Primo sguardo a Stalker, nuovo horror con Sophie Skelton! – VIDEO

0
496

Digital Spy ha ottenuto in esclusiva il primo trailer di Stalker, il nuovo film horror della star di Outlander Sophie Skelton, presentato in anteprima mondiale al FrightFest lo scorso agosto.

Primo sguardo a Stalker, il nuovo film horror con Sophie Skelton! – VIDEO

Sinossi

L’horror d’atmosfera segue Rose Hepburn (Sophie Skelton), una giovane attrice che è tornata nel suo hotel vuoto durante una notte di pioggia e tempesta. Quando utilizza un vecchio montacarichi per raggiungere la sua stanza, questo si blocca al 12° piano, lasciandola intrappolata con un insolito sconosciuto. Rose non ha segnale telefonico in mezzo alla tempesta e la tensione aumenta ulteriormente quando scopre che l’uomo misterioso con cui è bloccata è il cameraman Daniel Reed (interpretato dal vincitore del BAFTA Stuart Brennan), che sembra essere ossessionato da lei.

Sophie Skelton parla dei suoi ruoli di donne forti in Stalker e Outlander

In una chiacchierata esclusiva con HELLO!, Sophie Skelton ha parlato di come il suo ruolo in Outlander l’abbia aiutata a scavare nel trauma del suo personaggio, nonché di come abbia ribaltato la narrazione sulle donne nell’horror e cosa spera che il pubblico possa trarre dal film…

Cosa ti ha attratta di questo ruolo? Cosa hai pensato della sceneggiatura quando l’hai letta per la prima volta?

SOPHIE SKELTON: È stato uno di quei copioni che mi sono stati portati e di cui ho pensato che non si vede il finale – io non l’ho visto, comunque. Mi è piaciuto molto il modo in cui era scritto, sembrava fluire in modo così naturale, ed era uno di quei lavori in cui sai che non dovrai lottare per far funzionare la sceneggiatura. È più che altro che il copione parla da solo e tu puoi semplicemente entrare e fare il tuo lavoro.

Mi piace anche il fatto che, trattandosi di un film a due mani, è stato quasi come fare un’opera teatrale che abbiamo filmato, il che è stato stimolante. Sapevo che sarebbe stata una grande sfida e sapevo che avevamo solo due settimane per girarlo, e che c’erano molti dialoghi da portare a termine, quindi credo che sia stato merito di entrambe le cose: l’idea che la sceneggiatura fosse un film a due voci e anche la sfida della programmazione. Affidarsi a due persone per un’intera ora e mezza per far funzionare un film è un’impresa non da poco. Quindi credo che fossi pronto per qualcosa di completamente diverso e di veramente impegnativo!

Senza svelare troppo, il film fa davvero qualcosa di inaspettato, capovolgendo il copione e andando in una direzione che il pubblico non si aspetterebbe…

SS: Assolutamente sì, soprattutto se si pensa che la narrazione sarà piuttosto lineare, perché c’è questa ragazza dall’aria innocente di nome Rose, vestita in modo del tutto innocente, e si pensa che sarà una storia dell’orrore con un finale piuttosto prevedibile… e una delle cose belle del film è il modo in cui abbiamo cambiato le cose.

A volte, quando si guarda un film in cui c’è un colpo di scena così grande, si ha la sensazione di non riuscire a guardarlo di nuovo perché si dice: “Ok, beh, il finale è in un certo senso rovinato” e non si investe di nuovo in un film nello stesso modo in cui lo si è fatto la prima volta, mentre con questo è quasi come quando si arriva alla fine di un libro e si arriva alla fine e si dice: “Aspetta un attimo, fammi leggere di nuovo perché ho la sensazione di essermi perso questo easter egg o indizio!”.

Di recente si è parlato di film horror incentrati su personaggi femminili ed esperienze femminili, ma diretti e scritti da uomini e dei limiti che ciò potrebbe comportare. In qualità di protagonista del film, qual è la tua opinione in merito?

SS: In questo film c’era un team maschile piuttosto importante, in quanto lo sceneggiatore era un uomo, il regista era un uomo, il direttore della fotografia era un uomo e anche i produttori erano uomini, ma una cosa che in un certo senso è stata positiva è che, poiché tutte queste discussioni sono state portate alla luce, mi ha dato un po’ più di voce.

A rischio di sembrare troppo precipitoso, quando si ha un team interamente femminile, le persone fanno affidamento solo su questo per far passare il messaggio [piuttosto che sul contenuto del film]. Ma il bello è che gli uomini che hanno lavorato al film ne erano consapevoli. È stato meraviglioso lavorarci, e io e Stuart abbiamo lavorato duramente affinché non cadesse nella trappola di incasellare le donne in un certo stereotipo, la categoria della “damigella in pericolo”. Credo di essere stata fortunata perché si trattava di un team davvero fantastico che, al netto dell’aspetto di genere, voleva assicurarsi che il messaggio fosse trasmesso nel modo giusto.

Essendo una delle uniche donne sul set, ti sei trovata a condividere intuizioni e contribuire?

SS: Sì, e dato che Rose è un’attrice, c’erano cose che mi stavano molto a cuore, cose che ho vissuto o che ho avuto situazioni o incontri simili che, in modo strano, non avrei confidato a qualcuno così rapidamente, ma di cui ho parlato con Stuart durante le battute.

Grazie a questa intensità, la cosa più bella è che il cast e la troupe si sono avvicinati molto rapidamente e soprattutto io e Stuart, lavorando a stretto contatto, abbiamo imparato a conoscerci a livello personale. E credo che siamo riusciti a far confluire queste cose nella sceneggiatura e a sfruttarle a nostro vantaggio.

Lavorare in Outlander ti ha preparata per Stalker? Il tuo personaggio, Brianna, ha avuto alcune scene e trame piuttosto strazianti nella serie, quasi al limite dell’horror.

SS: È stato sicuramente così. Outlander, per molti versi, è molto intenso. Giriamo in condizioni davvero difficili e tutti noi ci facciamo forza e credo che le situazioni difficili che affrontiamo [come attori] aggiungano davvero ricchezza alla serie. E quell’intensità è stata una delle cose che spero di essere riuscito a trascendere in Stalker e a usarla per il meglio.

Le scene di Brianna nella quarta e nella quinta stagione e quello che ha dovuto affrontare, sono state sicuramente trasmesse a Rose. Mi sono persino immedesimato nella mentalità di Brianna e l’ho usata per spiegare come si sente Rose. È stato davvero interessante poter dare il punto di vista dell’attore, è stato quasi come interpretare Rose, interpretando Brianna! Quindi quello che si vede è quasi il punto di vista di Rose sul trauma di Brianna, in un modo davvero strano.

Interpretare Rose in Stalker mi ha dato uno spazio completamente opposto rispetto. Lei può esplorare ciò che prova davvero con le parole in un modo che a Brianna non è mai permesso o non vuole mai fare. Quindi è un modo molto bello di combinare le due cose e di vedere lati completamente diversi dell’esperienza.

Foto promozionali

Continuate a seguirci per altre novità su Outlander ed il suo cast!

Chiara

Fonte: Digital Spy

Non dimenticate di mettere mi piace alla nostra pagina Facebook, Instagram e Twitter, Survived The Shows / @survivedtheshows / @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here