Outlander 7: 6 dettagli che potreste esservi persi nell’episodio 8!

0
451

Nel corso delle 7 stagioni della serie, i fan di Outlander hanno avuto modo di studiare il modo in cui il dramma storico di STARZ nasconde dettagli e riferimenti a elementi già citati nella serie o a fatti esistenti nella vita reale – Tuttavia, nell’episodio 8 ci sono alcuni dettagli che solo i fan più appassionati avranno notato. Diamo un’occhiata!

Attenzione: L’articolo contiene SPOILER sull’episodio 8 di “Outlander” 7, finale di metà stagione.

Outlander 7: 6 dettagli che potreste esservi persi nell’episodio 8!

Il titolo dell’episodio, “Punti di svolta”, parla del viaggio di ogni singolo personaggio.

Mentre la maggior parte dei titoli degli episodi di questa stagione sono tratti da citazioni dei libri “Outlander” di Diana Gabaldon, il titolo dell’ottavo episodio si riferisce al fatto che quasi tutti i personaggi principali subiscono un “cambiamento nel loro viaggio” in questo episodio, secondo quanto dichiarato dalla produttrice esecutiva Maril Davis.

Outlander 7: 6 dettagli che potreste esservi persi nell’episodio 8!

La produttrice ha dichiarato a Insider che ci sono “un sacco di ovvie ragioni per cui è nato questo titolo”.

“Jamie e Claire, ovviamente, all’inizio di questa stagione avevano intenzione di andare in Scozia, poi li hanno ostacolati e ora sono tornati su quella strada”, ha detto. “Ian, lo lasciamo su un cliffhanger un po’ strano con Rachel e si lascia alle spalle il suo cane”.

“Certamente per William, che aveva una visione così idealizzata e fanciullesca di come dovrebbe andare la guerra e di cosa significhi essere un soldato. È un punto di svolta nella sua vita in termini di realizzazione della realtà di ciò che è la guerra e di ciò che significa combattere”.

Sebbene Davis non abbia menzionato Brianna (Sophie Skelton) e Roger (Richard Rankin), è chiaro che il titolo si riferisce anche a loro, vista la svolta inaspettata che le loro vite prendono alla fine dell’episodio.

L’episodio vede Jamie e Claire incrociare un’altra figura chiave della Guerra rivoluzionaria americana: il Maggiore Generale Benedict Arnold.

La fama di guaritrice di Claire (Caitríona Balfe) la precede nell’accampamento dei ribelli e in questo episodio riceve la visita di un generale (Rod Hallett) che cerca una particolare erba curativa che potrebbe aiutare uno dei suoi soldati.

Dopo aver fatto uno scambio per un po’ di laudano, dato che ha usato le ultime scorte per curare la mano di Jamie, Claire chiede il nome del generale e rimane senza parole quando lui le dice che è il Maggiore Generale Benedict Arnold, l’uomo che ha organizzato il famigerato tradimento dell’esercito rivoluzionario.

Outlander 7: 6 dettagli che potreste esservi persi nell’episodio 8!

Secondo la rivista Smithsonian, egli servì la causa della Rivoluzione americana fino al 1779, quando si disilluse e passò agli inglesi.

Come dice Claire a Jamie, il nome di Arnold diventa “sinonimo di traditore” per le generazioni future, che non dovrebbero cercare di fermarlo, perché potrebbe interferire con la vittoria dei rivoluzionari.

Arnold si aggiunge alla lista crescente di personaggi storici di spicco della Guerra rivoluzionaria americana che Jamie e Claire hanno incrociato in questa stagione, tra cui il colonnello Daniel Morgan (Barry O’Connor), Cornelius Harnett (James Weber Brown), il maggiore Donald McDonald (Robin Laing) e il governatore Josiah Martin (Eugene O’Hare).

La “poesia non ancora scritta” che Jamie cita per sbaglio ad Arnold è di Robert Browning.

Durante la conversazione di Jamie (Sam Heughan) e Claire con il generale Arnold, Jamie si ritrova per caso a citare un verso della poesia che Claire gli ha insegnato.

Quando gli chiedono la sua opinione sulla filosofia dell’impresa e se gli uomini debbano conoscere i propri limiti o negarli, risponde: “Beh, ho sentito spesso dire che la portata di un uomo deve superare la sua presa, altrimenti a cosa serve il paradiso?”.

Arnold si compiace di questo “sentimento perfettamente espresso” e chiede a Jamie da dove l’abbia sentito, al che lui e Claire gli dicono che è di un poeta di cui non ricordano il nome.

Il poeta è in realtà Robert Browning, uno scrittore inglese che nascerà solo nel 1812, oltre tre decenni dopo.

La poesia in sé è “Andrea del Sarto”, una meditazione sull’omonimo pittore rinascimentale, ed è piuttosto lunga (267 versi), quindi è impressionante che Claire e Jamie riescano a ricordarne un verso.

Il colonnello Morgan che mostra le sue brutte cicatrici dovute alla fustigazione da parte dell’esercito britannico è un richiamo alla prima stagione.

La scena in cui il colonnello Morgan raduna una folla e pronuncia un fervente discorso sui mali dell’esercito britannico, prima di strapparsi la camicia per esporre le brutte cicatrici di una fustigazione da parte di una giubba rossa, è un potente richiamo alla prima stagione della serie.

All’epoca, quando Dougal (Graham McTavish) cercava di guadagnarsi la simpatia e il sostegno della causa giacobita, usava le brutali cicatrici della fustigazione sulla schiena di Jamie, somministrate in un impeto di rabbia dal soldato britannico Jonathan “Black Jack” Randall (Tobias Menzies), per dimostrare alla gente che non ci si poteva fidare degli inglesi.

L’unica differenza, questa volta, è che Morgan partecipa volentieri allo stratagemma, pronunciando il discorso e mostrando le proprie cicatrici. Come dice lui stesso, era stato condannato a 500 frustate, ma il soldato britannico gliene ha date solo 499.

Questo è un fatto realmente accaduto al colonnello di origine gallese. Nel 1756, fu punito con 500 frustate, tipicamente considerate un numero fatale, dopo aver irritato un tenente britannico a Fort Duquesne. Si portò dietro le cicatrici, il disprezzo e la storia del numero sbagliato di frustate per il resto della sua vita.

Quando Jamie e Claire posano lo sguardo sulla Scozia alla fine dell’episodio, inizia a suonare una canzone in gaelico.

La canzone si intitola “Tha Mi Sgìth ‘n Fhògar Seo”, che in inglese significa “Sono stanco di questo esilio”, una canzone adatta al ritorno di Jamie e Claire in Scozia dopo oltre dieci anni di assenza.

Secondo il blog The People’s Voice, la canzone è stata composta da John MacRae (noto anche come Iain mac Mhurchaidh), uno scozzese emigrato in North Carolina e coinvolto nella guerra rivoluzionaria americana.

MacRae combatté come soldato lealista durante la Rivoluzione americana e fu tenuto prigioniero di guerra a Filadelfia, dove si dice che abbia composto la canzone, esprimendo il suo rimpianto per aver lasciato la sua casa in Scozia.

L’episodio si conclude con una dedica a Sinéad O’Connor, la cantante irlandese che ha cantato la versione di questa stagione di “The Skye Boat Song” nonché morta a luglio.

Dopo l’ultima inquadratura di Claire e Jamie che si commuovono guardando per la prima volta dopo anni le verdi e lussureggianti colline scozzesi, lo schermo diventa nero e prima dei titoli di coda appare un messaggio in memoria.

“In memoria di Sinéad O’Connor”, recita

La cantante di origine irlandese è scomparsa a luglio all’età di 56 anni. Prestare la sua voce alla sigla di “Outlander” ha segnato la sua ultima registrazione musicale.

Quando a febbraio è stato annunciato che la sua interpretazione di “The Skye Boat Song” avrebbe fatto da colonna sonora alla sequenza di apertura della settima stagione, lo showrunner e produttore esecutivo Matthew B. Roberts ha dichiarato che “la sua interpretazione è, per me, un ricordo di tutto ciò che c’è di bello in ‘Outlander'”.

“La sua è una voce antica, che penetra nel cuore e nell’anima, e incarna lo spirito della serie”.

Continuate a seguirci per altre novità su Outlander 7 ed il suo cast!

Chiara

Fonte: Insider.com

Non dimenticate di mettere mi piace alla nostra pagina Facebook, Instagram e Twitter, Survived The Shows / @survivedtheshows / @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here