‘FBI’: Shantel VanSanten Moves passa a ‘Most Wanted’ dopo l’uscita di Alexa Davalos

0
135

Ci sarà presumibilmente una storia d’amore che coinvolge almeno una delle serie di Dick Wolf in questa stagione. Shantel VanSanten, che ha debuttato come Agente Speciale Nina Chase, con cui lo Stuart Scola di John Boyd ha avuto una storia, nella quarta stagione di FBI, si trasferisce in uno dei spin-off dello show, Most Wanted, per la sua prossima quinta stagione, secondo quanto riportato da Deadline.

Ha anche avuto un ruolo ricorrente nella quinta stagione di FBI e ha avuto un ruolo importante nel grande crossover dei tre show, anche se a causa delle ferite subite da Nina all’estero, non ha lavorato con il Fugitive Task Force di Most Wanted una volta che si sono uniti ai team di FBI e International nel caso.

Questa notizia arriva dopo l’annuncio di agosto secondo cui Most Wanted avrebbe perso uno dei suoi agenti, con Alexa Davalos, che interpretava Kristin Gaines dalla terza stagione, che non tornerà. Non è ancora chiaro come sarà fatta uscire dalla serie, e ora ci sintonizzeremo per vedere come Nina verrà inserita in Most Wanted. (Un cambiamento non è troppo sorprendente per lei, dato che stava valutando altre opzioni in FBI.) Nina si sarà unita alla task force fuori schermo durante il tempo trascorso tra le stagioni e lavorerà con loro sul caso di apertura per poi rimanere? Ci sarà più interazione tra FBI e Most Wanted rispetto al passato a causa del rapporto personale di Nina con Scola?

Questo ci fa anche chiedere quanto li vedremo insieme in futuro. Anche se c’erano stati alcuni intoppi, alla fine della quinta stagione di FBI erano sulla stessa lunghezza d’onda, con il finale che vede Nina partorire il loro figlio, Douglas, chiamato come suo fratello. (Non è stata una nascita facile, con il medico che dice a Scola in un momento che potrebbero riuscire a salvare solo uno di loro.)

Questo è solo l’ultimo cambiamento nel Fugitive Task Force da quando Most Wanted è stato lanciato nel 2020. Nathaniel Arcand se ne è andato nel terzo episodio della seconda stagione (con il suo personaggio Clinton Skye in un incarico speciale), anche se la sua uscita non è stata annunciata fino dopo la fine della stagione. Davalos si è unita allo show proprio quando Kellan Lutz se ne andava, con il suo personaggio, l’Agente Speciale Kenny Crosby, ferito (ma sopravvissuto). Dylan McDermott ha preso il posto del capo squadra Remy Scott dopo che Jess LaCroix di Julian McMahon è stato ucciso in servizio. Altre aggiunte includono Miguel Gomez come Agente Speciale Ivan Ortiz nella seconda stagione (ha lasciato dopo la terza stagione) ed Edwin Hodge, che si è unito come Ray Cannon all’inizio della quarta stagione.

CBS è stata la prima rete a annunciare il suo palinsesto invernale del 2024 con gli show che tornano in produzione quando lo sciopero degli attori è terminato (circa un mese e mezzo dopo quello degli sceneggiatori). FBI: Most Wanted, stagione 5, con anche McDermott, Roxy Sternberg, Keisha Castle-Hughes e Hodge, è prevista per martedì 13 febbraio, nel solito slot, dopo FBI e FBI: International.

Come è nata l’opportunità di passare da FBI a FBI: Most Wanted?

Shantel VanSanten: Ho scoperto durante il finale della quinta stagione di [FBI]. È stata la mia 15ª puntata in FBI con i crossover. Ho scoperto che avrei avuto complicazioni con il bambino. La mia prima domanda è stata: “Il bambino sopravviverà?” Abbiamo già affrontato l’episodio crossover in cui Nina è stata colpita: “Sopravviverò? Ora ci sono più complicazioni? Cosa sta succedendo? Perché?” Rick [Eid], lo showrunner di FBI, ha detto: “Beh, pensiamo che Dougie non ce la farà”. Ricordo che John [Boyd], che interpreta Scola, ed io ci siamo sentiti come se ci avessero colpito allo stomaco.

Il prossimo passo è stato: “Aspetta, potrebbe cambiare”. Poi è cambiato e abbiamo scoperto il motivo. “Vogliamo offrirti la possibilità di andare a Most Wanted”, che è nello stesso edificio [di FBI]. David Hudgins, lo showrunner di FBI: Most Wanted, ha detto: “Non vogliamo che inizi un nuovo lavoro qui e perdere un figlio in quel modo sarebbe un punto difficile da cui partire”. Quindi abbiamo potuto tenere il bambino e ho avuto un nuovo lavoro, fantastico, eccitante e intenso.

Nina inizia subito con il botto nel primo episodio di FBI: Most Wanted. Non c’è un periodo di transizione; viene gettata immediatamente nell’azione.

VanSanten: Vado sul set a posare la mia scatola di cose e il prossimo istante stiamo prendendo le nostre giacche e usciamo dalla porta.

Sebbene Most Wanted faccia parte dello stesso universo di FBI, è uno spettacolo molto diverso. Com’è stata l’esperienza di trasferire il tuo personaggio da FBI e inserirla in una nuova dinamica di squadra?

VanSanten: Ho guardato alcuni episodi [di Most Wanted] e ho visto che c’era molto più sangue e le persone o la persona che commette i crimini erano molto più intense. C’era più sangue, più parolacce. Non è strutturato allo stesso modo. È un po’ più improvvisato. Risolviamo le cose nel modo in cui devono essere risolte, anche se significa che non abbiamo indossato il nostro giubbotto tattico perché non avevamo tempo. Siamo élite, siamo addestrati. Sappiamo cosa stiamo facendo. Siamo sicuramente preparati. Questo è stato una sorpresa per me. Non ero completamente preparata su come sarebbero stati alcuni casi e quanto fossero coinvolti. Lo spettacolo ti mostra davvero la prospettiva delle persone che commettono i crimini, il che, sì, è uno spettacolo diverso [da FBI]. Ma uso comunque alcune delle abilità che aveva Nina, ho solo dovuto aggiungerne di nuove.

Chi è Nina in Most Wanted rispetto a Nina in FBI? Quali sono le differenze?

VanSanten: Non penso che abbiamo visto molta vulnerabilità da parte di Nina in Most Wanted. Penso che ci siano stati momenti perché è stata con la squadra di FBI per un po’, quindi abbiamo visto crepe nella sua corazza indurita. Ricordo di aver girato una scena con Zeeko [Zaki], che interpreta O.A., e di essermi collegata con lui riguardo all’PTSD. È stato solo un accenno, ma è stato qualcosa che ha mostrato: “So da dove vieni. Ci sono passata”.

Non penso che sia pronta a fare questo ancora con la squadra di Most Wanted. Si sente davvero ancora nel bisogno di dimostrare a queste persone che possono fidarsi di lei. Che sì, è una madre, ma può anche avere una carriera e può fare tutto. Può essere affidabile e ha le competenze. Questo è stato il suo focus più della sua vulnerabilità fino ad ora. Non vedo l’ora, come attrice, di scene in cui si possa esplorare di più questo lato, ma i fan delle serie sapranno cosa c’è sotto a tutto e chi è stata Nina con un’altra squadra di persone una volta entrata nella squadra di [Most Wanted].

Remy e Nina iniziano con un livello di tensione a causa delle preoccupazioni di lei per la partenza di Kristin. Cosa puoi dire sull’evoluzione della loro dinamica lavorativa nel tempo?

VanSanten: Amo la tensione! Amo una relazione complicata in cui devi comunicare ed guadagnare fiducia. Se pensi di mettere cinque o sei persone in una stanza – magari fanno tutti lo stesso lavoro, ma hanno vite diverse. Non sempre andranno d’accordo, non sempre saranno d’accordo. Ma è lì che si costruisce la fiducia, le relazioni crescono e capirsi a un livello più profondo è davvero importante. Mi impegno nei momenti in cui ci sono malintesi complicati o tensioni che due persone devono superare perché ti permette di vedere oltre la tua comprensione. Mi è piaciuto che abbiamo iniziato dove non tutto era rose e fiori. Questo è chi è Nina. Dice la sua verità. È rispettosa, ma è sempre onesta e questo può significare che a volte si scontra.

Most Wanted riconosce che Nina è una nuova mamma e che lei e Scola stanno bilanciando la vita da genitori che lavorano. Sarà un filo conduttore continuo per tutta la stagione? Nina affronterà ostacoli significativi riguardanti questa parte della sua vita?

VanSanten: Sì, certo. Vedremo sicuramente di più di Scola e Nina. So che gli sceneggiatori erano entusiasti di avere questi mini-crossover e di poter approfondire di più quella relazione. Il focus per Nina nella prima parte del suo lavoro con questa Task Force dei fuggitivi è davvero dimostrare loro che è capace. Torna a lavorare presto, ma non vuole davvero parlare del perché. Vuole presentarsi e fare il lavoro e basta. È sempre stata una donna molto determinata. Non penso che questo cambi solo perché è una mamma. Forse cambierà, non lo so. Non ho letto tutte le sceneggiature. Ma al momento, qualcosa che è ancora importante per lei è il suo scopo e la sua guida nel lavoro.

Quindi ti vedremo fare delle apparizioni anche in FBI e John in Most Wanted?

VanSanten: Forse ci saranno alcuni mini-crossover in futuro, ma dovete guardare entrambi gli spettacoli!

Cosa vuoi che i fan di FBI sappiano riguardo al tuo passaggio a Most Wanted?

VanSanten: Alcune delle cose che ho potuto fare in FBI di cui sono davvero orgogliosa sono state le scene con John, che interpreta Scola, perché erano reali e radicate. Ero davvero orgogliosa della storia di una donna che si prende un momento indietro di fronte a una gravidanza non pianificata e che riflette su quella scelta e quella decisione. Adoro poter raccontare storie oneste, complesse e reali e non vedo l’ora di esplorare i piccoli momenti della sua vita personale in cui vediamo dietro le quinte. Non è sempre questa donna tosta, esplicita, alfa, figa e vedremo i momenti in cui non è al massimo della forza. Vedremo cosa è reale, la sua vita non filtrata, e questi sono i momenti che non vedo l’ora di vivere in questa stagione.

C’è un episodio preferito che hai girato finora?

VanSanten: Non posso dirlo! So che ci sono alcuni episodi in arrivo che non vedo l’ora di vedere. E ci sono quelli che abbiamo girato e pensavo che sarei stata entusiasta, ma alla fine eravamo tutti estremamente esausti perché erano pazzi. Abbiamo girato in alcune location davvero epiche. Siamo a episodio 5 o 6 ora ed è già stato un turbine di emozioni ed intensità.

“Nina è molto diretta e vuole la verità, e penso che Remy sia molto simile in questo senso, e forse è per questo che si scontrano un po’”, spiega. “Non è qualcosa che deve diventare un dramma, ma è qualcosa che doveva essere affrontato anche se era scomodo”.

“Credo che sia una parte importante della loro relazione perché lei è il tipo di persona, a differenza di me, che non ha paura della confrontazione e non in modo irrispettoso, ma in modo che richiama il bisogno di verità o il bisogno di far sentire la sua voce o la sua opinione. Ma viceversa, ascolterà e capirà anche le voci e le opinioni degli altri, anche se non è qualcosa su cui è d’accordo. E penso che la sua sicurezza e determinazione possano essere interpretate in modo diverso da certi personaggi, ma il conflitto si trasforma sempre in storie molto interessanti di due persone che trovano rispetto e comprensione l’una per l’altra”.

L’episodio rivela anche, in una conversazione che Nina ha con Sheryll Barnes (Roxy Sternberg), che è tornata dal congedo di maternità una settimana prima. “Ero pronta a tornare al lavoro”, dice Nina. Ma c’è di più dietro a questa decisione, vero?

“C’è sempre di più”, ride VanSanten. “Non vedremo questo per un po’. Penso sia importante vedere la passione e la determinazione che Nina ha nel luogo di lavoro per capirla meglio e il lato di lei che accende la musica e canta, ‘Eccomi di nuovo da sola’ e va a lavorare, e questo è il suo focus per poi passare alla vita familiare un po’ più tardi”.

Per l’attrice, questa era una storia importante da esplorare e mostrare sullo schermo. “Non sono una madre, ma ho molte amiche che lo sono, e penso che questo mi permetta di conoscere e capire la loro verità e le loro storie e le loro difficoltà come madre. E penso che spesso assumiamo che sia, ‘Oh, mi sento così in colpa per tornare a lavorare, e cosa succede al mio bambino?’ Ma a volte, la verità è diversa, e le persone hanno paura di dirlo.

Hanno paura di dire, ‘Mamma, amo essere al lavoro, e mi piace davvero dedicarmi a questo. E, ovviamente, amo anche essere una mamma, ma è questo che mi riempie’. E così mi sento di avere questa opportunità – ed è qualcosa di cui ho parlato molto con il showrunner David [Hudgins] – di raccontare una storia diversa e di raccontare la storia di un gruppo di donne che mi hanno condiviso quanto amano il loro lavoro e quanto sia importante per loro. Molte volte non sentiamo questa storia, e quindi penso che sicuramente approfondiremo di più le lotte di Nina e cosa la riempie nei prossimi episodi”.

Continuate a seguirci per altre news sulle serie tv!

Desirèe

Fonte: Tv Line

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Fb Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here