Lo showrunner di TWD: Daryl Dixon reagisce alla sorpresa rovinata del finale!

0
105

Finalmente il segreto peggiore dell’universo di Walking Dead non è più un… segreto. Ma anche se sapevamo che Melissa McBride sarebbe apparsa a un certo punto della stagione 1 di Daryl Dixon, bisogna ammettere che la sua apparizione negli ultimi istanti del finale è stata comunque un’emozione. A parlare con TVLine del futuro della McBride come Carol, della “particolarità” (o meno) di Laurent e degli esperimenti che collegano lo spinoff a World Beyond è lo showrunner David Zabel.

Lo showrunner di TWD: Daryl Dixon reagisce alla sorpresa rovinata del finale!
Ovviamente, la presenza di Melissa in carne e ossa nei panni di Carol doveva essere una grande sorpresa. Quanto ti è dispiaciuto che quelle foto siano trapelate a giugno?

Ero troppo occupato per concentrarmi troppo su questo. Lei era in Francia per girare quella scena – abbiamo girato tutto in Francia fingendo di essere in America – ma non ho prestato molta attenzione alle fughe di notizie e alle voci su Internet.

È lecito pensare che sarà un personaggio importante nella seconda stagione?

È sufficiente dire che tutti qui hanno sempre amato sia l’attrice che il personaggio, e hanno sempre voluto che rimanesse parte del mondo. Ovviamente, potete vedere i modi in cui stiamo cercando di farlo e di continuare la sua storia in qualche modo in futuro. Per saperne di più, dovrete andare a vedere la seconda stagione e vedere cosa succede. (Oppure potete leggere quello che la AMC ha detto dopo la realizzazione di questa intervista sulla seconda stagione, che si chiamerà The Walking Dead: Daryl Dixon – Il libro di Carol).

È in grado di dire quali sono stati i problemi che hanno impedito a Melissa di far parte della serie fin dall’inizio?

Onestamente, è stato prima del mio tempo. Ne ho sentito parlare, ma questa è una domanda da rivolgere a [chief content officer] Scott Gimple. Quando sono arrivato a bordo, l’idea era: “Daryl Dixon è in Francia. Qual è la storia, David? E… via!”. Non ero presente quando c’erano altre conversazioni in corso. Sono stato entusiasta quando ho incontrato per la prima volta Melissa, che ha accettato di fare quello che abbiamo fatto nella prima stagione e di mantenere vivi la storia e il personaggio.

Nel finale, Codron ha finalmente messo Daryl e Laurent nel mirino… ma non ha sparato. Dovremmo prenderlo come un chiaro segno che sì, Laurent è una specie di messia?

Non mi piace interpretare per il pubblico ciò che dovrebbe ottenere. Come sceneggiatori, cerchiamo chiaramente di suggerire cose e di stimolare pensieri e sentimenti, ma non voglio [dire una cosa o l’altra] per il pubblico.

Lo showrunner di TWD: Daryl Dixon reagisce alla sorpresa rovinata del finale!
In altre parole, Codron avrebbe potuto semplicemente non sparare a un bambino, giusto?

Devo dire che anche quando creo degli antagonisti, voglio che abbiano almeno qualcosa con cui ci si possa immedesimare. Per quanto riguarda Codron, lo si vede quando deve sparare a suo fratello e poi in questo momento – questa sorta di umanità che è sepolta sotto un sacco di altre cose negative che fanno capolino. Per me, l’intera serie era incentrata su questo. È stato uno sforzo molto mirato da parte mia e degli sceneggiatori per dire: “Non sprofondiamo solo nell’oscurità, nel buio e nel gore. Troviamo le sacche di speranza”.

Anche se non lo confermerete mai al pubblico, avete già in mente se Laurent è “speciale”?

Sì. Io e molti altri sceneggiatori dello staff abbiamo un’idea piuttosto chiara di chi sia Laurent e di cosa rappresenti. La trama, così come è stata impostata in questo momento, continua a girare intorno all’aeroporto su questa domanda. Continuiamo a scavare e ad avvicinarci sempre di più alla risposta alla domanda se Laurent sia ciò che molte persone vogliono che sia o se sia solo un meraviglioso ragazzino che è arrivato a racchiudere le speranze e i sogni di un popolo che cerca disperatamente di credere in qualcosa.

C’è in programma di rivelare come Genet sia passata dal lavorare in un museo a dirigere la Francia?

Ci sarà un episodio che approfondirà la sua storia in modo davvero avvincente ed emozionante. Ci riporterà anche a vedere l’alba dell’apocalisse in Francia. È un grande episodio della seconda stagione.

Presumibilmente, la seconda stagione rivelerà anche qualcosa di più sugli esperimenti che stanno trasformando i walker nell’orso di cocaina degli zombie, vero?

[Ride] Ottimo. Sì, sicuramente continueremo a raccontare questa storia come parte dell’elemento Genet, e inizieremo a scavare in quello che stanno facendo con gli ambulanti, perché lo stanno facendo e come stanno cercando di migliorare la loro sperimentazione.

Il che si ricollega in qualche modo al finale di World Beyond.

Sì, si ricollega un po’ al finale di World Beyond, perché c’era il suggerimento di qualcosa di interessante che accadeva con gli scienziati francesi all’alba dell’apocalisse. Non l’abbiamo fatto in modo che fosse troppo esplicito, ma sicuramente ci ha fatto riflettere e volevamo che fosse in qualche modo in linea con i fan, che sono così diligenti da prestare attenzione e ricordarlo.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: TV Line

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here