Tutto ciò che sappiamo sullo spinoff di The Walking Dead “Daryl Dixon”! – VIDEO

0
2290
Tutto ciò che sappiamo sullo spinoff di The Walking Dead

Quando il 9 settembre 2020 è stato rivelato per la prima volta che The Walking Dead stava per finire e che ci sarebbe stata una nuova serie, è stato annunciato che si trattava di uno spinoff su Daryl Dixon e Carol con protagonisti sia Norman Reedus che Melissa McBride. Qualche tempo dopo, Melissa McBride non sarà più coinvolta nello spinoff della serie incentrato su Daryl e Carol. La nuova serie si concentrerà invece su Daryl, e avrà il titolo Daryl Dixon e debutterà domenica 10 settembre. Diamo un’occhiata a tutto quello che sappiamo finora!

https://www.youtube.com/watch?v=kt96dkHpIYk&pp=ygULZGFyeWwgZGl4b24%3D

FIRST TEASER

SECONDO TEASER

TERZO TEASER

QUARTO TEASER

The Walking Dead: Daryl Dixon 1×01 L’ame perdue – Sinossi

Dopo la sua partenza dal Commonwealth, Daryl Dixon approda in Francia, suscitando le ire di un movimento autocratico frammentato ma in crescita, con sede a Parigi, e mettendo in pericolo un giovane ragazzo al centro di un movimento religioso benevolo.

Reedus ha parlato con EW di come è finito qui e di cosa ne pensa il suo personaggio di questo nuovo e strano ambiente.

“Il suo viaggio è stato lungo”, dice l’attore. “Più lungo e anche più difficile e strano di quanto si possa pensare. Era così vicino a ottenere ciò che voleva e a raggiungere il luogo in cui voleva essere. E, naturalmente, nelle regole di Walking Dead, gli è stato strappato via. Per Daryl, avresti potuto farlo cadere sulla luna. Questo mondo ora è più grande, più profondo e altrettanto pesante, se non di più”.

“È una sorta di reset per me”, ha detto Reedus della sua serie incentrata su Daryl Dixon, The Walking Dead: Daryl Dixon, la cui première è prevista per giugno. “Tutto respira in modo romantico. Abbiamo lo sfondo della Francia, le catacombe e la Torre Eiffel. … L’intera atmosfera è diversa”.

Reedus ha poi spiegato che l’intero aspetto e il tono del prossimo show si discostano dal suo predecessore, soffermandosi sulla bellezza delle sue dimensioni e della sua portata.

“Gran parte della storia è costituita da me che cerco di capire cosa sta succedendo e come uscire da qui”, ha continuato. “Ci sono molte cose in ballo, ma è super poetico, è super bello. Non è affatto una ripetizione dello stesso show”.

Reedus, che è anche produttore del progetto, sta assaporando l’opportunità di esercitare nuovi muscoli creativi continuando a sviluppare il suo amato personaggio.

Quando mi hanno contattato per uno spin-off ho pensato: “Non so se riuscirei a fare 14 anni della stessa serie”, anche se adoro quella serie, ma mi hanno permesso di fare una svolta a destra e di andare in una direzione diversa”, ha ammesso. “Ho potuto fare quello che volevo fare nel modo in cui volevo farlo con le persone coinvolte”.

Norman Reedus dice che “stiamo facendo arte” con The Walking Dead: Daryl Dixon

Il prossimo spin-off del franchise di The Walking Dead non si limiterà a continuare le avventure di Daryl Dixon. Beh, voglio dire… in un certo senso lo è. Dopo tutto, seguirà le gesta di un certo Daryl Dixon. E, a dire il vero, il nome della serie è The Walking Dead: Daryl Dixon. Ma se vi aspettate che la serie – che debutterà il 10 settembre su AMC – sia sempre la stessa per il soldato dalla voce dolce, vi sbaglierete di grosso.

“Stiamo facendo arte”, dice l’uomo che interpreta Dixon da 13 anni e più, Norman Reedus. L’attore ha parlato con EW prima dell’attuale sciopero della SAG-AFTRA e ha sottolineato ciò che vede come una vita completamente nuova (tra i morti). E tutti gli schemi prevedibili che si erano formati nel corso delle 12 stagioni originali di Walking Dead sono stati spazzati via come il settore immobiliare del Commonwealth.

“Penso che, facendo una serie lunga come The Walking Dead per così tanti anni, che tu lo sappia o no, cadi in un ritmo di ripetizione delle cose che funzionano”, dice Reedus. “Mi sono ritrovato a ripetere alcune delle stesse battute e a fare tutti gli altri tipi di storyline che avevamo fatto prima, magari con un altro personaggio o altro. Ora non stiamo seguendo nulla”.

Reedus trova una certa libertà nel non essere più il protagonista del più grande show televisivo.

Con meno pressioni, lui e gli altri produttori esecutivi di Daryl Dixon sono in grado di raccontare una storia molto più intima su un uomo che sbarca in un altro Paese e deve combattere il duplice impulso di voler tornare a casa e di voler aiutare chi ne ha immediatamente bisogno.

“Mi sento come se non stessimo facendo numeri la domenica sera. Stiamo facendo arte e c’è un dialogo commovente”, dice Reedus. “È un animale diverso ed è bellissimo, toccante e sorprendente da guardare, ascoltare, guardare e sentire”.

Sebbene Reedus abbia solo ricordi positivi quando si parla del suo periodo in The Walking Dead, è anche chiaro che l’attore era pronto a spiegare le sue ali e a provare qualcosa di nuovo con il personaggio che non poteva essere realizzato con un enorme cast d’insieme.

“Facevo parte di una macchina gigantesca che era fantastica”, dice. “Con questo, c’è qualcosa di veramente personale per me in quello che stiamo facendo, e mi sembra così giusto. Abbiamo tutti gli elementi di The Walking Dead che la gente ama. Ci sono lacrime e urla ed è pieno di tutte le cose che aveva la serie originale, soprattutto i primi anni di The Walking Dead, ma è anche unico e parlerà da solo”.

È una buona cosa, perché a Reedus non piace parlare della serie. Preferisce lasciare che sia il lavoro a parlare. “Odio parlarne perché non riesco a rendergli giustizia”, dice la star. “È come un buon cappuccino, ma ho paura che quando ne parlo sembri un caffè del 7-Eleven”.

Qualcosa su TWD: Daryl Dixon? Ci sono menzioni di Carol nella prima stagione?

State certi che coloro che l’eroe tormentato di Norman Reedus si è lasciato alle spalle sono al primo posto nei suoi pensieri nello spinoff ambientato in Francia (che la AMC farà debuttare domenica 10 settembre alle 21.00). Una delle persone più care viene persino citata nella première in un modo che coglie Daryl di sorpresa. Inoltre, nei primi 10 minuti di “L’ame Perdue” – ora in streaming su AMC+ – lui e, di conseguenza, noi, scopriamo una nuova, spaventosa variante di walker.

Reedus ha rivelato un po’ di più sul nuovo show e il suo “tono diverso”

“È molto diverso”, ha detto Norman in esclusiva a E! News. “È diverso nel tono. È diverso nello stile fotografico. Suona diverso. Sto girando in castelli e cose così.”

“Siamo in castelli e ci sono fossati e tutti parlano francese”, ha continuato Reedus.

“La luce in Francia è diversa dalla luce in America”, ha spiegato Norman. “Il tono, il modo in cui le persone lavorano è diverso laggiù. È una visione molto singolare. È una storia di visione a tunnel, e le cose stanno accadendo subito. Con The Walking Dead, ci saranno 15 telecamere e 15 angolazioni di me che cammino per strada. Ecco, è semplificato.”

“Tutti sono fuori di testa, perché è davvero buono”, ha detto. “È molto diverso. Porta via la follia, ed è una storia da adulti, se ha senso.”

Ora sappiamo perché è lì! Nel finale, Maggie invia Daryl in una missione di scoperta in Francia, che è dove avverrà lo spin-off.

Il creatore di ‘The Walking Dead’ racconta come Daryl Dixon riporta il franchise “alle origini”.

È uno straniero in una terra molto strana. Nell’ultima serie spinoff di The Walking Dead, il beniamino dei fan, il sudista americano Daryl Dixon (Norman Reedus, anche produttore esecutivo), si ritrova a Parigi. Ma la Città della Luce è tremolante e piena di morti.

Come sia finito oltreoceano è ancora oscuro (trascorre una parte del suo viaggio attraverso l’Atlantico galleggiando su detriti di navi naufragate), ma una volta lì, non avrà certo il tempo di provare berretti o sgranocchiare baguette. Nella prima stagione di sei episodi (il dramma d’azione è già stato rinnovato per un secondo ciclo), Daryl ha il compito di proteggere e consegnare l’undicenne Laurent (Louis Puech Scigliuzzi) dal convento in cui vive a un nuovo misterioso luogo.

Come osserva il produttore esecutivo Greg Nicotero, “Dixon ci riporta all’inizio del DNA di The Walking Dead, ovvero un uomo in missione”.

Ma questa missione sarà difficile. Dovrà affrontare un nuovo e spaventoso tipo di walker, i cosiddetti burner.

“Questi zombie sono mutati al punto che se ti toccano o ti mordono o se il loro sangue ti finisce addosso, ti brucia in modo significativo”, dice Nicotero. “Cambia tutte le regole”. E vi farà urlare mentre lo guardate.

Ecco le prime foto di The Walking Dead: Daryl Dixon

Melissa McBride è pronta ad apparire nello spinoff di Daryl Dixon alla fine

Jeffrey Dean Morgan – che l’anno scorso è intervenuto in difesa di Norman Reedus quando l’attore è stato ingiustamente incolpato per l’uscita di Melissa McBride dallo spinoff di The Walking Dead – ha appena rilasciato un’allettante soffiata sul prossimo drama della AMC.

In un tweet di giovedì, Morgan ha postato una foto di Reedus e della McBride nei panni di Daryl e Carol e ha detto “bene bene. Ci dispiace Norman… per averti detto un sacco di cazzate quando pensavamo che Melissa non facesse lo show! Perbacco… questo doveva essere in lavorazione da secoli! (Era dall’inizio). Dannazione, è fantastico vedere questi due insieme! Non vedo l’ora!”.

All’inizio si pensava che la decisione di non avere McBride nello spinoff fosse stata di tipo creativo, poi un rappresentante AMC ha confermato che si trattava di logistica

Melissa McBride Leaving Daryl and Carol Spinoff

“Melissa McBride ha dato vita ad uno dei personaggi più interessanti, reali, umani e popolari di The Walking Dead”, ha detto un portavoce della rete in una dichiarazione. “Sfortunatamente, non è più in grado di partecipare allo spin-off precedentemente annunciato incentrato sui personaggi di Daryl Dixon e Carol Peletier, che sarà ambientato e girato in Europa questa estate e in anteprima l’anno prossimo. Trasferirsi in Europa è diventato logisticamente insostenibile per Melissa in questo momento. Sappiamo che i fan saranno delusi da questa notizia, ma The Walking Dead Universe continua a crescere ed espandersi in modi interessanti e speriamo vivamente di rivedere Carol nel prossimo futuro.”

Annunciato nel settembre 2020, il progetto doveva ruotare attorno ai BFF interpretati da Reedus e McBride. Scott M. Gimple e la showrunner di Walking Dead Angela Kang stanno co-creando la serie.

Questo non significa che gli spettatori non vedranno mai Carol nello spin-off. Forse, i fan la vedranno in futuro: quello che è sicuro è che McBride non sarà nella prima stagione dello spinoff di The Walking Dead.

Pare che rivedremo Carol!

Ora sembrerebbe che McBride vorrebbe rivedere Carol nel prossimo futuro. EW ha parlato con l’attrice e quando le è stata chiesta la possibilità di vedere più Peletier, un sorriso sornione attraversa il volto di McBride. “Mi sento come se Carol ha altre storie da raccontare,” lei risponde prima di mettere in pausa. “Lascio a questo.” Un’altra pausa. “Penso che lei ha qualche storia in più.” Un altro sorriso sornione.

Norman Reedus ha condiviso la stessa cosa, assicurando ai fan che rivedranno sicuramente Carol. “Il loro viaggio non è finito,” Reedus dice a EW. “Si incontreranno lungo la strada. Potete praticamente scommettere tutti i vostri soldi. Ho letto tutte queste persone che si lamentano, e devo solo tenere la bocca chiusa, ma ci saranno un sacco di piedi in un sacco di bocche ad un certo punto.”

“Vi garantisco che vedrete di nuovo quei due personaggi insieme ad un certo punto”, promette.

La star di Walking Dead Jeffrey Dean Morgan arriva in difesa della co-star Norman Reedus dopo l’uscita di scena di Melissa McBride dallo spinoff Carol-Daryl in lavorazione.

Mentre un gruppo di fan continua a sfogare la propria rabbia per l’uscita di Melissa McBride su Reedus, Jeffrey Dean Morgan è sceso sui social media venerdì mattina per denunciare la reazione “tossica”.

“Alcuni di voi sono andati troppo oltre”, ha condiviso Morgan su Twitter. “Attaccare Norm per una stronzata con cui non ha niente a che fare? Melissa ha fatto una scelta che era solo sua. Vuole/ha bisogno di una pausa. Rispettatelo. Fattori coinvolti che non sono affari di nessuno. Norm, che ha dato più di chiunque altro a tutti voi.”.

Norman Reedus si sta aprendo sulla decisione della sua co-star di The Walking Dead Melissa McBride di abbandonare l’imminente spinoff, in cui avrebbe dovuto recitare insieme a Reedus.

Apparendo lunedì al The Tonight Show Starring Jimmy Fallon, Reedus ha detto che la McBride si sta prendendo una pausa necessaria. “Dodici anni sono un programma estenuante e lei voleva prendersi un po’ di tempo libero, quindi lo sta facendo. Se lo merita”, ha detto l’attore.

Reedus ha anche lasciato intendere che non crede che sia la fine per il personaggio di “Carol” di McBride.

“Immagino che quei personaggi si incontreranno di nuovo ad un certo punto e potrei anche incontrare altri personaggi lungo la strada”, ha detto. “Ma lei si sta prendendo del tempo libero e nel frattempo mi hanno detto: ‘Ehi, vuoi andare in missione? E io sono come, ‘Sì! Andiamo in missione”.

Angela Kang lascia la posizione di Showrunner

Lo showrunner di lunga data David Zabel si è unito allo spin-off di TWD come showrunner. Zabel sostituisce l’attuale showrunner di TWD Angela Kang, come il capo quotidiano della serie ormai con solo protagonista Reedus che sarà ambientata e girata in Europa. Lo spin-off è previsto per il 2023.

Norman Reedus dice che il suo spin-off di The Walking Dead sarà “fottutamente epico”.

Norman Reedus è già in Francia per la produzione del suo spin-off dedicato a Daryl Dixon, che non è solo un seguito di The Walking Dead ma è anche collegato in qualche modo alla scena mid-credits del finale di The Walking Dead: World Beyond, in cui uno scienziato in un laboratorio francese abbandonato è stato ucciso dopo aver visto i video del Dr. Edwin Jenner (dalla prima stagione della serie originale) sui test effettuati sui walker varianti.

Il presidente di AMC, Dan McDermott, ha dichiarato che lo spin-off “seguirà Daryl mentre si sveglia e si ritrova da qualche parte nel continente europeo e cerca di ricostruire quello che è successo. Come è arrivato qui? Come farà a tornare a casa?”.

Ma da come racconta Reedus, questo non era il piano originale. “Le trattative per lo spin-off andavano avanti da due anni”, dice Reedus. “È stato un anno buono prima che annunciassero la fine di The Walking Dead. E nel corso del tempo, la storia ha cambiato direzione più volte”.

“È in Francia. È di dimensioni epiche.” ha detto Reedus al New York Comic Con 2022. “Voglio dire, è fottutamente epico. Sono stato sul posto per un po’. Ho parlato con i tecnici del suono e della fotografia, è pazzesco quello che faremo, credo che alla Francia verrà un infarto. Il che è positivo, è quello che voglio. Ha un aspetto diverso, ha un’atmosfera diversa, ha un suono diverso. Ha tutte le cose che vi piacciono dello show, ma con persone nuove che le vivono in modo diverso. È qualcosa che credo piacerà a tutti e di cui sarò orgoglioso”.

C’è qualcosa che può stuzzicare sulle varianti di Walker in Europa?

Gimple ha detto che la roba è andata in Francia? Ed è strano, e ne abbiamo visto alcune in Walking Dead: World Beyond. Quindi Daryl sta sperimentando cose che non ha mai sperimentato prima nella vita e con i Walker.

Lo spinoff di Daryl Dixon di “The Walking Dead” ingaggia Clémence Poésy e Adam Nagaitis

Variety ha confermato che lo spinoff di “The Walking Dead” incentrato su Daryl Dixon ha aggiunto al suo cast Clémence Poésy e Adam Nagaitis.

Poésy interpreterà Isabelle, descritta come “un membro di un gruppo religioso progressista che si unisce a Daryl in un viaggio attraverso la Francia e si ritrova ad affrontare il suo passato oscuro a Parigi”. Nagaitis interpreterà Quinn, che si dice sia un “inglese sfollato che è diventato potente nella Parigi post-apocalittica come mercante nero e proprietario del Demimonde, un sexy nightclub underground”.

Il cast completo di Spinoff

Anne Charrier è Genet, Eriq Ebanouey è Fallou, Laika Blanc Francard come Sylvie, Romain Levi come Codron e Louis Puech Scigliuzzi come Laurent.

Ci sono altri spinoffs in arrivo!

The walking dead negan maggie spinoff amc isle of the dead

Questo non è l’unico spinoff che i fan attendono con ansia! La nuova serie Dead City seguirà la coppia improbabile – interpretata da Lauren Cohan e Jeffrey Dean Morgan – in quello che AMC chiama “una Manhattan post-apocalittica molto tempo fa tagliata fuori dalla terraferma.

Dead City è il quinto spin-off del dramma originale AMC basato sulla serie a fumetti di Robert Kirkman. Tra gli spin-off precedenti ci sono Fear the Walking Dead, The Walking Dead: World Beyond, Tales of the Walking Dead e, appunto, lo spinoff su Daryl.

“Sarà molto diverso. La storia è diversa. I personaggi sono molto diversi. C’è un tono diverso, c’è una luce diversa, c’è un suono diverso. È un’atmosfera completamente diversa.”

“Sono passate tre settimane. Abbiamo tre settimane di riprese. È fantastico! Tutti quelli che sono coinvolti sono davvero, davvero entusiasti di quello che stiamo facendo. È così epico, e il tono è così buono e diverso, e lunatico.”

Reedus dice anche che il trasferimento in Europa dà sicuramente allo spin-off un’atmosfera diversa dall’originale: “C’è storia nella storia. C’è storia nei muri intorno a noi. C’è storia nel suono di tutto questo. È una sensazione molto diversa. Ha le cose che cerchi nello show, ma è solo preso e messo in un’altra dimensione.”

Mentre The Walking Dead potrebbe ancora essere nel titolo dello show, l’attore dice che questa storia è più di una continuazione. “È un reset”, dice Reedus.” Impari un sacco di cose dopo 12 anni di show, e ci sono alcuni percorsi che inevitabilmente devi percorrere perché [c’è un cast così grande]. Non abbiamo davvero quello laggiù. È una specie di nuovo inizio per noi, con tutte le cose che abbiamo amato fare, e solo un sacco di più.”

Mentre il suo personaggio Daryl si adatterà a un nuovo ambiente sullo schermo, Reedus ha fatto lo stesso mentre si adatta alla stranezza di filmare uno spettacolo di The Walking Dead dall’altra parte dell’Atlantico. “È strano davvero, ma questa è la storia,” dice Reedus, disegnando una connessione tra attore e personaggio.

“La gente parla francese intorno a me, e parte della mia storia racconta me che cerca di capire, ‘È buono o è il male? Stiamo per entrare in una lotta o siamo amici in questo momento?’ Sto cercando di leggere le labbra di una lingua che non capisco e sto leggendo il linguaggio del corpo, Sto leggendo il tono. Sto leggendo ogni sorta di cose, e questo mi confonde e sto cercando di capirlo. Capisco come uscirne, e come arrivare al passo successivo. Fa tutto parte della storia. Quindi è strano? Sì, è strano, ma questo è lo show che stiamo facendo. Quindi funziona davvero bene.”

“Greg è un narratore. Sa come trovare i momenti intermedi che creano o spezzano il tono di qualcosa. Ed è bravo a muovere e tessere, a trovare quelle cose. E ha la storia nello show e conosce i suoi personaggi così bene, quindi è davvero una risorsa.”

Reedus sembra rinascere quando parla della nuova serie e porta il suo personaggio in un ambiente completamente nuovo. “Non potrei essere più felice, davvero. Abbiamo appena iniziato, ma è quello che volevo fare. È eccitante, e tutti stanno dando di matto perché è così buono. È qualcosa di cui sono davvero orgoglioso. Dobbiamo solo continuare.”

“Questo è probabilmente lo show più vicino ad uno “stand alone” che si potrà mai ottenere. L’obiettivo non è solo quello di vedere Daryl in luoghi esotici e nuovi, ma di esplorare un mondo completamente diverso.”

“Questo non è sicuramente più lo stesso. Il nostro show introduce nuovi personaggi, nuovi temi ed è un’estensione emozionante del genere che delizierà le persone che amano questo tipo di narrazione e bramano di più”, dice Greg Nicotero.

“The Last of Us e Station Eleven hanno dimostrato che ci sono ancora storie di sopravvivenza commoventi da raccontare”, dice Nicotero. “E il nostro obiettivo è quello di soddisfare quelle persone che vogliono andare in avventura. Hop on, sarà un giro!”

Foto Promozionali

Continuate a seguirci per altre news sulle serie tv!

Aurora

Fonte: TVLine / EW / Variety/PEOPLE

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here