FBI: Zeeko Zaki parla della “vulnerabilità” di OA come vittima

0
824
zeeko zaki fbi

Nell’episodio dell’11 ottobre di FBI, l’agente speciale Omar Adom “OA” Zidan (Zeeko Zaki) si trova dall’altra parte di un caso in quanto vittima di uno scippo una mattina prima del lavoro.

FBI: Zeeko Zaki sul ritorno di Missy Peregrym nella stagione 5
FBI: Zeeko Zaki parla della “vulnerabilità” di OA come vittima

“È la prima volta che vediamo OA invischiato in un evento comune e molto simile, atti di violenza casuali, e questo è il viaggio di qualcuno che si occupa di queste cose per lavoro”, racconta Zaki a TV Insider. “Deve fare i conti con il fatto di trovarsi per una volta da entrambe le parti di un caso, e il suo punteggio perfetto per quanto riguarda le sue condizioni dentro e fuori dal lavoro viene un po’ macchiato. C’è molto che ha a che fare con il suo ego, la sua vulnerabilità e questo genere di cose”.

Ma nell’episodio 4 della quinta stagione, giustamente intitolato “Vittima”, OA ha ancora un caso – una serie di brutali aggressioni – su cui lavorare con la squadra. “È questa la parte emozionante dell’episodio: l’equilibrio tra la vita personale e quella lavorativa di un agente. Quando il tuo lavoro ha a che fare con la vita e la morte, diventa davvero difficile giustificare e trovare un posto per le tue cose personali”, dice Zaki.

“Penso che OA sia molto veloce a compartimentare e a gestire queste cose personali in modo da non interferire con il suo lavoro, cosa che tutti speriamo di fare nella nostra vita reale, credo, o almeno [io]”, continua. “Sono davvero entusiasta di poterlo fare sullo schermo, perché le nostre vite personali non sono qualcosa che viene dato in pasto al pubblico”.

Ma mentre l’FBI lavora a questo caso, è il detective Chavez (Carlos Gomez) della polizia di New York a lavorare con OA e a cercare di rintracciare gli autori dell’attacco.

Tuttavia, l’agente dell’FBI non è esattamente collaborativo come il detective sperava. Ma questo dipende da chi è OA come persona o dal fatto che è dell’FBI, il che influisce su come si sente riguardo a ciò che è successo?

Secondo Zaki, si tratta della seconda ipotesi. “Potrebbe essere un perfezionista quando si tratta del suo lavoro”, spiega. Ha questa “capacità di analizzare eccessivamente la situazione e di giudicare se può aiutare o meno”. In questa situazione, finisce per “arrivare a non poter essere d’aiuto in questa situazione, e a non onorare il processo corretto che spera che le persone con cui ha a che fare passino attraverso. È un po’ come se ci fossero due esperti in una stanza e uno fosse testardo per l’imbarazzo. È stato un viaggio divertente”.

Se Maggie fosse stata nei paraggi, OA si sarebbe aperto con lei?

“È una buona domanda. Penso che se fosse in giro dopo quello che è successo, forse ci sarebbe ancora un po’ di esitazione a causa della sua protezione e non voler sembrare debole. Penso che forse potrebbe anche nasconderlo un po’ di più perché sta cercando di essere il suo protettore e questo è il posto e il viaggio in cui sono ora.”

Continuate a seguirci per altre news!

Aurora

Fonte: ET

Non dimenticate di mettere mi piace alla nostra pagina Facebook, Instagram e Twitter, Survived The Shows / @survivedtheshows / @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here