Primo sguardo a La meravigliosa storia di Henry Sugar, dal 27 settembre su Netflix! – TRAILER

0
273

In uscita il 27 settembre su Netflix è la pellicola scritta e diretta da Wes Anderson, La meravigliosa storia di Henry Sugar, con protagonista Benedict Cumberbatch. Diamo un primo sguardo!

Primo sguardo a La meravigliosa storia di Henry Sugar, dal 27 settembre su Netflix! – TRAILER

SINOSSI

Un’amata storia di Roald Dahl su un uomo benestante che scopre un guru in grado di vedere senza usare gli occhi e decide di imparare l’arte per imbrogliare nel gioco d’azzardo.

CAST

Benedict Cumberbatch interpreta Henry Sugar e Max Engelman

Ralph Fiennes interpreta Roald Dahl e il poliziotto

Ben Kingsley interpreta Imdad Khan e Croupier

Dev Patel interpreta Dr.Chatterjee e John Winston

Richard Ayoade interpreta Dr. Marshall e Yogi

Scritto, diretto e prodotto da Wes Anderson

Quando ha avuto per la prima volta l’idea di fare un film sul racconto di Roald Dahl La meravigliosa storia di Henry Sugar?

WES ANDERSON: Ho avuto l’idea di provare ad adattare Henry Sugar forse quasi vent’anni fa, quando ero a Gipsy House (la casa di famiglia di Dahl nel Buckinghamshire), e contemporaneamente ho pensato: “Non so come fare”. Ma nel corso degli anni, la famiglia Dahl – Felicity Dahl e il nipote di Dahl, Luke Kelly – ha tenuto da parte i diritti della storia per me. Quando finalmente ho avuto il momento dell’ispirazione, l’idea era quella: “Il modo in cui Dahl racconta la storia mi interessa tanto quanto la storia stessa”. La storia mi ha completamente catturato da bambino, ma se si tolgono le sue parole, beh… le sue parole, beh, credo che non sia un film che mi sono sentito obbligato a fare. È una grande storia di Dahl, ma se lo faccio usando le sue parole, le sue descrizioni, allora forse so come farlo.

L’ha mai concepito come un lungometraggio?

WES ANDERSON: Non sono sicuro che questo metodo di narrazione avrebbe funzionato. Aveva più senso per me aveva più senso fare questi racconti come film di racconti.

Dahl utilizza un costrutto che prevede che il suo narratore racconti la storia di un uomo che trova un diario scritto da un altro uomo. La trama è filtrata attraverso i ricordi di molte voci.

WES ANDERSON: Penso a questo in relazione a Joseph Conrad e ad Attenti alla pietà di Stefan Zweig, che è una delle cose che mi ha portato a The Grand Budapest Hotel, ma forse anche a Henry Sugar è stato uno dei libri a cui ho pensato anch’io quando ci siamo messi al lavoro su quel film. anche a quel film.

Non solo usa le parole di Dahl, ma i personaggi si rivolgono al pubblico.

WES ANDERSON: La storia vi viene raccontata direttamente. Per questo c’è Dahl, perché è il narratore, non solo l’autore. narratore, non solo l’autore. Gli attori interpretano la scena e recitano le parole di Dahl. Dahl.

Più di altri suoi lavori – dalle opere teatrali di Max Fischer in Rushmore passando per la nave di Belafonte in The Life Aquatic e il backstage di Asteroid City – questo film è tutta una messa in scena, oserei dire un gioco di prestigio.

WES ANDERSON: In questo caso, un film a cui ho pensato è Swimming to Cambodia, il film di Jonathan Demme sullo spettacolo teatrale di Spalding Gray. Demme lo mantiene uno spettacolo teatrale, essenzialmente, con Spalding Gray che parla alla macchina da presa, ed è una via di mezzo tra un film e un documentario. un lungometraggio e un documentario. Il modo in cui avvengono le transizioni tra le parti e il modo in cui viene raccontata la storia il modo in cui viene raccontata la storia, è tutto realizzato con effetti e suoni teatrali. Penso che Ho pensato: “Facciamo una specie di ‘film d’arte'”.

C’è Ralph Fiennes, nei panni di Dahl, nella sua capanna da scrittore a Gipsy House. Quanto l’avete ricreata fedelmente?

WES ANDERSON: Abbiamo fatto quello vero, abbiamo cercato di ricrearlo esattamente. Abbiamo usato alcuni oggetti che il Dahl Museum ci ha prestato (anche se per la maggior parte abbiamo cercato di non prendere in prestito perché non volevamo non volevamo perdere o danneggiare qualcosa). L’avevamo già fatto ne Il fantastico signor Volpe quando abbiamo ricreato lo spazio di lavoro in miniatura.

Che cosa significa per lei l’opera di Dahl e ricorda quando ha iniziato a leggerlo?

WES ANDERSON: Credo di essermi avvicinato a Dahl proprio nel momento in cui ha raggiunto l’apice della sua popolarità, che ha mantenuto anche in seguito, ma in quel momento l’interesse per la sua opera era piuttosto spettacolare e internazionale. Tra i bambini, intendo. Amavamo la fiera del libro della nostra scuola, che era piena di libri nuovi e vecchi, e Dahl era sempre una grande presenza. Amavamo questi libri e conoscevamo la sua foto dal retro, conoscevamo il personaggio che ci raccontava la storia e la sua voce era così forte che ti sembrava di conoscerlo.

E c’è qualcosa in questo, nel sentire di avere un rapporto personale con l’autore che racconta la storia. Alcuni autori riescono a trasmettere questo più di altri. Dahl era pieno di trame. Quando stavamo girando Mr. Fox, abbiamo trascorso un po’ di tempo tempo a consultare i suoi archivi, che allora si trovavano per lo più alla Gipsy House. Luke ci ha mostrato quante, tante, tante idee per le storie ci fossero, e quanto spesso avesse nuove idee per le storie per le storie, scarabocchiasse una frase e la mettesse da parte. Così tante, troppe, che non aveva mai iniziato a scavare. Per lui era naturale

La trama e i dettagli delle storie diventano impossibili da dimenticare per il lettore. dimenticare.

WES ANDERSON: Questo è parte del problema per chi conosce Henry Sugar: è molto probabile che abbia cercato di di guardare attraverso il retro di una carta da gioco, o di fissare la fiamma di una candela per sviluppare questo per sviluppare questo potere, per fare la cosa che si vede nella storia. È una storia che ha quel tipo di aggancio.

Come è nata l’idea di far interpretare agli attori più personaggi?

WES ANDERSON: Mi piace l’idea, fin da subito, di avere una piccola compagnia che interpreta l’intero film. Benedict Cumberbatch era una figura chiave, con cui volevo lavorare. con cui volevo lavorare. Ho una piccola storia con Ralph Fiennes, e l’idea di far interpretare a Ralph Dahl è stata è stata una cosa che mi ha fatto venire voglia di farlo. Non avevo lavorato con Richard Ayoade, ma lo conosco da anni e anni. Con Rupert ho lavorato, ovviamente. È straordinario in Il cigno. Anche Dev mi piace molto e ho già provato a lavorare con lui una volta. Questa volta questa volta ha detto “sì”. Ben Kingsley è fondamentale. Lo abbiamo amato. È bello avere qualcuno nuovo e leggendario allo stesso tempo. È stata una grande esperienza con tutto il gruppo, dall’inizio alla fine.

Gli attori hanno lavorato con monologhi incredibilmente lunghi.

WES ANDERSON: Loro l’hanno preso e l’hanno fatto. Glielo consegni e poi fai un passo indietro e guardi.

FOTO PROMOZIONALI

TRAILER & CLIP

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Netflix

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here