Come lo sciopero della SAG-AFTRA potrebbe aiutare la causa degli attori e dei lavoratori dell’industria del doppiaggio in difficoltà in Italia

0
160

A marzo, diversi mesi prima che gli attori della SAG-AFTRA scendessero sul piede di guerra a Hollywood, i lavoratori dell’industria del doppiaggio in Italia hanno messo in atto uno sciopero prolungato chiedendo salari più alti, condizioni di lavoro meno frenetiche e protezione dall’intelligenza artificiale.

I lavoratori dell’industria del doppiaggio italiana – molti dei quali sono doppiatori – sono tornati al lavoro dopo tre settimane, quando i sindacati locali sono entrati in una fase di negoziazione che sembrava abbastanza promettente, anche se i loro problemi non sono ancora stati risolti.

Arriviamo ai giorni nostri. I sindacati italiani che rappresentano i lavoratori dell’industria cinematografica e televisiva del Paese si trovano in una “fase molto critica, quasi storica” di una più ampia vertenza sindacale con l’associazione cinematografica ANICA e altre organizzazioni di categoria, secondo Sabina Di Marco, leader della SLC CGIL, il più grande sindacato al tavolo delle trattative.

La SLC CGIL, che rappresenta circa 1.700 attori italiani, e l’UNITA, un sindacato italiano di attori con 1.600 iscritti, sono in quelle che la Di Marco spera siano le fasi finali della stipula del primo contratto collettivo di lavoro degli attori in Italia. Oltre all’ANICA, le loro controparti comprendono anche l’associazione dei produttori televisivi APA e l’associazione dei produttori esecutivi APE. L’Italia è l’unico Paese in Europa a non avere un contratto collettivo per gli attori.

Come lo sciopero della SAG-AFTRA potrebbe aiutare la causa degli attori e dei lavoratori dell’industria del doppiaggio in difficoltà in Italia
Il capo dell’ANICA, Francesco Rutelli, ha rifiutato di farsi intervistare per questo articolo, affermando che le trattative sono in una fase delicata, come ha dichiarato il suo portavoce.

Analogamente alla SAG-AFTRA negli Stati Uniti, i principali punti di discussione in Italia sono l’aumento dei minimi salariali, la condivisione dei ricavi dello streaming e l’intelligenza artificiale. Ma, soprattutto per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, i dettagli che si stanno discutendo negli Stati Uniti sono più evoluti.

“È molto utile per la nostra causa che gli attori americani, così come gli scrittori, stiano sollevando alcune questioni davvero significative”, ha detto Di Marco, che ha aggiunto che lo sciopero della SAG-AFTRA “è come un risveglio collettivo per il nostro settore”.

Di Marco ha aggiunto che in Italia l’IA ha attualmente un impatto soprattutto sull’industria del doppiaggio locale, un settore importante in un Paese in cui il pubblico è ancora molto restio a guardare film e spettacoli sottotitolati. E dove è diffuso il timore che i doppiatori possano essere sostituiti dalle macchine.

Questo timore è giustificato da contratti che, prima dello sciopero di marzo. Costringono i doppiatori italiani a concedere alle case di produzione un uso quasi incondizionato della loro voce in perpetuo.

“Stiamo stipulando clausole che limitano l’uso di una voce umana a un prodotto specifico e che ne vietano la clonazione”, ha dichiarato Di Marco. Citando il caso di noti attori italiani la cui voce è stata clonata con l’AI e utilizzata in film porno.

“Non si può campionare la mia voce senza il mio permesso!”. Il doppiatore italiano Luca Ward ha dichiarato a Variety a marzo.

Ward, che è la voce italiana regolare di Keanu Reeves – recentemente in “John Wick: Chapter 4” – e anche di Samuel L. Jackson e Russell Crowe, ha fatto notare che l’industria del doppiaggio italiana è considerata tra le migliori al mondo e che un pilastro fondamentale di questa industria è che gli attori non italiani devono avere un riconoscimento vocale immediato da parte del pubblico locale.

“È davvero importante che ogni star non italiana abbia un’identità vocale distintiva“, ha detto. Aggiungendo che attori come Hugh Grant e Sylvester Stallone sono di solito doppiati singolarmente dagli stessi attori locali in Italia. Mentre “Bruce Willis è stato doppiato da circa 50 attori diversi” e quindi manca “quello stesso tipo di identificazione empatica che è davvero importante”.

Questo riconoscimento è così importante che Ward ha assicurato la sua voce contro i danni causati da malattie con i Lloyds di Londra. La sua voce è anche assicurata contro le violazioni del copyright. Speriamo che presto questa precauzione non sia più necessaria.

Keep following us to stay updated on the world of movies and TV series!

Chiara

Source: Variety

Please step by our Facebook page SurvivedtheShows, Instagram page @survivedtheshows and Twitter page @SurvivedShows to keep yourself updated!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here