Primo sguardo a Lezioni di Chimica, dal 13 ottobre su Apple TV Plus! – TRAILER

0
316

Apple TV+ presenta un’anteprima alla sua nuova serie Lezioni di Chimica, interpretata da Brie Larson (Captain Marvel), basata sull’omonimo romanzo best-seller di Bonnie Garmus. Diamo un primo sguardo esclusivo!

SINOSSI

Ambientata negli anni Cinquanta, “Lezioni di chimica” racconta la storia di Elizabeth Zott (interpretata da Brie Larson), il cui sogno di diventare una scienziata si scontra con una società patriarcale. Quando Elizabeth viene licenziata dal laboratorio in cui lavora, accetta di condurre un programma televisivo di cucina e decide di insegnare alle casalinghe trascurate del Paese, e agli uomini che improvvisamente ascoltano, molto più di semplici ricette.

CAST

  • Brie Larson
  • Aja Naomi King
  • Stephanie Koenig
  • Patrick Walker

Creata da Lee Eisenberg

Produttori esecutivi: Lee Eisenberg, Susannah Grant, Brie Larson e Jason Bateman.

Come la costumista di Brie Larson ha reso ‘alla moda’ i camici da laboratorio

La costumista Mirren Gordon-Crozier voleva rappresentare il percorso e la crescita di Elizabeth da tecnico di laboratorio a conduttrice dello show di cucina “Supper at Six,” mostrando una giovane donna con passione e ambizione, una donna anticonvenzionale. Ha scelto il verde come colore caratteristico di Elizabeth.

La prima volta che gli spettatori vedono Elizabeth è all’inizio del primo episodio in un flash-forward. In una ripresa lunga, Elizabeth entra nello studio televisivo e la telecamera segue la sua entrata.

“Quello è il suo verde. Volevo rendere quel colore iconico fin dal principio. Mi sono anche assicurata che il retro fosse interessante con dei bottoni lungo la schiena, uno scollo a V e un paio di pantaloni a sigaretta,” dice Gordon-Crozier. “Lei indossa il suo camice da laboratorio con bordatura di seta verde reale in tinta – e quel colore viene portato avanti per tutta la serie.”

Mentre Elizabeth si trova al laboratorio di Hastings, la Gordon-Crozier ha usato dei colori tenui e polverosi.

“Ho usato il verde acqua, rosa salmone e colori semplici che portavano un certo candore qualora la luce vi splendesse sopra.” Lei aggiunge, “Non uso molto rosa su di lei perchè non è molto una tipa da colori pastello.”

Nel laboratorio, Elizabeth deve partecipare ad un concorso lavorativo di bellezza. Le segretarie sono vestite per impressionare.

“Loro sono vestite per trovare marito, e lavorare per loro è una soluzione ad interim finché non diventano mogli,” spiega la Gordon-Crozier. “Quindi, il concorso di bellezza aveva tema autunnale. Loro lo attendono con ansia ogni anno, e si coordinano molto. Non è professionale e devono farlo in ambiente di lavoro, il che spiega perchè ad Elizabeth non piace. Quindi, semplicemente indossa ciò che ha nell’armadio. E’ semplice, per niente sexy né rivelatore.”

Quando Elizabeth viene colta alla sprovvista e si innamora di Calvin (Lewis Pullman), la Gordon-Crozier alleggerisce un po’ il suo look.

“Inizia indossando colori sulle tonalità del beige e crema. Quando si trova ad Hastings, indossa questa bellissima gonna a cerchio di lino e una maglietta color crema per mostrare che le interessa di più del suo aspetto.”

Con l’evolversi della serie, la Gordon-Crozier si diverte coi camici da laboratorio della Larson.

”Lei cucina con indosso un camice da laboratorio perchè ritiene ridicolo utilizzare un grembiule. Il camice da laboratorio copre più superfici e ha le tasche.” dice la Gordon-Crozier. “Iniziamo a fare una situazione couture in cui ogni episodio è un camice diverso. Lei inizia a divertirsi con esso e non è così oppresso dalla sua moda.”

Altrove, la Gordon-Crozier ha scelto dei tessuti caldi come lino e saia per il guardaroba di Elizabeth. “La maglieria era molto importante perché aggiungeva consistenza e profondità ai suoi costumi.”

Mostrando che la mente di Elizabeth si concentrava più sul suo lavoro che sui suoi vestiti, avrebbe semplicemente messo cose frammentarie insieme, a differenza di altre donne che abbinano scarpe, guanti e borse.

Per quanto riguarda la sua ispirazione? Tutto dai cataloghi Sears alle silhouette eternamente glamour di Grace Kelly. Dice la Gordon-Crozier, “Ha i capelli in berretti e fuori dalla sua faccia. Mentre va a ‘Supper at Six’, la coltiva un po’ e si aggiorna.”

La produzione discute la maggior diversità che caratterizza Harriet nella serie rispetto al libro.

Nella doppia premiere di Lezioni di Chimica, una protagonista sorprendente spicca: Harriet Sloane (Aja Naomi King).

Dato che la serie è raccontata “attraverso gli occhi di una donna bianca che cerca di indurre le persone a vedere il suo valore in un mondo dominato dall’uomo bianco,” dice a TVLine lo showrunner e co-produttore esecutivo Lee Eisenberg.

Esplorando il personaggio di Harriet più in profondità, Eisenberg dice che la serie può far luce su una storia che il libro ha mancato – che “di una donna nera che ha tutti gli stessi vincoli posti su di lei che Elizabeth fa, ma poi aggravato dal fatto che lei vive in una società completamente razzista.”

Come ha fatto la serie a inventare un personaggio che non era nel romanzo? Si sono rivolti alla storia.

La vera controversia sulla costruzione dell’autostrada di Santa Monica – il tratto più occidentale dell’Interstate 10 – divenne il conflitto centrale di Harriet. Nel primo episodio della serie, vediamo Harriet opporsi formalmente alla superstrada in una riunione del consiglio comunale come rappresentante della comunità dal Comitato Adams Washington.

“Abbiamo appreso la storia di quest’associazione che, condotta da Harriet nella finzione, ma nella vita reale ha combattuto contro questa burocrazia razzista che stava costruendo l’autostrada 10 — ed espandendola — e aveva intenzione di distruggere questa comunità nera,” dice Eisenberg.

Non appena la produzione di Lezioni di Chimica ha scoperto la storia del quartiere di Los Angeles, non potevano ignorarla.

“Siamo rimasti sconvolti dal fatto che siamo di L.A., o che viviamo qui, e non conoscevamo la storia di Sugar Hill,” ha detto la co-produttrice esecutiva Sarah Adina Smith. “Ci siamo sentiti molto obbligati a cercare di mostrare la storia di Harriet.”

“Volevamo davvero che tutto fosse ancorato nella realtà, specialmente per Brie e il suo personaggio e il suo mondo. Ma volevamo anche aggiungere un tocco stilistico in modo che fosse esteticamente gradevole”, afferma la costumista Mirren Gordon-Crozier.

“Nei film di quel periodo, le donne venivano mostrate come molto glamour. Audrey Hepburn è stata uno dei primi personaggi che abbiamo visto in abiti più casual in film come ‘Colazione da Tiffany’ o persino ‘Funny Face’, dove è vestita in modo semplice con pantaloni aderenti e un maglione trasandato”, spiega Gordon-Crozier. “Quindi, la mia ricerca è stata incentrata sulle attrici in momenti di riposo dietro le quinte e sulle donne che lavoravano e avevano famiglie, e anche sulle donne che avevano una diversa personalità. Ad esempio, Lauren Bacall e i vestiti che indossava a casa, e Grace Kelly, con look molto semplici e chic in cui indossava spesso pantaloni e una camicia da uomo”.

“Abbiamo un dialogo molto aperto, quindi non deve girarci intorno se non vuole indossare qualcosa”, afferma la costumista.

“Ma sono davvero interessata allo sviluppo del personaggio e a capire qual è lo stato mentale di un personaggio in una scena, quindi mi ha permesso di esplorarlo da sola, e poi durante le lunghe prove, penso che siamo state entrambe in grado di aiutarci reciprocamente”, continua.

“Ci sono molte somiglianze nel modo in cui Harriet ed Elizabeth si vestono, sia per la scelta dei colori che per le texture e i motivi”, spiega. “In modo subconscio, volevo che ci fosse un’unione tra le due. Posso identificarmi completamente con Elizabeth nel senso di essere una madre che lavora. C’è sempre un conflitto tra essere una madre e provvedere alla propria famiglia e essere appassionata e brava in ciò che si vuole fare”, afferma Gordon-Crozier. “Penso che sia davvero un’ispirazione. Elizabeth non si arrende mai, anche se il mondo cerca di abbatterla”.

“Abbiamo messo le nostre menti insieme e abbiamo creato la cucina dei sogni di ogni donna”, afferma la scenografa Cat Smith.

“Una delle mie cucine preferite degli anni ’50 è questa cucina in stile coloniale con mobili in rovere e cerniere in ferro nero”, dice Smith. “L’ho sempre pensata come una cucina stranamente accogliente, ma allo stesso tempo un po’ impraticabile, ma il problema era che sembrava troppo cool ed interessante”, ricorda del suo primo concept per il set del programma culinario. “Quando Brie l’ha vista, ha detto: ‘Sai, quasi vorrei questa cucina. E in realtà, dovrei sentire l’opposto'”.

Lessons In Chemistry

Per evocare quel sentimento, Smith dice di essersi “concentrata molto sulle cose che avrei detestato di più, come il colore rosa”.

Ha anche enfatizzato la struttura degli elementi in cucina per imitare un trucco degli effetti speciali usato all’epoca. “C’è uno stile Hollywood Regency che usavano per rendere tutto un po’ esagerato sul set in modo che sembrasse più nitido in TV. Ad esempio, le modanature erano più grandi o avevano curve più ampie in modo che le ombre cadessero nel posto giusto. Mi sono ispirata molto anche a questo.”

“Un consulente di chimica che avevamo ha detto: ‘Sai, le persone del settore della chimica ridono sempre di quello che viene allestito per le esperimenti chimici nei set televisivi, perché sono tutti liquidi colorati e cose del genere e in realtà non è così'”, ricorda Smith. “Ma ha aggiunto: ‘Ma non smettete di farlo perché in un certo senso ci piace’. Ma non abbiamo fatto molto di tutto ciò.”

“Hanno cercato di chiudere un tratto di autostrada e girare sulla strada, ma il problema, ovviamente, è che si trattava di un’autostrada appena costruita, mentre la maggior parte di quelle che si possono chiudere non sono nuove”, spiega Smith.

La soluzione è venuta sotto forma di un deposito per la manutenzione delle autostrade scoperto da un cercatore di location. “Sopra di te ci sono due autostrade che si incrociano, quindi ci sono molte infrastrutture, e ho sempre desiderato girare sotto un’autostrada perché in un certo senso mi ricorda le rovine romane”, dice Smith. “Quando Los Angeles diventerà un giorno una rovina, le uniche colonne che resteranno saranno queste strutture autostradali.”

FOTO PROMOZIONALI

TRAILER

Il Trailer di Lezioni di chimica
Primo sguardo a Lezioni di Chimica, dal 13 ottobre su Apple TV Plus! – TEASER

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Apple TV Plus

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here