The Gilded Age: Morgan Spector sulla prossima rivalità tra George e Richard!

0
47

George Russell (Morgan Spector) è protagonista del momento culminante dello sciopero dei lavoratori nel sesto episodio di The Gilded Age 2. Le tensioni raggiungono un punto critico quando Henderson (Darren Goldstein), il leader del sindacato. Ha rischiato di essere ucciso mentre cercava di impedire ai crumiri di attraversare il loro picchetto. All’ultimo momento, George ha impedito alla polizia di compiere qualsiasi spargimento di sangue, una mossa che ha lasciato il suo braccio destro, Richard Clay (Patrick Page), furioso.

[Attenzione: Quanto segue contiene GROSSI spoiler per l’episodio 6 della seconda stagione di The Gilded Age].

The Gilded Age: Morgan Spector sulla prossima rivalità tra George e Richard!

Morgan Spector ha dichiarato a TV Insider che, sebbene il sindacato abbia vinto questa battaglia, ci sarà molto di più in una potenziale terza stagione. E la decisione umana di George nell’episodio 6 potrebbe causare uno scontro irreparabile tra lui e Richard, simile a quello tra un barone rapinatore della vita reale e il suo numero due della stessa epoca.

“Ovviamente questi problemi [sindacali] non andranno da nessuna parte, ma mi aspetto che probabilmente ci prenderemo almeno una stagione di pausa” dall’argomento sciopero, dice Morgan Spector. “Questo dipende totalmente da Julian [Fellowes, creatore e sceneggiatore della serie], ma credo che ci sia un conflitto potenzialmente in atto tra me e Patrick Page. [Richard Clay è molto più incline al sangue e all’acciaio quando si tratta di affrontare queste questioni, e credo che George ritenga che ci sia un modo più elegante, una sorta di finezza, per farlo”.

La decisione di George è più clemente di quanto ci si aspetterebbe da un personaggio basato sul famigerato sindacalista Jay Gould. Ma il conflitto per lo sciopero, in particolare, è ispirato a un altro magnate dell’acciaio dell’epoca.

“C’è stato un conflitto simile, che potrebbe essere applicato a noi, tra Carnegie Andrew Carnegie e [Henry Clay] Frick”, osserva Spector, “che all’inizio era una sorta di suo braccio destro, e poi Frick si è staccato. Hanno avuto una faida, ma a un certo punto credo che Frick, per conto di Carnegie, abbia ordinato ai suoi uomini di sparare sui loro operai. Carnegie disse: “Sono fuori dal paese, non avevo idea di quello che stava succedendo! Le mie mani sono pulite”. Ma probabilmente lo sapeva. La questione dei sindacati non è destinata a scomparire [per George e Richard], ma la domanda su come affrontarla, come gestirla e chi sono i tuoi alleati in questa battaglia? Potrebbe essere una ricca fonte di dramma per la prossima stagione”.

La decisione di George di annullare l’attacco ai lavoratori in sciopero è stata il risultato del rispetto che ha sviluppato per Henderson dopo aver trascorso del tempo con la sua famiglia.

I figli degli Henderson non frequentavano la scuola perché l’intera economia della loro città dipendeva dagli uomini e dai ragazzi che lavoravano alla ferrovia Russell. Visitando la loro casa, George si rese conto che forse non c’era nemmeno una scuola nella zona. Quando Henderson si fece scudo del figlio maggiore mentre i fucili venivano alzati contro di loro durante il picchetto, George arrivò al punto di rottura.

Anche Peggy Scott (Denée Benton) ha affrontato un pericolo letale nell’episodio 5, quando una folla inferocita di uomini bianchi mirava a uccidere lei e T. Thomas Fortune (Sullivan Jones) in Alabama.

Citando questo episodio e la trama dello sciopero nell’episodio 6, Spector afferma che non avrebbe avuto senso che The Gilded Age presentasse improvvisamente una violenza così intensa.

“In un certo senso [annullare l’attacco] è solo una questione pratica per uno show come questo”, spiega. “Questo non è uno show sulla mafia. È un programma di tipo diverso. Non so se c’è spazio per il mio personaggio per diventare qualcuno che falcia decine di lavoratori. Detto questo, a livello caratteriale, il punto di forza di George è che, grazie a Henderson e alla sua famiglia, si rende conto che non c’è una grande distinzione tra lui e uno di questi lavoratori. Entrambi stanno facendo tutto il possibile per provvedere alle loro famiglie. E ciò che li motiva è il benessere dei loro figli e del loro partner”.

“Può essere ridicolo pensare che George non ci abbia mai pensato prima. Ma penso che quello che vediamo in questa stagione è che per la prima volta arriva a capire che, oh sì, i lavoratori sono persone”, aggiunge.

Dopo aver piantato i semi di una rivalità tra George e Richard, George può scegliere se impuntarsi e continuare a essere un barone rapinatore oppressivo, oppure evolversi in meglio. Spector non vede quest’ultima possibilità.

“Non credo che possa davvero evolversi”, ammette. “Sospetto che continuerà sulla strada che sta percorrendo, ovvero sfruttare il razzismo e l’odio verso gli immigrati per cercare di minare la solidarietà sindacale. Questo è il percorso che ci ha portato fino ai giorni nostri, come se fosse il modo per dividere la classe operaia lungo linee etniche e religiose e impedirle di diventare una coalizione abbastanza potente da prendere il potere. Credo che questa diventi la strategia di George, che per certi versi è più brutta e meno onorevole del semplice sparare alla gente”.

The Gilded Age: Morgan Spector sulla prossima rivalità tra George e Richard!
Spector dice di aver visto gli spettatori affermare che The Gilded Age non dovrebbe trattare argomenti pesanti perché è una serie felicemente a basso costo, ma dice che “sarebbe una bugia” non incorporare queste lotte reali che stavano accadendo nell’America del 1883.

“Ho visto una sorta di critica che dice che sono due serie diverse o che questa serie non può includere tutte queste cose. E lo capisco, ma penso anche che la giustapposizione di queste cose sia davvero meravigliosa, in un certo senso sovversiva”, spiega. “Quando si vede Peggy che si nasconde in un fienile temendo per la sua vita. Oppure si vede Henderson che si prepara a essere abbattuto dalla Guardia Nazionale, o da chiunque sia. E poi si vedono queste donne e questi uomini in questi salotti che si preoccupano della zuppa e di chi verrà alla prossima festa, c’è un punto di riferimento”.

“Sì, possiamo dire che si tratta di una posta in gioco bassa per una persona normale. Ma per quelle persone erano una posta in gioco molto alta. Perché questo è il livello del loro privilegio, il livello della loro ricchezza. È la misura in cui sono isolati dalle preoccupazioni di vita e di morte grazie ai loro soldi e al loro potere”, prosegue Spector. “Penso che questo sia uno show che tratta questioni come questa con molta delicatezza, certamente con molta delicatezza. Ma credo che ci sia un senso di ironia”.

Ignorare questa realtà del periodo sarebbe “uno spreco di potenziale drammatico”, aggiunge. “Sarebbe strano distogliere l’attenzione da qualcosa di così fondamentale per ciò che una persona come [George Russell] avrebbe dovuto affrontare nella sua attività”.

Al di fuori della sfera dei Russell, l’episodio 6 della seconda stagione di The Gilded Age ha rappresentato un importante punto di svolta per le famiglie Van Rhijn/Forte.

Marian (Louisa Jacobson) ha accettato con riluttanza la proposta di matrimonio di Dashiell (David Furr) quando lui si è inginocchiato durante una festa in giardino. (TV Insider era sul set quando è stata girata la scena. Scopri i dettagli del dietro le quinte di quella visita sul set qui). A questo punto Ada (Cynthia Nixon) e Luke (Robert Sean Leonard) sono tornati dalla luna di miele. Ma la loro felicità coniugale è stata rovinata quando Luke ha scoperto che quello che credeva essere un mal di schiena era in realtà un segno di un cancro che si stava diffondendo.

Restano solo due episodi della seconda stagione di The Gilded Age. Marian finirà per amare Dashiell? L’amore tanto atteso di Ada sopravviverà? Per lo meno, Agnes van Rhijn (Christine Baranski) è ora premurosa con la sorella nel momento del bisogno.

Continuate a seguirci per altre novità su film e serie tv!

Chiara

Fonte: TV Insider

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here