Primo sguardo a All of Us Strangers, con protagonisti Andrew Scott & Paul Mescal! – TRAILER

0
302

Il nuovo film di Andrew Haigh, All of Us Strangers, mette in parallelo un’appassionata storia d’amore tra Andrew Scott e Paul Mescal con una dolorosa riunione di morti e vivi. Insieme, danno vita a un’epopea emozionante. Diamo una prima occhiata a cosa ci aspetta!

SINOSSI

Il film segue le vicende di Adam (Andrew Scott), uno scrittore quarantenne che vive da solo in un grattacielo quasi deserto fuori Londra. Una sera il suo vicino Harry (Paul Mescal), ubriaco, flirta con lui: un incontro bollente, anche se disordinato, che si sviluppa in una tenera relazione. Tra un incontro e l’altro con Harry, Adam si ritrova attratto dal luogo in cui è cresciuto.

In quella casa lasciata dalla famiglia molto tempo prima, trova i suoi genitori (interpretati da Claire Foy e Jamie Bell) che continuano a vivere. Strano, visto che i suoi genitori sono morti in un tragico incidente quando lui era bambino. Non è certo sconcertato dalla loro presenza o dalla loro giovinezza; trova conforto nel solo fatto di poterli rivedere. Per dire loro che è gay, per capirli da adulti, per immaginare il loro legame che non è mai potuto essere.

“È un’opportunità per rivedere i propri genitori molto tempo dopo la loro morte e per avere un dialogo”, dice il candidato all’Oscar Graham Broadbent (Gli spiriti dell’isola), che, insieme alla produttrice Sarah Harvey, ha portato per la prima volta ad Haigh il libro da adattare. “Cosa raccontereste ai vostri genitori della vostra vita se foste adulti e loro non fossero più con noi?”.

La domanda sulle infinite possibilità trova risposte convincenti nelle mani di Haigh.

“Volevo che fosse tutto molto integrato, come i nostri ricordi e come il modo in cui attraversiamo la vita: il dolore che ci portiamo dietro è sempre lì, nascosto, e può emergere e sembrare incredibilmente reale”, dice il regista. “Si trattava sempre di quella sensazione che si prova quando si sta per addormentarsi o ci si sveglia da un sogno, quando tutto sembra un po’ strano”.

Per questo motivo, è riluttante a definire questo film una storia di fantasmi – quindi risparmiatevi i meme su “Weekend con fantasmi”, fan di Haigh – anche se il suo caratteristico naturalismo viene messo in discussione dall’idea del film. Da un lato, infatti, abbiamo un personaggio che parla direttamente con i suoi genitori defunti. Dall’altro, abbiamo un’impostazione familiare di Haigh resa in un contesto nuovo e stimolante: un incontro che si trasforma in qualcosa di più.

Il sesso e gli sconosciuti sono da tempo elementi intrinseci del cinema di Haigh.

In Weekend, un’avventura di una notte fornisce l’impulso per un’avvincente saga di desiderio e intimità; La serie HBO Looking traccia la crescita e la regressione dei suoi single gay di San Francisco attraverso ritratti crudi e onesti delle loro esperienze sessuali. Tuttavia, in All of us strangers, tutto colpisce in modo diverso, diventando più emotivo, più rivelatore e decisamente più misterioso.

“In passato sono stato più oggettivo nel girare le scene di sesso”, dice Haigh. “In questo caso, volevo davvero percepire la natura soggettiva del fare sesso e le sensazioni che si provano: il nervosismo, l’eccitazione e la sensazione fisica di essere toccati da qualcun altro, e ciò che questo provoca”.

I due interpreti al centro della storia d’amore danno vita a questa intenzione.

Scott interpreta un personaggio che sta venendo a patti con la sua vergogna sepolta, mentre Mescal assume una figura più enigmatica che si svela con attenzione. Gli attori si impegnano completamente – in modo dolce, profondo, esplicito – nell’intensità del legame fisico che si sviluppa tra Adam e Harry.

“C’è stata chimica tra loro due non appena li ho visti insieme”, racconta Haigh. “Entrambi erano piuttosto impavidi. Non c’era la sensazione che avessero paura di affrontare quelle scene. Sapevano quanto fossero importanti”.

Questa importanza si riferisce in particolare al grande viaggio di Adam in All of us strangers. Non è un caso che il sesso sia unico, persino speciale, con Harry. Quel legame si rivela inestricabilmente legato alla sua riunione di famiglia postuma.

La storia romantica e la storia familiare non competono per lo spazio in All of Us Strangers; piuttosto, coesistono abilmente in una sorta di armonia metafisica.

“Volevo che tutto ciò che vediamo sembrasse una manifestazione dello stato d’animo di Adam”, dice Haigh. Haigh ha realizzato questo obiettivo in modo accurato e completo, dall’uso sorprendente della nostalgica pellicola da 35 mm al gioco con la prospettiva, ma la bravura di Scott come interprete è il vero collante. Il suo lavoro è aperto, incredibilmente toccante e drammaticamente rigoroso. E in qualche modo si tratta del suo primo vero ruolo da protagonista in un film, dopo anni di lodevole lavoro sul palcoscenico e il ruolo preferito dai fan del Prete Figo in Fleabag.

“L’intero film si regge sulle sue spalle e lui era chiaramente in grado di farlo, ma è bellissimo vederlo”, afferma Broadbent. Haigh aggiunge che Scott “non ha mai avuto questo tipo di ruolo centrale – e io ho sempre pensato che dovesse averlo”.

Haigh non ha nascosto, durante le riprese, la posta in gioco personale di All of Us Strangers.

La sensazione di essere cresciuti gay negli anni ’80 unisce i due filoni del film, mentre Adam è alle prese con il coming out con i suoi genitori. Haigh intendeva catturare quel periodo non solo come lo ricordava lui, ma anche come Scott, anch’egli gay, poteva rifletterci.

“Non sono una di quelle persone che pensano che si debba scegliere un attore gay per un ruolo da gay, ma per questo ruolo volevo farlo perché stavo cercando di analizzare alcune sfumature di una certa generazione di gay”, dice. “Avevo bisogno di qualcuno che potesse capirlo e avere quelle conversazioni con me. Non volevo che sembrasse che stessi cercando di spiegare come ci si sente”.

E così Adam e Harry discutono dolcemente della loro educazione, dei loro partner passati, della loro concezione dell’amore e del sesso, di quella sensazione di rimpianto che non riescono a scacciare.

Si ottiene una scena vertiginosa in un club gay pulsante che sembra proiettare entrambi fuori dal tempo. Si ottiene uno spaccato caratteristico della vita queer, realizzato da un regista che ha imparato a ritagliarlo senza compromessi.

“Non faccio mistero del fatto che questa è un’esperienza specifica che sto raccontando, quella di un uomo di quasi 40 anni che è gay”, dice Haigh. “Sto cercando di raccontare qualcosa che capisco, che è la mia esperienza del mondo e che è autentica per me”.

Questo è un tratto distintivo della filmografia di Haigh. Estrapolare il suo passato attraverso questa lente, tuttavia? Un territorio molto nuovo.

“Non ho avuto l’infanzia più felice – l’infanzia è complicata, soprattutto quando si è gay – e credo che gran parte della storia abbia a che fare con questi elementi”, dice Haigh. “Devi affrontare queste cose quando torni in quell’ambiente”.

All of Us Strangers non è un’autobiografia – i genitori di Haigh non sono morti, tanto per cominciare – ed è anche infuso con i ricordi di Scott e del resto del cast.

Tuttavia, il carburante qui è Haigh che compie lo stesso tipo di ricerca del suo eroe: tornare da dove è venuto e portare alla luce ciò che ribolle dentro di lui. Una vecchia foto della madre di Adam nel film è in realtà una foto della madre di Haigh, con Claire Foy inserita con Photoshop. Sia la Foy che Jamie Bell hanno una certa somiglianza con le loro controparti reali.

“Stavo cercando di scegliere qualcuno che avesse senso per i genitori di Adam, ma anche per i miei genitori”, dice Haigh. “E volevo che fosse la storia di Claire, e volevo che fosse la storia di Jamie. Non si tratta solo di essere un bambino, ma anche di essere un genitore, di essere un amante e di essere amato”.

La Foy e Bell interpretano le parti con una sorta di affetto impenetrabile, elaborando tutto ciò che imparano sul figlio mentre fanno a gara per confortarlo, nell’oltretomba, nell’età adulta.

L’idea che Scott interpreti il figlio della Foy e di Bell, che sono più giovani di lui, potrebbe sembrare un espediente o addirittura ridicolo.

Una scena affascinante vede Adam in pigiama da bambino a tarda notte, strisciando nel letto con i suoi genitori come un bambino scosso da un incubo. È sorprendentemente risonante. Adam chiede: “È reale?”. Sua madre risponde: “Non lo so. Ti sembra reale?”. Per ribadire che il tutto si svolge su un set che dovrebbe assomigliare alla camera da letto dei genitori di Haigh. “È stata un’esperienza molto insolita ed emozionante girare una scena nel vecchio letto dei miei genitori”, racconta il regista. Scott emana un dolore infantile miracolosamente devastante.

“Mi ha stupito il modo in cui oscilla tra l’essere adulto e bambino”, dice Haigh. “Quando è nelle scene con i suoi genitori, si sente giovane; quando non lo è, è di nuovo grande. È una cosa molto difficile da realizzare”.

La vulnerabilità di Adam è una testimonianza, forse, della vulnerabilità di Haigh nel realizzare questo film, fino all’esplosivo colpo di scena finale.

Il regista non ha avuto paura di mostrare quella parte di sé per permettere ai suoi collaboratori di aprirsi allo stesso modo e raggiungere quel livello di trasparenza artistica. Voleva fare un film sulla “natura della famiglia”, su come queste relazioni ci plasmano nell’età adulta e su una storia d’amore e, a sua volta, su “come queste cose si informano a vicenda e si influenzano a vicenda”. È un’epica meditazione su come l’amore, per quanto fugace o duraturo e in qualsiasi forma assuma nel tempo, costituisca ciò che siamo: un tema su cui Haigh ha lavorato per tutta la sua carriera.

“Weekend parlava di relazioni e 45 Years di famiglie”, dice Broadbent. “In questo caso, li ha riuniti”.

CAST

Andrew Scott interpreta Adam, uno scrittore quarantenne che vive da solo in un grattacielo quasi deserto fuori Londra.

Paul Mescal interpreta Harry, il vicino di casa di Adam

Claire Foy interpreta la madre di Adam

Jamie Bell interpreta il padre di Adam

DATA D’USCITA

All of Us Strangers debutterà in anteprima al New York Film Festival prima che la Searchlight Pictures rilasci il film nelle sale il 22 Dicembre

FOTO PROMOZIONALI

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Vanity Fair

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here