Sciopero degli sceneggiatori: WGA e AMPTP raggiungono un accordo e riaprono le stanze di scrittura!

0
266

Hollywood tira un sospiro di sollievo. La WGA e i principali studios e piattaforme hanno raggiunto un accordo provvisorio su un nuovo contratto triennale che promette di porre fine allo sciopero degli sceneggiatori durato 146 giorni che ha avuto pesanti ripercussioni su tutta l’industria dei contenuti.

I negoziatori della Writers Guild of America e della Alliance of Motion Picture and Television Producers hanno raggiunto il traguardo domenica dopo quattro giorni consecutivi di trattative. Il quarto giorno, sabato, ha visto gli avvocati della corporazione e dell’AMPTP impegnati a definire i dettagli del linguaggio relativo a complicate e rivoluzionarie aggiunte all’accordo minimo di base della WGA. I dettagli del linguaggio sull’uso dell’intelligenza artificiale generativa nella produzione di contenuti sono stati uno degli ultimi punti su cui le parti hanno lavorato prima di chiudere il patto.

Il contratto triennale sarà inviato ai membri della WGA per il voto di ratifica.

Dopo quasi cinque mesi di sciopero degli sceneggiatori (l’interruzione del lavoro è iniziata il 2 maggio), è molto probabile che il contratto venga approvato dagli 11.000 membri della WGA, soprattutto grazie all’entusiastica approvazione dei leader della WGA. Con l’aumentare dello slancio di questa settimana, i negoziatori hanno iniziato a considerare l’avvicinarsi della festività dello Yom Kippur, domenica, come una scadenza morbida.

Non c’è dubbio: la WGA ha prevalso nel costringere i maggiori datori di lavoro di Hollywood ad affrontare le principali priorità della corporazione nella prima vera e propria negoziazione contrattuale dal 2017 (i colloqui del 2020 sono stati ostacolati dalla pandemia). L’insistenza della corporazione per ottenere un livello minimo garantito di personale per la televisione a episodi era considerata un’ipotesi estremamente remota quando le discussioni sul contratto sono iniziate a marzo.

Il sostegno incrollabile della stragrande maggioranza dei membri della WGA è stato la forza che ha permesso al comitato di negoziazione della corporazione. Guidato da Chris Keyser e David Goodman, è riuscito a lavorare sulle questioni prioritarie. Hanno ottenuto un nuovo modello di formula residuale per lo streaming che dovrebbe aiutare il sindacato in sciopero SAG-AFTRA nella sua ricerca di una formula residuale basata sui ricavi. La formula del WGA consiste in un sistema di bonus basato su parametri di performance predeterminati e di alto livello per i singoli titoli. Ma è comunque più di quanto i negoziatori del settore avevano previsto che la corporazione avrebbe ottenuto quando la prima tornata di trattative tra WGA e AMPTP è iniziata seriamente la scorsa primavera.

Sciopero degli sceneggiatori: WGA e AMPTP raggiungono un accordo e riaprono le stanze di scrittura!

La fine dello sciopero della WGA accelererà la fine dello sciopero della SAG-AFTRA.

Inoltre, inizierà il processo di ritorno della comunità creativa ai suoi cicli tipici di produzione, distribuzione, marketing e promozione dei contenuti. La produzione televisiva e cinematografica è stata in subbuglio dall’inizio dell’anno, quando la produzione ha subito un rallentamento di fronte alla scadenza del 1° maggio fissata dal contratto della WGA. Già l’anno scorso non era un segreto che la tornata di negoziati per il contratto 2023 sarebbe stata impegnativa, dato il livello di cambiamento strutturale di TV e cinema.

Hollywood è ansiosa di tornare al lavoro. Ma dopo una pausa di cinque mesi nella produzione, gli studios e gli streamer avranno bisogno di tempo per rimettere in piedi spettacoli e film. All’inizio della settimana si è diffusa la notizia di progressi al tavolo delle trattative. I produttori e i dirigenti si sono informati sulla disponibilità di palcoscenici e altre risorse per la produzione.

I termini dell’accordo provvisorio non sono stati resi noti ufficialmente da WGA e AMPTP.

Le parti sono tornate al tavolo delle trattative il 20 settembre dopo un mese di stallo. Quattro importanti dirigenti di Hollywood hanno partecipato a tre giorni di maratona negoziale che hanno finalmente sbloccato la situazione. I dirigenti: Bob Iger della Disney, Donna Langley della NBCUniversal, Ted Sarandos di Netflix e David Zaslav della Warner Bros. Discovery.

L’AMPTP ha tentato per la prima volta di rispondere alle richieste della corporazione per un residuo di spettatori e una garanzia minima di personale in una proposta dell’11 agosto. La WGA ha sostenuto che l’offerta era piena di lacune ed eccezioni che rendevano molte delle sue disposizioni prive di significato.

L’AMPTP è tornata il 20 settembre con un’altra serie di proposte che sperava potessero sbloccare la situazione.

Una volta passato il Labor Day, i copresidenti del comitato di negoziazione della WGA, Chris Keyser e David Goodman, hanno dovuto affrontare le crescenti pressioni interne da parte di alcuni membri di spicco per riavviare il processo di negoziazione. Ora che è stato raggiunto un accordo con la WGA, i negoziatori dell’AMPTP rivolgeranno la loro attenzione alla SAG-AFTRA. Che è in sciopero dal 14 luglio. La produzione e la promozione non potranno ripartire completamente finché i membri della SAG-AFTRA non voteranno per ratificare un nuovo accordo.

Il Comitato di negoziazione del WGA ha rilasciato una lunga dichiarazione ai membri confermando che il patto provvisorio è stato raggiunto.

CARI SOCI,

Abbiamo raggiunto un accordo provvisorio su un nuovo MBA 2023, vale a dire un accordo di principio su tutti i punti dell’accordo, subordinato alla stesura del linguaggio contrattuale definitivo.

Ciò che abbiamo conquistato con questo contratto – in particolare, tutto ciò che abbiamo ottenuto dal 2 maggio – è dovuto alla volontà degli iscritti di esercitare il proprio potere, di dimostrare la propria solidarietà, di camminare fianco a fianco, di sopportare il dolore e l’incertezza degli ultimi 146 giorni. È la leva generata dal vostro sciopero, insieme allo straordinario sostegno dei nostri fratelli sindacalisti, che ha finalmente riportato le aziende al tavolo per trovare un accordo.

Possiamo dire, con grande orgoglio, che questo accordo è eccezionale – con guadagni significativi e tutele per gli scrittori in ogni settore di appartenenza.

Ora il nostro staff deve assicurarsi che tutto ciò che abbiamo concordato sia codificato nel linguaggio contrattuale definitivo. Anche se siamo ansiosi di condividere con voi i dettagli di ciò che è stato raggiunto, non possiamo farlo finché non avremo messo i puntini sulle “i”. Farlo complicherebbe la nostra capacità di portare a termine il lavoro. Quindi, come siete stati pazienti con noi in passato, vi chiediamo di esserlo ancora – un’ultima volta.

Una volta completato il memorandum d’intesa con l’AMPTP, il Comitato di negoziazione voterà se raccomandare l’accordo e inviarlo al Consiglio della WGAW e al Consiglio della WGAE per l’approvazione. Il Consiglio e il Consiglio voteranno poi se autorizzare una votazione di ratifica del contratto da parte dei soci.

Se tale autorizzazione viene approvata, il Consiglio e la Commissione voteranno anche se revocare l’ordinanza restrittiva e porre fine allo sciopero a una certa data e ora (da stabilire) in attesa della ratifica. Ciò consentirebbe agli scrittori di tornare al lavoro durante il voto di ratifica, ma non influirebbe sul diritto degli iscritti di prendere una decisione finale sull’approvazione del contratto.

Subito dopo le votazioni della leadership, che sono previste provvisoriamente per martedì, se la lingua viene definita, forniremo un riassunto completo dei punti dell’accordo e del Memorandum of Agreement. Convocheremo inoltre riunioni in cui gli iscritti avranno l’opportunità di approfondire e valutare l’accordo prima di votare la ratifica.

Per essere chiari, nessuno tornerà al lavoro fino a quando non sarà specificamente autorizzato dalla Gilda. Siamo ancora in sciopero fino ad allora. Ma da oggi sospendiamo i picchettaggi della WGA. Se potete, vi invitiamo invece a partecipare ai picchetti della SAG-AFTRA questa settimana.

Infine, abbiamo apprezzato la vostra pazienza nell’attendere notizie da noi – e nel respingere le voci – durante gli ultimi giorni di negoziazione. Vi preghiamo di attendere ulteriori informazioni da parte della Gilda. Avremo maggiori informazioni da condividere con voi nei prossimi giorni, man mano che definiremo il linguaggio del contratto e affronteremo le procedure sindacali.

Come sempre, vi ringraziamo per il vostro sostegno. Avrete di nuovo nostre notizie molto presto.

COMITATO DI NEGOZIAZIONE WGA

David A. Goodman, copresidente
Chris Keyser, copresidente
Ellen Stutzman, capo negoziatore

John August
Angelina Burnett
Kay Cannon
Yahlin Chang
Robb Chavis
Adam Conover
Travis Donnelly
Ashley Gable
Hallie Haglund
Eric Haywood
Eric Heisserer
Greg Iwinski
Luvh Rakhe
Erica Saleh
Danielle Sanchez-Witzel

James Schamus
Tom Schulman
Mike Schur
David Shore
David Simon
Patric M. Verrone
Nicole Yorkin

Ex ufficio
Meredith Stiehm, Presidente WGAW
Michele Mulroney, Vicepresidente WGAW
Betsy Thomas, Segretario-tesoriere WGAW
Lisa Takeuchi Cullen, Presidente WGAE
Erica Saleh, vicepresidente WGAE di Film/TV/Streaming
Christopher Kyle, segretario-tesoriere WGAE

Riaprono le stanze degli sceneggiatori per “Grey’s”, “9-1-1”, “The Simpsons” e altri show

Dopo mesi di picchetti per ottenere salari più alti e migliori condizioni di lavoro, i membri della WGA stanno tornando al lavoro, compresi gli sceneggiatori di Grey’s Anatomy, 9-1-1 e altri show.

Deadline riporta che gli sceneggiatori delle due serie della ABC e quelli di Quantum Leap della NBC, Criminal Minds: Evolution e Family Guy, Bob’s Burgers e The Simpsons della Fox riprenderanno il lavoro lunedì 2 ottobre.

Gli sceneggiatori di Yellowjackets di Showtime si riuniranno per lavorare mercoledì, mentre quelli di Abbott Elementary della ABC, Young Sheldon della CBS, The Cleaning Lady e Alert: Missing Persons Unit della Fox e The Sex Lives of College Girls di Max torneranno al lavoro la prossima settimana.

La notizia arriva poco meno di una settimana dopo che i negoziatori della Writers Guild of America e quelli della Alliance of Motion Picture and Television Producers hanno raggiunto un accordo provvisorio domenica 24 settembre.

Due giorni dopo, i vertici della WGA hanno votato per porre fine allo sciopero, in corso dall’inizio di maggio.

Supponendo che l’accordo provvisorio venga ratificato, i membri della WGA otterranno una retribuzione più elevata, bonus basati sull’audience per i titoli in streaming, garanzie per il personale minimo delle sale di scrittura televisive. E, secondo il Los Angeles Times, la divulgazione del materiale generato dall’IA da parte degli studios.

“Possiamo dire, con grande orgoglio, che questo accordo è eccezionale – con guadagni significativi e tutele per gli scrittori in ogni settore dell’associazione”, ha dichiarato il Comitato di negoziazione della WGA ai membri in una nota di domenica.

“Ci sentiamo benissimo”, ha dichiarato al Times la presidente della WGA West Meredith Stiehm. “Abbiamo vinto”.

Anche se gli sceneggiatori stanno riprendendo in mano le loro proverbiali matite, Hollywood è ancora alle prese con lo sciopero della SAG-AFTRA, iniziato a metà luglio. Ma la corporazione degli attori riprenderà le trattative con l’AMPTP lunedì, come riporta Deadline.

Se lo sciopero della SAG-AFTRA terminerà nel prossimo mese o giù di lì, le serie televisive potrebbero essere in grado di realizzare stagioni di 13 episodi che inizierebbero ad andare in onda in primavera, ipotizza il sito.

Gli show di Dick Wolf per la NBC e la CBS riaprono le stanze di scrittura

Dick Wolf, il re dei procedurali dietro a nove serie su due reti, sta tornando al lavoro.

Questa settimana riaprono le sale degli sceneggiatori per il trio di Chicago della NBC, Fire, Med e PD, nonché per Law & Order e il suo spinoff, SVU, e per FBI, Most Wanted e International della CBS. Anche per Chicago Fire sono stati insediati nuovi showrunner. Andrea Newman è ora alla guida della stagione 12 e Matt Olmstead, veterano di Wolf, ha assunto la direzione di FBI: International. Lo spinoff di Law & Order Organized Crime continua a cercare un nuovo showrunner e non sarà tra gli show di Wolf che dovrebbero essere tra i primi a tornare sulla NBC una volta concluso lo sciopero della SAG-AFTRA.

Rick Eid torna come showrunner per la stagione 23 di Law & Order e David Graziano torna al timone di L&O: SVU per la sua 25ª stagione. Gwen Sigan torna come showrunner per la stagione 11 di Chicago PD. Diane Frolov e Andrew Schneider tornano come showrunner per la nona stagione di Chicago Med. Alla CBS, Eid torna anche a dirigere l’ammiraglia FBI, mentre David Hudgins torna a dirigere lo spinoff Most Wanted. Sul fronte dello streaming, On Call di Prime Video riprende il lavoro sulla prima stagione con Tim Walsh come showrunner.

Wolf è stato uno dei pochi showrunner e produttori il cui contratto complessivo non è stato sospeso durante i quasi 150 giorni di sciopero degli sceneggiatori. Poiché è rimasto al lavoro come produttore di uno show non sceneggiato.

Con lo sciopero della WGA ormai alle spalle, le reti radiotelevisive hanno riaperto le writers room con l’obiettivo di completare la pre-produzione e la scrittura prima che gli attori tornino al lavoro. In modo che le riprese possano riprendere e gli originali di alto valore possano tornare in prima serata, nel tentativo di salvare la stagione 2023-24. Le date di messa in onda non sono ancora state rivelate, poiché la situazione rimane fluida a causa dello sciopero della SAG-AFTRA.

Tutti gli show di Wolf sono prodotti dalla sua casa di produzione, la Wolf Entertainment. Il regista rimane nella sua sede storica alla Universal Television. Che produce tutti gli show della NBC e co-produce, insieme ai CBS Studios, la serie FBI. Amazon co-produce On Call.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Variety

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here