Il cast di The Walking Dead racconta storie incredibili dei primi giorni sul set!

Jeffrey Dean Morgan

Il mio primo ricordo è che prima delle riprese facciamo una cosa chiamata “story time” di una scena in cui l’assistente alla regia legge il copione e gli attori recitano le battute e noi ci facciamo un’idea delle parole e di qualsiasi cosa sia. In questo caso, è solo Negan che parla. Sono 17 pagine di Negan che parla e un sacco di regia. Ma ricordo che non avevo con me il copione e ricordo di aver visto il cast, tutti quelli che erano in fila, che mi guardavano.

Conoscevo un po’ Norman e ci eravamo salutati, ma nessuno sapeva che c… stavano prendendo da me. Eravamo ancora in abiti da strada e io ero fuori registro. Conoscevo già tutte le battute e vedevo Andy che guardava Norman e tutti dicevano: “Ohhhhhh”.

Ricordo di aver indossato il costume quella sera, e [lo showrunner] Scott Gimple era nella mia roulotte e stavamo guardando il costume di Negan per la prima volta. È successo tutto quel giorno, perché all’epoca stavo facendo The Good Wife. Sono arrivato in aereo, sono andato sul set, ho fatto una cosa veloce mentre stavano montando le telecamere, stavo facendo la prova del guardaroba e subito dopo ero in quella roulotte ad aspettare.

Avevo con me un piccolo walkie talkie in attesa che l’assistente alla regia dicesse: “Azione, Jeff. Azione!” E io sarei uscito. E lo ricordo vividamente. Tutti in quella formazione erano così vicini a me e così connessi per quelle due notti di lavoro brutale. Non lo dimenticherò mai.

Eleanor Matsuura (Yumiko Okumura)

La mia sveglia è suonata alle 3.45 del mattino, la prima che abbia mai impostato per il lavoro, o forse per qualsiasi altra cosa. Mi ero appena trasferita in America con la mia famiglia e il mio bambino di 7 mesi. Ero così stanca e nervosa che ho abbandonato completamente il mio corpo. Credo di aver semplicemente fluttuato sul set, ma non un fluttuare rilassante, un fluttuare stressante… Onestamente non ne ho un vero ricordo o è difficile ricordare ciò che è reale. Eravamo nel bosco, faceva caldo, il sudore mi colava negli occhi e ricordo di aver pensato: “Come farò a ricordare i nomi di tutti?”.

Lauren Ridloff (Connie)

Il mio primo giorno sul set è stato anche l’ultimo giorno di Andrew Lincoln. In realtà quel giorno non ho girato, è stato più che altro un tour, una presentazione. Quando è arrivata l’ora della pausa pranzo, siamo andati tutti alla mensa e c’era una magnifica torta enorme fatta a forma di stivali di Rick! Credo sia stata la prima cosa che ho fotografato sul set: La torta di Rick.

Keep following us for more news on the apocalyptic fiction series The Walking Dead and its whole universe!

Chiara

Fonte: EW

Please step by our Facebook page Survived The Shows, Instagram page @survivedtheshows, Twitter page @SurvivedShows to keep updated!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here