Primo sguardo a The Morning Show 3! – TRAILER & DATA D’USCITA

0
811

The Morning Show sta per tornare su Apple per la stagione 3, in uscita sulla piattaforma il prossimo 13 settembre! Diamo un primo sguardo!

La serie di drama sul posto di lavoro avrà un nuovo boss per la sua terza stagione

Kerry Ehrin, che ha sviluppato The Morning Show e ha lavorato come showrunner nelle prime due stagioni, si dimetterà come showrunner, con la produttrice co-exec Charlotte Stoudt che la andrà a sostituire come showrunner. Ehrin farà da consulente per la terza stagione.
Come parte della mossa, Stoudt ha firmato un accordo pluriennale generale con Apple.

Sono entusiasta di unire le forze con Apple TV+ e The Morning Show. Il cast, guidato dalle fenomenali Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, è davvero da far morire. Kerry, Mimi e Michael, e i team di Media Res, Hello Sunshine e Echo Films, hanno creato un mondo irresistibile che è altrettanto delizioso e provocatorio.

Charlotte Stoudt

Guidata dalla produttrice esecutiva e showrunner Charlotte Stoudt, che ha preso il posto della creatrice Kerry Ehrin, la serie dovrebbe fare un altro salto temporale, andando oltre la chiusura del 2020. La Witherspoon ha infatti confermato a ET che i nuovi episodi si svolgeranno “dopo la pandemia”.

L’attrice, che interpreta un’arzilla giornalista che ha contribuito a scuotere le cose nel talk show mattutino della rete UBA e che ha persino intrapreso una relazione inaspettata con la conduttrice Laura Peterson (Julianna Margulies), ha anche anticipato che “quest’anno ci saranno molte storie d’amore”.

Dato che Apple TV+ ha confermato il ritorno della Margulies nel ruolo di Laura, il pubblico può aspettarsi che lei e Jackson riprendano da dove si erano interrotti dopo la seconda stagione.

Inoltre, il personaggio di Hamm, che “mette gli occhi sull’UBA, trascinando Cory, Alex e Bradley nella sua potente orbita”, sembra essere la persona perfetta per far arrabbiare Alex.

“Sta interpretando un personaggio fantastico che non vedo l’ora che la gente veda, perché è un po’ tratto dalla vita reale”, ha detto Witherspoon di Paul, prima di aggiungere che “ci sono molti nuovi personaggi” nella terza stagione.

Tra questi, Tig Notaro nel ruolo di Amanda Robinson, il capo dello staff di Marks; Natalie Morales nel ruolo della migliore amica di Stella da Stanford, dove facevano parte di un incubatore di start-up gestito da Marks; e Nicole Beharie nel ruolo di Christina Hunter, una millennial carismatica e competitiva che si unisce alla squadra del mattino come nuova conduttrice, che sa come lavorare sodo, giocare sodo e versare il tè con una certa irriverenza. Si aggiunge al cast, con un ruolo ricorrente, anche Stephen Fry nel ruolo di Leonard Cromwell, uno spietato membro del consiglio di amministrazione dell’UBA che si adopera per guidare la società attraverso acque finanziarie difficili.

Secondo la Witherspoon, tutte le nuove aggiunte “hanno semplicemente alzato il tiro”.

Mentre la star ha anche anticipato che i prossimi episodi saranno “davvero succosi e buoni”, è stato Crudup a rivelare che il pubblico può aspettarsi “più intrallazzi, più operazioni, più strano fascino intellettuale e tutto il fascino che potete immaginare” quando si tratta di Cory, che ha affrontato molti degli alti e bassi della rete come amministratore delegato.

“Si sono fatti carico di tutto quello che hanno fatto. Voglio dire, immaginate gli ultimi due anni in questo mondo“, ha detto Crudup, riferendosi a ciò che dal mondo reale potrebbe essere incorporato nei nuovi episodi. “Il numero di cose che sono successe nei notiziari e loro le hanno affrontate tutte. Quindi, spero che il pubblico sia pronto per un viaggio”.

La produttrice esecutiva di The Morning Show presenta in anteprima il personaggio di Jon Hamm come potenziale interesse amoroso per Alex

Quando la terza stagione di The Morning Show prenderà il via, “tutti saranno al settimo cielo”, spiega a EW la regista e produttrice esecutiva Mimi Leder. La serie riprenderà nel marzo del 2022, dopo due anni dal drammatico finale della seconda stagione.

“Alex [Jennifer Aniston] è sopravvissuta a COVID, è sopravvissuta alla cancellazione e si è reinventata”, dice Leder. “Ma sente che nella sua vita manca ancora qualcosa. E vuole il potere. Vuole un posto a tavola”.

Quanto a Bradley (Reese Witherspoon), secondo Leder sta prosperando. “È una giornalista seria. Ha un nuovo appartamento fantastico, ma si sente sola”. E si troverà ad affrontare un problema che la riguarda da vicino.

“Abbiamo superato la storia di Mitch, quindi ci siamo allontanati dalla cattiva condotta sessuale, ma siamo ancora molto concentrati sull’autonomia delle donne, sui diritti all’aborto e sui modi in cui il potere delle donne viene messo in discussione in questo momento”, dice Leder. “È un tema che significa moltissimo per Bradley”.

E sia Alex che Bradley si troveranno circondati da una manciata di nuovi personaggi. A tal proposito, ecco cosa aspettarsi da alcuni di questi volti nuovi.

Paul Marks (Jon Hamm)

Jon Hamm si unisce al gruppo nel ruolo di un miliardario della tecnologia. “È un genio alto, bello e innovativo che salverà la situazione”, dice Leder. “Ma naturalmente è molto più complicato di così. Anche i geni della tecnologia hanno i loro segreti”.

E sembra che Paul possa essere qualcosa che Alex sente mancare nella sua vita. “Alex è divorziata. È concentrata sul suo lavoro. E poi arriva Jon Hamm”, dice Leder con una risata. “E non dirò nulla di più di questo, ma è succoso”.

Amanda Robinson (Tig Notaro)

Al fianco di Paul c’è il suo capo dello staff, Amanda Robinson, interpretata da Tig Notaro. “È la risolutrice di Paul ed è fantastica”, dice Leder. “Ogni scena in cui è presente, la ruba”.

Christina Hunter (Nicole Beharie)

C’è anche una nuova conduttrice in città. Nicole Beharie si unisce alla stagione nel ruolo di Christina Hunter, una medaglia d’oro olimpica che è passata al mondo dei media. Leder paragona la sua carriera a quella di un personaggio come Michael Strahan. “È la nuova conduttrice e ha un talento naturale, ma scopre che questo mondo è molto, molto diverso dall’essere una medaglia d’oro nella corsa su pista”, dice Leder. “Si trova a navigare nel labirinto del razzismo e della politica, e scopre un nuovo lato di se stessa”.

I produttori del ‘Morning Show’ parlano del ruolo di Jon Hamm come miliardario tecnologico

Nel primo episodio del ritorno di The Morning Show, il personaggio di Jennifer Aniston ha un’opinione sul nuovo titano della tecnologia interpretato da Jon Hamm: è un “duro della Silicon Valley che ha bisogno di velocità”. La conduttrice del notiziario UBA Alex Levy (interpretata dalla Aniston) incontra il nuovo curioso personaggio del media drama di Apple TV+ mentre si prepara a lanciarla nello spazio. Il miliardario Paul Marks (Hamm) l’ha reclutata per il viaggio inaugurale del suo razzo suborbitale Hyperion One, che segnerà il suo ingresso nella corsa al volo spaziale.

Il pubblico è sicuro di avere un’opinione simile su Paul Marks, che invoca paragoni con Elon Musk dopo la première di due episodi.

“Paul Marks è un personaggio che è un amalgama di molti individui diversi”, spiega però la produttrice esecutiva Lauren Neustadter a The Hollywood Reporter. “Ed è anche incredibilmente concreto e autentico in un modo che fa molto Charlotte Stoudt”.

Neustadter, che produce la serie con la star Reese Witherspoon attraverso Hello Sunshine, attribuisce a Stoudt, la nuova showrunner della terza stagione, il merito di come il personaggio si rivelerà nel corso della stagione di 10 episodi.

“È ovviamente un individuo divisivo e una persona che funge da catalizzatore per gran parte del dramma e del conflitto all’interno della stagione”, dice, “ma è anche un essere umano vivo e vegeto che sovverte le aspettative in modi davvero interessanti”.

Il produttore esecutivo di Media Res, Michael Ellenberg, afferma che Paul Marks è stato concepito per fare da contrappunto a molti dei personaggi di The Morning Show in una stagione che affronta un panorama mediatico in crisi. Nella première, Alex scopre che il boss della UBA Cory Ellison (Billy Crudup) ha cercato Paul come acquirente dell’azienda mediatica. Questa storia, così come l’evoluzione del suo rapporto con Alex, è un filo conduttore degli episodi.

“L’intera stagione ruota attorno alle sue mosse”, dice Ellenberg. “Il pubblico vedrà la dinamica tra lui e Alex Levy, ma è una dinamica complicata ed emotiva. Volevamo anche qualcuno che fosse alla pari con Billy Crudup e Greta Lee [che interpreta la presidente dell’UBA Stella Bak]. È arrivato il nuovo uomo in città che può dare a tutti loro quello che vogliono; c’è un grosso prezzo da pagare. Non so se ci fosse qualcuno migliore di Jon Hamm che avremmo potuto prendere per quel ruolo”.

Come si è scoperto, la lista dei sogni su chi avrebbe dovuto interpretare Paul Marks aveva un solo nome.

“Chi avrebbe dovuto interpretare Paul era una lista di uno solo”, rivela la produttrice esecutiva Kristin Hahn a THR. “Jen [Aniston] e Jon [Hamm] sono amici da anni e volevano lavorare insieme credo da un po’. Così, quando Paul Marks è entrato a far parte della conversazione, si è trattato di una lista di uno. Quindi era un po’ spaventoso perché se avesse detto di no, non so cosa avremmo fatto. O così o niente. Per fortuna ha detto di sì”.

Hahn, socio produttore della Aniston con la Echo Films, ha definito Hamm un professionista per essersi buttato a capofitto nell’ensemble, molti dei quali fanno parte della serie fin dall’inizio (Karen Pittman, Greta Lee, Mark Duplass, Nestor Carbonell e Julianna Margulies tornano tutti). E sullo schermo, continua a far indovinare agli spettatori le sue intenzioni. “Ci si chiede sempre: è dalla parte giusta per cercare di salvare il giornalismo? O vuole solo far implodere questo mondo?”, dice Hahn.

Ellenberg, che in precedenza aveva ipotizzato che Paul Marks sarebbe stato il cavaliere bianco che avrebbe salvato l’UBA o l’anticonformista che l’avrebbe distrutta, attribuisce ad Hamm l’attrazione gravitazionale del suo personaggio. “Credo che l’opportunità di accedere all’eredità di Don Draper, ma in modo nuovo, sia stata per noi innegabile”, dice a proposito dell’iconico personaggio di Hamm in Mad Men. “Paul è un uomo molto potente e ricco. Ha un cuore ed è piuttosto bello”.

Attraverso il veicolo di Paul, la terza stagione di The Morning Show affronta un network in difficoltà come UBA e quanto siano limitate le sue possibilità di sopravvivenza in un panorama mediatico in continua evoluzione nell’era dello streaming.

“Paul Marks ha intenzione di trasformare la divisione news in un algoritmo, o di renderla un portavoce della [sua società] Hyperion. Qualunque cosa sia, siamo fottuti”, dice Alex a un certo punto, dopo aver abbandonato il volo spaziale e aver lanciato un avvertimento su un accordo incombente con il miliardario.

“Certamente, quando si pensava all’UBA e al futuro della rete, ma anche alle entità radiotelevisive e alle aziende mediatiche in generale, si guardava molto al futuro e alle immagini, ma c’era anche una reale determinazione a raccontare queste storie e a pensare a queste cose da prospettive molto sfumate e varie”, dice Neustadter.

The Morning Show è già stato rinnovato per una quarta stagione, ma a causa degli scioperi in corso della WGA e della SAG-AFTRA, i creativi dello show non hanno ancora iniziato a pianificare i piani per la prossima stagione.

“La quarta stagione è in arrivo. Ma nel nostro panorama mediatico in continua evoluzione, questo comporta una massiccia azione sindacale, quindi per ora siamo in attesa”, dice Ellenberg.

Quando gli viene chiesto come immagina che una serie di attualità come The Morning Show – che ha trattato di tutto, dal movimento #MeToo all’epidemia di COVID-19 e, in un episodio futuro, al rovesciamento della Roe v. Wade – terrà conto delle attuali lotte sindacali di Hollywood nella sua narrazione futura, Ellenberg ha risposto così: “La persona giusta a cui chiederlo è Charlotte, che non può essere qui [a fare la stampa] per questo motivo. Quello che posso dire è ciò che lo show è stato per tutte queste stagioni, ovvero che vogliamo affrontare le questioni più grandi che stiamo vivendo in questo momento, e lo sciopero riflette certamente alcuni dei temi di questa stagione“.

E continua: “I media stanno cambiando così rapidamente, chi ha davvero il controllo? Chi dovrebbe avere il controllo? Come dovrebbe essere governato? Cosa vuole il pubblico? Cosa vogliono le persone che li producono? È tutto in evoluzione. Ci sono questioni molto specifiche legate alle richieste dei sindacati e alla posizione del network, ma la cosa globale in corso è un vero e proprio dibattito sul futuro dei media stessi. Questa stagione lo esplora molto e sono sicuro che continueremo a esplorarlo nelle stagioni future”.

Ellenberg sceglie di essere ottimista in un periodo di pessimismo. “Spero che, quando ne usciremo, l’industria sia complessivamente più sostenibile, sia per le persone che producono gli show sia per quelle che li finanziano”, dice. “Adesso è un momento difficile, ma penso che all’altro capo l’industria sarà su basi molto più sane e non vedo l’ora”.

La star di ‘The Morning Show’, Desean Terry, non è stata invitata a tornare per la terza stagione

Desean Terry, che ha interpretato l’ex conduttore Daniel Henderson nelle prime due stagioni di “The Morning Show” di Apple TV+, non farà parte della terza stagione. Variety conferma che il suo contratto non è stato accettato per l’ultima stagione dello show.

Giovedì l’attore ha condiviso un video su Instagram dopo aver ricevuto commenti e domande sulla sua sorte. Sebbene non abbia menzionato la serie Apple TV+ per nome, Variety conferma che è proprio a questa che si riferisce.

“Volevo venire qui e confermare a tutti voi che no, non vedrete quel personaggio in questa stagione. Sono deluso anch’io, ma sono davvero grato che ci siano persone che hanno contattato e che si sono sentite coinvolte in quel ruolo e in quella narrazione”, dice nel video, riferendosi al conduttore nero e gay che ha interpretato. “Penso che in questo momento di incertezza nel nostro sindacato, mentre lottiamo per ottenere ciò che meritiamo in termini di equità retributiva, i leader del nostro sindacato tengano la diversità e l’inclusione in primo piano, in modo da poter vedere più personaggi e narrazioni come quella”.

Nella didascalia ha aggiunto: “Abbiamo bisogno di più personaggi complessi e diversi sullo schermo, quindi è sempre scoraggiante vederne scomparire uno che amiamo. Ma state tranquilli, ne arriveranno altri! Il mio viaggio creativo è in corso e ha uno scopo preciso. Grazie a tutti i fan che mi hanno contattato”.

La regista/produttrice esecutiva di ‘The Morning Show’ Mimi Leder parla della lotta di Alex per ottenere più agenzie, del segreto di Bradley e del futuro incerto di UBA

Sono passati due anni – nella vita reale e nella serie Apple TV+ – da quando Alex Levy (Jennifer Aniston) ha firmato il Morning Show dal suo salotto, incoraggiando gli spettatori a “stare al sicuro e a rimanere sani di mente” nei primi giorni della pandemia di coronavirus.

La terza stagione della serie per Apple TV+ ha debuttato mercoledì e UBA è di nuovo in funzione. Ma chissà per quanto tempo. Nelle ultime due stagioni, Alex ha affrontato diverse tempeste. Tutto è iniziato con le accuse di cattiva condotta sessuale nei confronti del co-conduttore Mitch Kessler (Steve Carrell). Poi, la sua morte improvvisa. È sopravvissuta anche alla cancellazione del programma dopo che le sue stesse azioni, o la loro mancanza, sono venute alla luce in relazione alla cattiva condotta di Mitch. E per finire, ha contratto la COVID. La sua unica costante? Il lavoro.

“È davvero sola. Durante la COVID si è reinventata come una persona e una persona di cui ci si può fidare. Una persona con cui ci si può relazionare, con tutti i suoi difetti, e che è diventata più attraente per il pubblico”, ha dichiarato a Deadline la regista e produttrice esecutiva Mimi Leder. “Quindi questo è stato parte del suo arco narrativo, nel senso che è davvero cambiata. Non è più una persona rimossa. Può parlare alla gente. Ma sente che manca qualcosa nella sua vita. Quindi si concentra sul suo lavoro, che è la cosa su cui può contare. Questo la fa sentire bene, ma vuole essere un leader”.

In tutta la sua ricerca interiore, Alex ha deciso che non vuole più stare seduta ad aspettare che le cose le accadano. Vuole iniziare a prendere in mano le redini della situazione. O, almeno, avere voce in capitolo prima che il colpo venga chiamato.

Questo diventa particolarmente chiaro quando viene a conoscenza del piano di Cory Ellison (Billy Crudup), capo della UBA, di vendere l’azienda al magnate della tecnologia Paul Marks (Jon Hamm). Cory ammette che la UBA si trova in gravi difficoltà finanziarie dopo il lancio del servizio di streaming e l’impatto duraturo della pandemia. Avranno bisogno di qualcuno con “più soldi di Dio” per essere salvati. Qualunque sia la sua ragione, Alex non è contenta che lo faccia in segreto.

“Non si fida di Cory per cambiare in meglio l’UBA. Pensa a lui come a un puro machiavellismo, e credo che abbia ragione”, ha detto la Leder, aggiungendo: “Vuole un posto a tavola, ma ottenere quel posto potrebbe costarle più di quanto abbia mai immaginato quando Paul Marks entra nella stanza. Quindi direi che c’è un vero e proprio triangolo di potere tra Cory, Paul e Alex in quella parte dell’arco di Alex. È l’inizio del suo arco, ma è lei che trova la sua voce e il suo potere. Ed è una storia e un viaggio molto straziante e potente quello che compie per trovare quella voce”.

Alex non è l’unico personaggio che sta facendo un po’ di ricerca dell’anima nella première della terza stagione.

Nel primo episodio, gli spettatori trovano Bradley Jackson (Reese Witherspoon) che conduce il notiziario serale dell’UBA. Ma non si sente ancora realizzata, nonostante la sua ascesa a una posizione così importante. Quando le viene chiesto di lasciare perdere un servizio su una donna del Texas che sta aiutando a contrabbandare pillole abortive attraverso il confine messicano per le donne dello Stato che hanno un accesso limitato all’assistenza sanitaria riproduttiva, inizia a chiedersi se abbia intrapreso la strada giusta.

Ma se i telespettatori sanno qualcosa di Bradley, è che è una persona provocatoria. Così, vola comunque in Texas, intenzionata a seguire la storia. In Texas, Cory, Alex e altri membri del team UBA visitano l’azienda Hyperion di Paul, dove Alex è pronta a lanciarsi nello spazio con uno dei razzi dell’azienda per festeggiare i suoi due decenni all’UBA. Non sa che questo fa parte del piano di Cory per preparare il pubblico alla vendita dell’UBA.

Quando lo scopre, non è esattamente disposta ad aiutare la causa.

Proprio quando sente di volersi vendicare di Cory, Alex riceve una telefonata da Bradley che le chiede se può fare a meno di un cameraman. Alex e il suo produttore Charlie (Mark Duplass) partono per aiutare Bradley, che viene intercettato all’aeroporto da Cory. Ha bisogno che lei sostituisca Alex nel lancio dell’Hyperion, e lei non ha molta scelta dopo che Cory le ricorda che ha mantenuto un segreto per lei. Così, Alex si occupa della storia dell’aborto e Bradley va nello spazio.

“Quando Bradley sale, non vede il panorama. Non vede la bellezza. Quello che cercavo di raccontare in quei momenti, in quelle riprese silenziose, è che lei si sente sola. Si sente spaventata. Sta succedendo qualcosa dentro di lei. È questo che cercavamo di rappresentare in quei momenti lassù. William Shatner ne ha parlato in modo molto eloquente quando è salito. Non era davvero bello. Era vasto e oscuro”, ha detto Leder.

Proprio quando il razzo raggiunge il limite dello spazio, le comunicazioni con l’astronave si interrompono.

Per un momento, i produttori a terra devono fare i conti con l’idea che qualcosa sia andato terribilmente storto durante il lancio. E non solo, sono in diretta in onda quando accade.

Sebbene il controllo a terra ristabilisca rapidamente le comunicazioni e tutti siano salvi, è uno struggente promemoria dei pericoli legati all’invio di civili in esplorazioni così pericolose.

“Per questo ho fatto quell’inquadratura in cui [Bradley] cammina e all’improvviso guarda questa gigantesca nave razzo e nella sua testa fa ‘Porca puttana’. Non posso salire lassù. È enorme. Potrei morire”. È spaventoso come l’inferno. Quando si fanno questi lavori di alto livello, si fanno cose che a volte non si pensano nemmeno e che sono folli”, ha spiegato Leder. “Ricordo che mentre dirigevo China Beach, ero su un elicottero. Mia figlia aveva due anni. Ero lassù a girare e a filmare, e poi mi sono detto: ‘Che c*zzo ci faccio su questo elicottero? Ho una bambina. Sono una madre”. È stata l’ultima volta che sono salita su un elicottero. Quindi facciamo cose a cui a volte non pensiamo”.

Come se tutto ciò non bastasse, pochi giorni dopo l’UBA subisce un attacco informatico.

Mentre Bradley parla della sua esperienza ai confini dello spazio durante il programma mattutino, tutto diventa buio. A quel punto si scatena il caos. I produttori cercano di capire cosa stia succedendo. C’è un tiratore attivo? C’è un problema elettrico? All’inizio, nulla è chiaro.

“Ho girato tutto a mano”, ha detto Leder a proposito della scena. “Quando siamo sul set è molto luminoso, molto felice… poi abbiamo il nostro modo di girare dietro le quinte, che è molto fluido ed elegante. Volevo che si arrivasse al caos di massa quando le luci si spengono. Tutto quello che abbiamo fatto è stato progettato e pensato. Quindi è stato molto divertente fare una piccola sequenza d’azione nel bel mezzo del Morning Show”.

Una volta capito che la minaccia è digitale, iniziano a valutare il danno potenziale e si rendono conto che questo hacker ha accesso a tutto ciò che è stato toccato dal server wireless dell’UBA. Questo include molti segreti, come il video intimo che Bradley ha inviato a Laura di Julianna Margulies mentre i due si frequentavano. L’hacker vuole 50 milioni di dollari per nascondere il video e, nonostante gli sforzi di Cory, il consiglio di amministrazione dell’UBA vota contro il pagamento.

Le ramificazioni di questa decisione saranno sicuramente esplorate nel corso della stagione, così come la lotta di Alex per una maggiore autonomia all’interno della struttura aziendale.

“I temi di questa stagione sono stati l’autonomia delle donne, i diritti riproduttivi delle donne, i diritti all’aborto. Quali sono i modi in cui il potere delle donne viene messo in discussione in questo momento e minato? Inoltre… volevamo parlare della minaccia del futuro del giornalismo, della minaccia che incombe su di esso in tutto il mondo e della minaccia ai giornalisti. In particolare, volevamo parlare dello stato della verità. Il nostro programma è molto attuale. Sono tutte questioni che stanno accadendo qui”, ha detto Leder. “La vita rispecchia l’arte. Ci sono così tanti argomenti che rendono il nostro spettacolo rilevante”.

Jennifer Aniston promette che la terza stagione di The Morning Show sarà ancora più “succosa”.

Alzatevi e splendete, spettatori di UBA! Jennifer Aniston ha anticipato quello che i fan possono aspettarsi dalla terza stagione di The Morning Show, molto piccante.

“È una stagione bella e succosa”, ha detto l’attrice a PEOPLE. “Tutti si mettono nei guai. Tutti hanno un segreto. E tutti camminano sul filo del rasoio. Quest’anno è molto più sensuale”.

Foto promozionali

Trailer

A proposito della stagione 2

La seconda stagione ha visto la squadra del Morning Show nascere dal naufragio della condotta di Alex e Bradley, in un nuovo UBA e in un mondo in evoluzione, dove l’identità è tutto e l’oceano tra come ci presentiamo e chi siamo veramente entra in gioco.

Il cast comprende anche Billy Crudup, Mark Duplass, Nestor Carbonell, Karen Pittman, Bel Powley, Desean Terry, Janina Gavankar, Tom Irwin e Marcia Gay Harden. Greta Lee, Ruairi O’Connor, Hasan Minhaj, Holland Taylor, Tara Karsian, Valeria Golino e Julianna Margulies si sono uniti nella seconda stagione.

La seconda stagione (SPOILER ALERT) si conclude con Alex Levy di Aniston che va in onda mentre combatte Covid sulla scia dell’essere ” cancellata” dopo che Maggie Brenner ha raccontato tutto nel libro sulla storia d’amore dell’ospite con il suo co-host mattutino Mitch Kessler.

Potrebbe esserci un salto temporale nella terza stagione

Ehrin ha detto a Deadline l’anno scorso che il suo istinto è che c’è un “salto nel tempo” per la terza stagione. Ha aggiunto che vuole vedere più di Bradley di Witherspoon e Laura Peterson di Margulies.
“Mi sembra che Alex sia arrivata in un posto per la prima volta dal pilota di accettare chi è e affrontare le sue peggiori paure. Voglio vedere come la fenice risorge dalle ceneri per lei, e impara ad avere una vita piena ed essere presente e amorevole.” ha aggiunto.

Billy Crudup racconta la reazione di Bradley all’inopportuna dichiarazione d’amore di Cory

Quando TVLine ha recentemente parlato con Billy Crudup della dramedy retro-futuristica Hello Tomorrow! di Apple TV+, non abbiamo potuto fare a meno di chiedergli dell’altra serie che ha realizzato per lo streamer, The Morning Show. In particolare: Cosa ne sarà della caotica e poco tempestiva dichiarazione d’amore di Cory a Bradley alla fine del finale della seconda stagione?

Ora, secondo Crudup, sembra che l’imminente terza stagione della serie non conterrà un’epica storia d’amore tra il dirigente del network e il suo dipendente – almeno, non all’inizio.

“Ha dichiarato il suo amore e credo che non sia stato ricambiato”, ha detto. “Quindi, sono a posto, dal punto di vista delle risorse umane, per l’apertura della terza stagione”.

Ma il fatto che la dichiarazione di Cory non sia andata a buon fine non significa che non ci sarà più. “Come ogni buon momento di tensione, gli sceneggiatori continuano a tornarci sopra”, ha detto Crudup. “Quindi, ci saranno molte altre occasioni per un fallimento da parte di Cory!”.

Ha aggiunto che lo show avrà un salto temporale (“un po’ di distanza”) tra gli eventi del finale della seconda stagione e la prima della terza.

“Ad esempio, ci perdiamo una parte della pandemia, e poi una parte viene raccontata in flashback”, ha detto, ridendo mentre scherzava sui limiti imposti dallo streamer per parlare di ciò che ci aspetta. “Penso di essere in grado di dirlo? Probabilmente no. Potrebbe essere la fine della mia carriera”.

Le parole del responsabile della programmazione di Apple TV+

È stato emozionante guardare The Morning Show andare di forza in forza nelle ultime due stagioni. Esplorare storie attuali che hanno avuto risonanza con il pubblico di tutto il mondo e allo stesso tempo essere incredibilmente coinvolgente e divertente. Siamo entusiasti di vedere dove Charlotte porta questi straordinari personaggi nella terza stagione. E di guardare la magia che Jennifer, Reese e il nostro cast di ispirazione continua a portare nel mondo accattivante della televisione mattutina.

Matt Cherniss, capo della programmazione di Apple TV+

È lecito supporre che il Morning Show stia finendo con la Stagione 3?
Perché, perché Reese Witherspoon sembra essere legata a una mezza dozzina di progetti? Billy Crudup, che interpreta Cory non sembra pronto al fatto che la serie finisca presto. “Spero di no”, ha detto durante la recente chat Hello Tomorrow! “È stata un’opportunità fenomenale per me, adoro il team creativo e quel personaggio è stato una gioia assoluta. Quindi incrociamo le dita che possa continuare.”

Aurora

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here