Primo sguardo a Fear The Walking Dead 8, la stagione finale!

0
1190

Fear The Walking Dead tornerà per un’ultima stagione: gli showrunner Ian Goldberg e Andrew Chambliss anticipano grandi cambiamenti in arrivo nella stagione 8, in uscita il 14 Maggio!

Il canto del cigno di 12 episodi andrà in onda in due metà: Il primo gruppo di sei episodi inizierà domenica 14 maggio alle 21.00, mentre le sei puntate finali andranno in onda nel corso dell’anno.

“L’Universo di The Walking Dead vive!” ha dichiarato Scott M. Gimple, Chief Content Officer di TWDU, in un comunicato. “Per concludere Fear the Walking Dead, siamo entusiasti di portarvi una delle sue stagioni più vibranti, inventive ed eccitanti di sempre, mentre apriamo nuovi orizzonti con i vecchi personaggi preferiti”: Maggie e Negan nel manicomio di una Manhattan post-apocalittica, con nessuno da cui dipendere se non l’uno dall’altro… Daryl Dixon in Francia, un solitario che non può muoversi da solo in questo nuovo mondo pericoloso, affrontando nemici feroci e minacce mai viste di non morti. E Rick e Michonne, in una saga romantica del pericoloso cammino verso l’altro e della strada che devono trovare l’uno con l’altra, messi alle strette da una nuova civiltà e da orde di morti”.

Sinossi del primo episodio “Remember What They Took From You”

Dopo essere andate sotto copertura alla PADRE, Morgan e Madison si ritrovano di nuovo in contrasto per cercare di fare ciò che è meglio per Mo, mentre lottano per accettare le loro nuove vite sotto l’occhio vigile della PADRE.

L’ultimo arco della serie, che vede il recente ritorno della OG Kim Dickens nei panni della “defunta” Madison, prevede un flash forward di sette (!) anni. In altre parole, il piccolo Mo non sarà più un bambino. Ma questa è solo la punta dell’iceberg.

Secondo la logline ufficiale della stagione finale di Fear, i nuovi episodi riprendono “dopo la conclusione della stagione 7, quando le speranze di Morgan (Lennie James) e Madison (Kim Dickens) di salvare Mo da PADRE non sono andate come previsto. Ora Morgan, Madison e gli altri che hanno portato sull’isola vivono sotto il cinico dominio di PADRE. Con i nostri personaggi demoralizzati e scoraggiati, il compito di riaccendere la fiducia in un mondo migliore spetta alla persona che Morgan e Madison avevano deciso di salvare: Mo, la figlia di Morgan”.

Mentre Alycia Debnam-Carey ha annunciato la sua partenza dalla serie dopo la settima stagione nel penultimo episodio, che sembrava mostrare Alicia guarita dalla febbre che l’aveva afflitta dopo essere stata morsa da uno zombie, sua madre sullo schermo Madison, interpretata da Kim Dickens, ha fatto il suo ritorno tanto atteso nel finale di stagione. Ma il ritorno di Madison non è l’unico cambiamento che i fan vedranno nell’ottava stagione!

Il ritorno di Madison è legato all’addio di Alicia

Sono sicuramente collegati tra loro. E penso che come vediamo nel finale, Madison è alle prese con tutte le cose che ha fatto per cercare di arrivare ai suoi figli solo per scoprire che essere riuniti con loro nel caso di Nick è impossibile. E per quanto lei e Morgan credano, nel caso di Alicia, molto improbabile”, ha detto Chambliss.

“Una grande parte della sua storia sarà affrontare quella notizia. Detto questo, questo non significa necessariamente che Madison rinuncerà alla speranza su Alicia, e come dice Madison stessa, “Nessuno è andato fino a quando non sono andati.” Quindi la storia di Madison, dove va e se perseguirà o meno Alicia, è tutta una storia futura.”

Gli showrunner anticipano che scopriremo di più su Madison, su come è sopravvissuta e su chi è diventata negli ultimi anni.

Come reagirà Strand, data la loro forte amicizia prima che Madison fosse presunta morta?

Goldberg ha detto: “Beh, voglio dire, l’hai detto. C’era una forte amicizia tra i due. Penso che sarà una bella notizia sismica per lui. L’altra cosa è che Strand ha molto da recuperare dopo la persona che è diventato nella stagione 7. E così fa Madison, in termini di quello che ha detto a Morgan che sta facendo da qualche tempo. Quindi potrebbe esserci una connessione tra Strand e Madison su quel fronte. Ma ancora una volta, non vogliamo rovinare dove sta andando, ma sarà grande quando verranno faccia a faccia di nuovo.”

Una piccola anteprima della stagione 8 di Fear The Walking Dead

“Penso che una cosa che va di pari passo con la produzione dello spettacolo è che siamo stati per le ultime quattro stagioni in Texas e stiamo andando a spostare lo spettacolo a Savannah, Georgia, che è in acqua. E finiamo la stagione con Morgan e Madison che vanno su una barca. Quindi penso che sia giusto dire che la stagione 8 avrà un ambiente molto diverso da quello che abbiamo visto prima. E sarà, in molti modi, centrato intorno all’acqua,” Chambliss anticipa.

Goldberg dice: “Nella stagione 7 episodio 16, Madison è in una stanza a specchio parlando con qualcuno dall’altra parte di uno specchio. Scopriremo chi è quella persona dall’altra parte dello specchio. E l’altra cosa che potrei dire in concomitanza con il trasferirci a Savannah, parliamo sempre di reinventarci ogni stagione. Questa sarà una delle più grandi reinventazioni che abbiamo fatto. Presenteremo P.A.D.R.E., e lo vedremo per quello che è, rimuovendo la posizione. Ma le circostanze in cui troviamo i personaggi sono, speriamo, molto sorprendenti per tutti. È un grande cambiamento.”

Lennie James di ‘Fear the Walking Dead’: Morgan è “la somma delle sue scelte” nella stagione 8

Dopo aver combattuto contro testate nucleari, un insediamento idilliaco con un leader corrotto, un culto, alcuni avvoltoi e una quantità non indifferente di walker, il viaggio iniziato a King County per Morgan Jones (Lennie James) potrebbe giungere al termine negli ultimi 12 episodi di Fear the Walking Dead. A quanto pare, in base al trailer della stagione 8, il percorso del sopravvissuto dal cuore gentile potrebbe portarlo fuori dal Texas e tornare in Georgia. Perché? Quando? Come?

TV Insider ha parlato con Lennie James della sorprendente rivelazione del trailer “Morgan va a casa”, dell’imminente salto temporale di sette anni di Fear e dello stato mentale a volte tumultuoso del suo personaggio mentre il gruppo affronta un altro nemico, il misterioso PADRE.

Lei fa parte dell’universo di Walking Dead, in un modo o nell’altro, da molto tempo. Come si sente quando Fear sta per concludersi?

Lennie James: Mi sento bene, in realtà. Sento che, come dici tu, è passato molto tempo e tutte le cose belle devono finire. Penso che il modo in cui lo stiamo portando a termine sia una testimonianza del lavoro che abbiamo fatto finora.

Cosa puoi dire dello stato mentale di Morgan in questa stagione? È stato un po’ dappertutto, con le uccisioni, con le non uccisioni, a che punto è in questi ultimi 12 episodi?

È stranamente ottimista. Stranamente – o non così stranamente – pessimista. Ma guarda avanti. Anche se ci sono echi e ricordi del suo passato che cercano di farlo inciampare, almeno nel suo cuore sta cercando di guardare avanti. Penso che, nel corso degli anni, suppongo sia solo un modo conveniente di esprimerlo, ma nel corso degli anni Morgan è stato diviso in “Morgan che uccide” e “Morgan che non uccide”. È una stenografia per qualcosa che ritengo molto più complicato e ricco di sfumature. Che uccida o non uccida, è un simbolo della vita che stiamo vivendo in un determinato momento dell’universo di Walking Dead.

Quando sceglie la via del guerriero pacifico, come la chiamo io, lo fa perché ha spazio e tempo per pensare non solo a come sopravvivere, ma anche a come vivere. Quando torna a essere disposto a togliere la vita agli altri, è quasi sempre perché non gli è stata data scelta. Il più delle volte non è per sua scelta. È una circostanza. È per proteggere le persone che ama. È costretto a prendere una decisione, e questa è la decisione che ha preso.

Anche “Clear” Morgan, tempo fa, era una versione di altruismo nella sua mente. Sentiva di “doverlo fare”. È davvero interessante.

Sì, sì! È sempre stato guidato dalle circostanze. È stato il suo modo di affrontare la perdita definitiva della sua famiglia. Aveva già perso il mondo, e poi ha perso il suo mondo particolare. È riuscito a porre fine alla vita della moglie, ma solo dopo che la moglie aveva posto fine alla vita del figlio.

È anche interessante che tu abbia parlato di echi del passato di Morgan, perché nei trailer abbiamo visto alcuni muri dipinti in uno stile che posso solo descrivere come “Clear”, e vediamo Morgan tornare a King County. Cosa ci può anticipare a riguardo? Sono certo che sia molto eccitante per i fan.

Sono rimasto molto sorpreso che l’abbiano inserito nel trailer! Pensavo che fosse una cosa di cui non avrei potuto parlare perché nessuno l’avrebbe saputo finché non fosse successo. Anche in questo caso, non c’è molto da dire al riguardo. Qualcuno lo capirà sicuramente, ma la maggior parte delle persone probabilmente non capirà come e perché sta arrivando, e a cosa servirà. Non ha senso andarci se non offre qualcosa a Morgan adesso. Non è solo una passeggiata sul viale dei ricordi. L’importante è il perché. Perché è lì, e non necessariamente come ci finisce.

Gli showrunner hanno confermato che nell’ultima stagione ci sarà un salto temporale di sette anni. Di cosa siete in grado di parlare? Cosa puoi dire di chi è Morgan dopo sette anni?

È interessante, perché non si tratta solo di chi è Morgan dopo sette anni, ma di chi è stato Morgan durante questi sette anni. Anche se non vediamo necessariamente quei sette anni, chi è stato e quindi chi è quando lo rivedremo per la prima volta nell’ottava stagione, è fondamentale per il suo viaggio in quella stagione finale. Morgan lo evidenzia: è la somma delle sue scelte. Morgan, in questi sette anni, ha fatto alcune scelte fondamentali che si ritorceranno contro di lui in questa stagione.

Dietro le mura di P.A.D.R.E.

A proposito di problemi con il padre. Quando inizia l’ottava e ultima stagione di Fear the Walking Dead, sono passati sette anni e il sopravvissuto Morgan Jones (Lennie James) ha continuato a cercare di fare del bene alla figlia adottiva, Mo.

Ma l’organizzazione di ladri di bambini P.A.D.R.E. la tiene ancora con sé ed è più forte che mai mentre costruisce una comunità di giovani pericolosi. Morgan è spinto “a prendere in considerazione azioni che non avrebbe mai pensato di dover affrontare di nuovo”, dice il co-showrunner Andrew Chambliss.

Questo, naturalmente, significa infiltrarsi nella P.A.D.R.E., un luogo di cui abbiamo sentito parlare a lungo, ma che non abbiamo visto molto fino a questo punto della serie.

“Il P.A.D.R.E. occupa un posto unico nel TWDU, non solo perché la sua posizione e le sue difese lo rendono un luogo estremamente sicuro in cui vivere, ma anche per il modo in cui è organizzato”, spiega Chambliss. “P.A.D.R.E. non si occupa solo di sopravvivenza; si tratta di ridefinire il modo in cui tutti vivono all’interno della sua comunità, nel tentativo di costruire una società immune da ciò che ha portato alla rovina di tanti altri insediamenti: legami personali, egoismo e scelte basate sulle emozioni anziché sulla ragione.”

“Non è un caso che, come abbiamo appreso nel finale della stagione 7, P.A.D.R.E. sembra costruire i suoi ranghi rapendo i bambini ai loro genitori”, continua. “La P.A.D.R.E. vuole cittadini che non sono abbastanza grandi da ricordare le vecchie abitudini, perché quei bambini saranno quelli che abbracceranno con tutto il cuore un nuovo modo di vivere. Un modo che assicurerà la sopravvivenza dell’umanità”.

Mentre l’inquietante comunità di bambini soldato cresce, Morgan deve fare i conti anche con una vecchia amica che pensa di sapere cosa sia meglio (e probabilmente lo sa, no?). Quando si incontrano di nuovo nell’episodio di apertura, scopriamo subito che Madison Clark (Kim Dickens, di nuovo regular della serie) è in forte disaccordo con le scelte fatte da Morgan negli ultimi sette anni. La baby-navigatrice riformata è pronta a sfidare la P.A.D.R.E. Ma è troppo tardi?

Dice il co-showrunner Ian Goldberg: “La domanda sarà se aiutare Morgan assolverà Madison da tutti i peccati del suo passato, o se lei è davvero al di là della redenzione. Questo è il fulcro della storia di Madison mentre ci avviamo verso l’ottava stagione”.

Scopriremo anche cosa è successo a tutti gli altri che sono rimasti bloccati sulle zattere quando la P.A.D.R.E è arrivata – sapete, la famiglia che Morgan ha venduto al minaccioso gruppo ormai sette anni fa per aiutare Mo.

“Il nostro secondo episodio si concentrerà su June [Jenna Elfman], e siamo molto entusiasti della sua storia in questa stagione”, spiega Goldberg. “Vedrete un lato completamente nuovo di lei, forse il più oscuro che abbiamo mai visto in June. E la sua storia ci permetterà anche di sbirciare dietro il sipario del funzionamento interno della P.A.D.R.E. in un modo che mostra quanto formidabile e spaventoso sia questo insediamento – e i suoi leader -“.

Continuate a seguirci per approfondire sempre di più le vite del mondo di The Walking Dead e del suo cast!

Chiara

Fonte: EW / TV Line / TV Insider

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here