Primo sguardo alla miniserie Tutta la luce che non vediamo, dal 2 novembre su Netflix! – TRAILER

0
259

Netflix ci regala in esclusiva un primo sguardo alla miniserie originale Tutta la luce che non vediamo, tratta dall’omonimo romanzo vincitore del Premio Pulizer di Anthony Doer, in arrivo sulla piattaforma dal 2 Novembre 2023. Diamo uno sguardo esclusivo alla serie con trama, foto, cast e trailer!

TRAMA

Tratta dal romanzo premiato ai Pulitzer, Tutta la luce che non vediamo è una straordinaria miniserie che segue la storia di Marie-Laure, una ragazza francese cieca e di suo padre, Daniel LeBlanc, in fuga da una Parigi occupata dai tedeschi con un diamante leggendario per evitare che cada nelle mani dei nazisti.

Inseguiti senza tregua da un crudele ufficiale della Gestapo che vuole impossessarsi della pietra preziosa per puro beneficio personale, Marie-Laure e Daniel presto trovano rifugio a St. Malo in casa di uno zio schivo che prende parte alla resistenza trasmettendo messaggi radio clandestini. Ma in questa città che una volta era un’idillica stazione balneare, il destino di Marie-Laure si scontra inesorabilmente con quello del più improbabile spirito affine: Werner, un geniale adolescente assoldato dal regime di Hitler per intercettare trasmissioni illegali, che invece condivide un legame segreto con Marie-Laure così come la sua fede nell’umanità e la speranza.

Incrociando abilmente le vite di Marie-Laure e Werner nel corso di un decennio, Tutta la luce che non vediamo racconta la storia dell’incredibile potere dei legami umani, un faro di luce che può guidarci attraverso i periodi più cupi.

CAST

Questa miniserie in quattro parti diretta da Shawn Levy e sceneggiata da Steven Knight presenta le esordienti Aria Mia Loberti e Nell Sutton nel ruolo di Marie-Laure da giovane e più in avanti negli anni, oltre a Mark Ruffalo (Daniel LeBlanc), Hugh Laurie (zio Etienne), Louis Hofmann (Werner), Lars Eidinger (Von Rumpel) e Marion Bailey (Madame Manec).

Dalla pagina allo schermo: Il regista di Tutta la luce che non vediamo racconta 5 scene chiave

Quando il regista Shawn Levy (The Adam Project, Deadpool 3) ha incontrato Anthony Doerr, l’autore premio Pulitzer di Tutta la luce che non vediamo, la sua prospettiva sull’adattamento della serie limitata è cambiata immediatamente. Fan sfegatato (come molti altri) del romanzo best-seller del 2014 ambientato nella Seconda Guerra Mondiale, Levy e la sua casa di produzione, la 21 Laps, avevano cercato i diritti per lo schermo, che secondo lui erano “immediatamente non disponibili”. Ma avevano tenuto d’occhio la precedente versione cinematografica del romanzo e, quando questa non si è concretizzata, ha chiamato Doerr.

“Parlare con lui è stato affascinante”, ricorda Levy a EW, in collegamento dalla sua casa di New York all’inizio di agosto. “È un uomo molto caloroso ed entusiasta, ed era così meravigliosamente entusiasta di vedere la sua storia avere un’altra vita, questa volta sullo schermo. Quello che ho capito da lui è che la genesi di questa storia non è stata la cecità, come alcuni pensano, visto il titolo. È stata la radio”.

Tutta la luce che non vediamo racconta i percorsi convergenti di Marie-Laure LeBlanc, un’adolescente francese cieca costretta a fuggire da Parigi con il padre durante l’invasione nazista, e di Werner Pfennig, un orfano tedesco con una naturale affinità per le radio che viene forzatamente indottrinato nel Reich per rintracciare le trasmissioni illegali.

Il libro, continua Levy, nasce dalla “nozione che l’occhio umano può vedere solo un decimillesimo di tutta la luce dell’universo, e che come esseri umani siamo in definitiva limitati in ciò che possiamo percepire. Ma l’avvento della radio, che da un lato era uno strumento di propaganda per i nazisti, dall’altro era anche un modo per condividere la verità, la bellezza e le informazioni, per non parlare dei codici [di coloro] che credevano che il mondo potesse essere migliore. È stato molto interessante per me e forse non ci avrei pensato più di tanto se non fosse stato per le conversazioni con [Doerr]”.

Levy parla di cinque scene chiave del romanzo che ha portato sullo schermo per l’adattamento della miniserie in quattro parti (in onda su Netflix il 2 novembre) che parlano del cuore di questa storia commovente.

Il modello di Parigi

Nella narrazione di Tutta la luce che non vediamo il tatto si collega spesso alla memoria.

In una sequenza particolare, all’inizio del dramma, Marie-Laure (Aria Mia Loberti) fa scorrere le mani su un modellino di legno di Saint-Malo per mappare l’area nella sua mente. È fuggita in questa città sull’oceano con suo padre, Daniel LeBlanc (Mark Ruffalo), e ora risiede a casa di suo zio, Etienne (Hugh Laurie). Sentire il modellino le fa tornare in mente il ricordo di quando suo padre costruì per lei, da bambina, un modellino simile di Parigi, in modo che, se si fossero mai separati o se lei si fosse avventurata da sola, avrebbe potuto orientarsi. La sequenza inizia con una Marie-Laure adulta che si orienta a St. Malo, mentre la macchina da presa passa al flashback di quando era più giovane (Nell Sutton) e imparava ad orientarsi a Parigi con suo padre.

“Voglio sottolineare che non si tratta di stampe in 3D”, afferma Levy. “Questo modello di Parigi e poi quello di Saint Malo sono probabilmente gli oggetti più iconici del romanzo. Abbiamo fatto costruire entrambi a mano da artigiani ungheresi. E se si guardano i primi piani, il legno avrebbe dovuto essere ricavato da casse di vino e rifiuti abbandonati. Quindi, non si tratta di assi e legno di Balsa. Si tratta di legno di recupero che questi falegnami hanno affinato e spigolato, incollato a caldo e trasformato in questi magnifici modelli. La prima volta che Aria e Nell hanno navigato con le dita su questi modelli è stata la pelle d’oca per tutti”.

Inoltre, Levy considera questi modelli in legno come “totem dell’amore e della devozione” che Daniel prova per sua figlia. Li ha costruiti per favorire l’autonomia e l’indipendenza di Marie-Laure, indipendentemente dalla vista.

“Il rapporto padre-figlia, più in generale, ha avuto una forte risonanza per me nel libro”, dice il regista. “Sapevo che, soprattutto se avessi diretto ogni episodio, il legame e l’amore tra padre e figlia sarebbero stati al centro della narrazione”.

Inizia il viaggio di Werner

L’inizio della storia di Werner (Louis Hofmann) è altrettanto segnato dalla violenza. La sua vita cambia per sempre quando Herr Siedler (Ed Skrein), un ufficiale nazista, arriva all’orfanotrofio dove lui e sua sorella Jutta (Luna Wedler) risiedono. È il momento che porterà al suo inserimento in un collegio d’élite e draconiano per giovani hitleriani, dove verrà brutalizzato e addestrato come soldato nazista.

“Ricordo che Luna e Louis hanno chiarito a Ed che erano a loro agio con la fisicità della scena”, ricorda Levy a proposito delle riprese dell’arrivo di Siedler. “La prima volta che Ed stringe la mano guantata sulla bocca di Luna quando lei cerca di parlare, la violenza del modo in cui conficca l’indice nella parte superiore della testa di Louis o lo strattona da quella sedia, c’è un’improvvisa violenza in questi gesti che sono orribili e importanti per capire la vera natura di questo personaggio di Siedler. È stato davvero notevole”.

Siedler rimane un personaggio complesso sullo schermo come lo è nel materiale di partenza. È un funzionario nazista di rango relativamente basso, ma prezioso perché consegna giovani prodigi ai campi di indottrinamento.

“Werner è il suo passaporto per essere importante con i suoi capi nazisti, e questa è una dimensione interessante”, dice Levy. Tuttavia, il regista fa anche notare l’agitazione interiore che prova nei confronti di Werner, un ragazzo per il quale si sente a suo modo paterno.

“Cosa succede se c’è un improvviso scatto di coscienza? Non puoi fare nulla perché è troppo tardi. L’hai consegnato al diavolo”, dice Levy. “Ma cosa succede se ti rendi conto di aver commesso un terribile, inequivocabile errore? Quello che Ed Skrein fa nei suoi occhi, percependo quella coscienza, è davvero straziante e un colore che non ho mai visto da quell’attore”.

Questa sequenza è una delle poche che vediamo di Jutta, ma il ricordo del personaggio è prezioso per Werner mentre intraprende il duro viaggio che lo attende. Levy osserva: “Molto tempo dopo essere stato portato via dai nazisti, Jutta rimane fissa nella sua mente come un’aspettativa di lotta per preservare il suo io migliore di fronte al male e alla propaganda”.

Il club di resistenza delle vecchie signore

Arriva il momento in cui Madame Manec (Marion Bailey), la governante di lunga data della residenza di Etienne a St. Malo, presenta al Daniel di Ruffalo le figure chiave dell’operazione di resistenza nella città francese. È sorpreso di scoprire che sono tutte donne di una certa età. Levy ricorda la leggerezza che ha accompagnato le riprese di questa scena, in parte “perché tutti i prodotti da forno portati dall’ufficio oggetti di scena erano davvero deliziosi come sembrano”, dice.

Queste donne compongono quello che viene definito il Club della Resistenza delle Vecchie Signore.

È l’idea che i residenti più trascurati di St. Malo siano al di sopra di ogni sospetto, in grado di operare con sicurezza nell’ombra. Esse raccontano di come i soldati nazisti raccontino loro apertamente dei segreti quando portano loro dei dolcetti, perché ricordano loro le loro mamme a casa.

“Penso che ci sia qualcosa di aspirazionale in questo”, osserva Levy. “C’è qualcosa di divertente in queste donne anziane a cui spesso la società non dà peso, ma il loro patriottismo rimane feroce. Il loro impegno e la loro ingegnosità rimangono forti”.

È una scena introduttiva cruciale perché va alla radice di All the Light We Cannot See: Di fronte a un materiale così cupo e deprimente come i nazisti della Seconda Guerra Mondiale, c’è ancora luce sotto forma di un gruppo di donne anziane e allegre che combattono la buona battaglia, un prodotto da forno alla volta.

“Non ho mai voluto fare un dramma puro. Questo è certamente più drammatico di qualsiasi film o show che ho diretto, esclusi alcuni episodi di Stranger Things”, dice Levy. (Il regista di film come Free Guy, Real Steel e Date Night ha anche diretto gli episodi di Stranger Things, di cui è produttore esecutivo). “Ho trovato il romanzo profondo, ma anche estremamente divertente. Volevo che anche la nostra serie fosse entrambe le cose: occasionalmente divertente, specifica nei suoi personaggi, risonante nei suoi temi, e infine commovente e in qualche modo aspirazionale, perché la speranza può persistere di fronte all’oscurità”.

Violazione di domicilio

Lars Eidinger deve ringraziare Adam Driver per aver ottenuto il ruolo del sergente maggiore Reinhold von Rumpel, l’ufficiale nazista deciso a trovare un raro gioiello dalle presunte proprietà mistiche. Driver aveva recitato nel 2014 nel dramedy di Levy This Is Where I Leave You, in cui erano presenti anche Jason Bateman, Tina Fey, Jane Fonda e Rose Byrne. L’attore di Star Wars e House of Gucci è rimasto amico del suo regista.

“Ci frequentiamo qualche volta all’anno”, racconta Levy. “Mi stavo preparando a fare [All the Light We Cannot See] e Adam mi ha detto: “Devi conoscere questo ragazzo, Lars Eidinger. Sta facendo White Noise con me in questo momento'”.

Driver ha interpretato Jack Gladney, un professore del campo autocostituito degli “studi su Hitler”, nel film White Noise del 2022 diretto da Noah Baumbach, in cui c’era anche Eidinger nel ruolo di Mr.

“Nessuno negli Stati Uniti ha sentito parlare di lui”, osserva Levy a proposito di Eidinger. “È famoso in Europa per il suo Amleto d’avanguardia, ma questo ragazzo è semplicemente una bestia di attore. Ho fatto uno zoom con Lars e lui ha letto una scena, e nel giro di due battute la decisione è stata presa. Era così singolare, così strano, così affascinante, ma anche spaventoso. Era tutto ciò che volevo per Von Rumpel”.

Queste qualità sono in mostra in una sequenza che si svolge più in profondità nella miniserie.

A caccia del Mare delle Fiamme, un diamante maledetto visto l’ultima volta in possesso di Daniel che si dice possa garantire l’immortalità, Von Rumpel rintraccia Marie-Laure nella casa di Etienne a Saint-Malo. La donna riesce a barricarsi in soffitta, ma il nazista sale le scale pronto a reclamare la sua preda.

“La disperazione di Von Rumpel aumenta man mano che la sua salute si deteriora”, spiega Levy. “Lars ha girato questa scena il suo primo giorno. Quindi, la sua prima scena è stata una delle ultime scene di Von Rumpel. È arrivato dopo aver fatto delle scelte sulla salute cagionevole di Von Rumpel e si è basato su un dettaglio del libro secondo cui Von Rumpel ha un tumore alla gola. Quindi, Lars ha fatto questa scelta di tagliarsi quasi l’aria proprio prima che io dicessi “azione”. Vedevo Lars che resisteva al respiro in modo che quando dicevo l’azione, sentivi la disperazione del personaggio per l’ossigeno. È scomodo da guardare. A volte fa paura, ma è questo che lo rende perfetto per questo cattivo, perché è disposto a fare qualsiasi cosa per ottenere quello che pensa possa essere l’oggetto che gli salva la vita”.

“Non vuoi essere vivo prima di morire?”.

Circa un mese prima dell’inizio delle riprese, Levy ha riletto il romanzo di Doerr per quella che era forse la sesta volta. La differenza di questa volta è che l’ha fatto con un evidenziatore. La sceneggiatura di Steven Knight era già stata scritta all’epoca, ma c’era sempre la possibilità di aggiungere qualcosa all’ultimo minuto. “Ho evidenziato ogni volta che c’era una descrizione o una battuta di dialogo che mi colpiva ma che non era presente nel nostro show, e poi Steve e io le abbiamo integrate nella sceneggiatura prima di girare”, racconta. Una di queste battute era un dialogo ampiamente riconosciuto del libro.

Marie-Laure (Loberti) è seduta al tavolo della cucina di St. Malo e discute di Dio con Madame Manec. La ragazza vuole sapere se gli esseri umani vedono l’Onnipotente alla loro morte.

“E se si è ciechi?”, chiede. Madame Manec risponde: “Credo che se Dio vuole che vediamo qualcosa, la vedremo”. Questo, sottolinea Levy, “è testualmente tratto dal libro”. Poco dopo entra Etienne, che vorrebbe unirsi agli sforzi della resistenza, ma è paralizzato dall’agorafobia. Anche in questo caso, Madame Manec dà un consiglio semplice, ma che ha cambiato il mondo: “Non vuoi essere vivo prima di morire?”.

“Mi piace il disprezzo che Hugh Laurie trasmette, sentendosi così limitato dal suo trauma”, spiega Levy a proposito di questo scambio. “Amo l’affetto feroce di Madam Manec per lui, che cerca di provocarlo all’azione. Penso che Hugh Laurie sia il migliore in questo show, così diverso da come lo abbiamo mai visto. Inoltre, ho creato questa serie come fan sfegatato del libro. Amo alcuni dei modi in cui ci siamo discostati dal libro, ma amo anche il modo in cui sono riuscito a integrare letteralmente le cose che ho amato nella serie”.

“Non vuoi essere vivo prima di morire?” è diventato un canto edificante per l’opera di Doerr.

Molti club del libro hanno già analizzato questa frase dopo averla letta per la prima volta. Per Levy, evoca un’immagine di un’altra serie di cui è attualmente ossessionato (come tutti noi), The Bear di FX – in particolare, l’inquadratura ravvicinata nella seconda stagione di Richie (Ebon Moss-Bachrach) che osserva un messaggio che recita: “Ogni secondo conta”.

“È un promemoria, un tema che ci ricorda che possiamo far passare il tempo in cui siamo su questa terra e far scorrere l’orologio o che possiamo vivere con vigore”, spiega Levy. “E questo significa cose diverse per persone diverse. Per alcuni, è la ricerca del bene o il perseguimento di un obiettivo. Per alcuni è amare ed essere amati il più possibile. Il modo in cui lo definiamo è molto personale, ma l’idea di essere pienamente vivi finché ne abbiamo la possibilità è riferibile a tutti gli esseri umani che hanno vissuto”.

I creatori di Tutta la luce che non vediamo spiegano i cambiamenti chiave del finale tra libro e schermo

Attenzione: Questo articolo contiene spoiler sul romanzo del 2014 Tutta la luce che non vediamo e sull’adattamento della serie limitata di Netflix.

Dalla pubblicazione di Tutta la luce che non vediamo, quasi dieci anni fa, lo scrittore Anthony Doerr ha ricevuto risposte dai fan del suo romanzo sulla Seconda Guerra Mondiale, in particolare riguardo al finale. “Molti lettori vengono da me e mi dicono: “Avevo delle aspettative. Sono rimasto deluso dalla brevità del loro tempo”, racconta a EW.

Per spiegare, la storia di Doerr, vincitrice del Premio Pulitzer, metteva due personaggi in rotta di collisione l’uno con l’altro: la cieca francese Marie-Laure LeBlanc (che invia trasmissioni in codice della resistenza via radio dalla città balneare di Saint-Malo). E l’orfano tedesco Werner Pfennig (uno spirito gentile che fu costretto dal regime nazista a rintracciare le trasmissioni illegali). I capitoli finali vedono finalmente la convergenza di queste anime collegate quando un ufficiale nazista invade la casa di Marie con la missione di trovare un raro gioiello in possesso del padre, chiamato Mare delle Fiamme. Tuttavia, i due hanno solo pochi istanti insieme, mentre condividono un barattolo di pesche, prima che l’azione intorno a loro (l’arrivo dei soldati alleati per liberare Saint-Malo) li costringa a separarsi di nuovo. Un epilogo mostra poi il futuro di alcuni di questi personaggi.

“C’è uno schema stabilito attraverso le storie che abbiamo incorporato dal momento in cui siamo usciti dal grembo materno: Se hai due personaggi che iniziano a distanza e si avvicinano lentamente l’uno all’altro, potrebbero passare più di qualche ora insieme in una stanza”. Dice Doerr. “Per anni ho cercato di giustificare questo [finale] con l’accuratezza storica. Per dire che non era molto probabile che Werner avesse più di qualche minuto. Di solito, usavo la verosimiglianza come difesa per ciò che accadeva nel libro”.

Ora vede il nuovo finale presentato da Tutta la luce che non vediamo, l’adattamento in quattro parti della serie limitata in streaming su Netflix. Come se offrisse a quei particolari fan la conclusione che desideravano da anni.

“C’è una sensazione di risoluzione. Cosa c’è di sbagliato in questo?”, osserva. “La gente vuole una sensazione di risoluzione”.

Il trio composto da Doerr, dal regista della serie Shawn Levy e dallo sceneggiatore Steven Knight si è seduto con EW da New York per spiegare i grandi cambiamenti apportati al finale della storia con l’adattamento.

Oltre al barattolo di pesche, Marie e Werner (interpretati da Aria Mia Loberti e Louis Hofmann) ballano insieme al suono del “Clair de lune” di Claude Debussy, il brano classico che, insieme alle trasmissioni radiofoniche del professore, ha favorito il loro legame a distanza. Quando si avvicinano, si scambiano anche un bacio. Le truppe americane arrivano ancora per liberare Saint-Malo dai nazisti, ma prima di partire Werner promette che ritroverà Marie. Si mette quindi in viaggio per ricongiungersi con la sorella Jutta (Luna Wedler), che vediamo singhiozzare di gioia quando sente la sua voce alla radio.

“Abbiamo immaginato quello che sarebbe potuto accadere e quello che sicuramente io, a un certo livello, avrei voluto accadesse”, dice Levy. “È un’espressione di quel legame che sembra un destino che si realizza”.

Poiché Loberti, che è cieco, non può parlare con la stampa a causa dello sciopero SAG-AFTRA in corso, Levy racconta le sue conversazioni con lei sul finale.

“Lei riteneva che non fosse solo aggiuntivo avere questo momento di romanticismo tra Werner e Marie, ma in realtà essenziale”, ricorda il regista di Deadpool 3 e The Adam Project. “Una volta le ho parlato se tenerlo o eliminarlo, e lei mi ha detto: ‘No! No! Deve rimanere’. Non solo è fedele a ciò che penso che i personaggi siano e vogliano, ma noi non vedenti, e soprattutto le giovani donne non vedenti, non siamo mai oggetto di storie d’amore. C’è un’evasione storica di queste esperienze nel modo in cui i non vedenti vengono rappresentati”. Per Aria era così importante dipingere con tutti i colori dell’esperienza di vita perché sentiva che avrebbe perpetuato questi tropi di una persona disabile infantilizzata”.

FOTO PROMOZIONALI

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Netflix / Deadline

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here