Primo sguardo a The Walking Dead: Dead City, spinoff su Negan e Maggie! – TRAILER

0
2465

Un nuovo spinoff di The Walking Dead è in arrivo il 18 Giugno 2023 negli Stati Uniti su AMC e AMC+: sarà incentrato su Negan e Maggie prenderà il nome di The Walking Dead: Dead City!

https://www.youtube.com/watch?v=1b-b4rvLJmI
Primo sguardo a The Walking Dead: Dead City, spinoff su Negan e Maggie! – TRAILER
Primo sguardo a The Walking Dead: Dead City, spinoff su Negan e Maggie! – TEASER
Primo sguardo a The Walking Dead: Dead City, spinoff su Negan e Maggie! – TEASER 2

The Walking Dead: Dead City Episodio 1 “Old Acquaintances”: Sinossi

Maggie e Negan viaggiano fino a Manhattan; un maresciallo di nome Armstrong segue Negan.

È una soleggiata mattina di ottobre allo scalo 5 del terminal traghetti di Hoboken, nel New Jersey, e la troupe di The Walking Dead: Dead City sta combattendo contro un’orda di invasori più spaventosa di qualsiasi zombie.

Due ignari membri del reparto di ripresa che stanno sgranocchiando un burrito al tavolo dei servizi artigianali saltano e urlano quando un intruso della parte offesa avanza verso la loro posizione. “Uno di loro urla, con bocconi di uova e salsa che gli escono dalla bocca.

E poi… risate. Questi non sono i primi membri dell’equipaggio a essere presi dal panico a causa di un ratto vagante. E non saranno gli ultimi. Uno spettatore ride del loro terrore: “Sai, lavoriamo in uno show di zombie”. Ma qualcosa di ancora più spaventoso sta accadendo a 25 piedi di altezza.

Le star della serie, Jeffrey Dean Morgan e Lauren Cohan, si stanno preparando per eseguire un’acrobazia che prevede che il duo attraversi una trave molto stretta per un’imminente resa dei conti su una piattaforma sopraelevata.

Sebbene gli attori che interpretano Negan e Maggie siano assicurati a delle imbracature per garantire la loro sicurezza, ciò non rende il viaggio meno straziante quando guardano giù la scheggia di trave che li separa da una caduta sopra un cemento spietato, per non parlare di decine di zombie affamati.

Morgan è il primo a compiere la traversata e vuole assicurarsi che l’evento sia immortalato in ogni sua angolazione per i posteri. “Chiedi a Barry di riprendermi mentre attraversa la trave”, grida, riferendosi all’operatore della telecamera a mano. “Nessuno crederà che l’ho fatto!”.

Mentre le telecamere iniziano a girare, Morgan colpisce la trave a rotta di collo, ridendo nervosamente dopo aver completato la traversata in pochi secondi. “Ca… me, sono quasi caduto!”. Per quanto riguarda il suo ritmo da Usain Bolt, l’attore ha pensato che meno tempo sarebbe stato su quella trave, meglio sarebbe stato. “Se vado piano comincio a dare di matto”, spiega al regista dell’episodio Gandja Monteiro.

Il delirio descrive anche lo stato attuale di Lauren Cohan. “Non ce la faccio, non ce la faccio. Non ce la faccio”, ripete l’attrice a tutti e a nessuno. Ma se la Cohan può avere un problema con le altezze, ha un problema ancora più grande con il non riuscire a portare a termine il lavoro. E dopo aver interpretato per oltre un decennio la figlia di un contadino trasformata in una badass post-apocalittica, ne sa qualcosa di come superare la paura.

La Cohan potrebbe facilmente chiedere alla sua fidata controfigura D.J. di eseguire il compito al posto suo, e certe angolazioni verrebbero usate in modo che nessuno che guardi la scena se ne accorga. Ma la traversata è ormai diventata un punto d’orgoglio e, dopo essersi presa un minuto per calmarsi e poi per riprendersi, la Cohan salta la ringhiera e attraversa la trave a motore, mentre le telecamere riprendono ogni secondo dell’azione. “F— yeah!”, esclama dopo essere arrivata sulla piattaforma e aver abbracciato il suo partner di scena per festeggiare.

Ripensando alla traversata, la Cohan la considera un momento decisivo.

“Letteralmente, i miei piedi non si muovevano”, ricorda di essersi bloccata sul posto. “Ho iniziato a piangere, ero sicuramente in iperventilazione”. Che cosa è cambiato per farle superare quella trave? Ho pensato: “Se ti lasci abbattere da questa situazione – non è un gioco di parole – qual è la prossima cosa di cui avrai paura e che non farai?”.

La pericolosa traversata è anche un simbolo della camminata sul filo del rasoio con poco margine di errore che Cohan, Morgan e l’intero franchise di Walking Dead stanno affrontando con la sua nuova strategia di spin-off. Riuscirà AMC a recuperare la magia della serie originale suddividendola in diversi show con diverse star in diverse città? Non guardate in basso, ma stiamo per scoprirlo.

“Ogni giorno cercavo volti familiari”, dice Morgan. “Perché è lo stesso mondo, giusto? E quindi essere in quel mondo e non avere Norman o gli stessi cameraman… è stato strano”.

Ma la nuova ambientazione, la nuova troupe e i nuovi compagni di cast hanno anche rinvigorito i due – che sono entrambi produttori esecutivi di Dead City – dopo tanti anni passati a lottare contro i tic e i brufoli nella Georgia rurale.

“Ho provato quella sensazione di eccitazione che si prova quando si va in un posto nuovo e si sta con persone nuove”, dice Cohan. “E anche se c’è familiarità con i personaggi, tutto il resto è diventato fresco e totalmente nuovo. Sembrava un lavoro completamente nuovo”.

Questa volta il compito – almeno sullo schermo – è quello di salvare Hershel, il figlio di Maggie, che è stato rapito e portato a Manhattan. Per Maggie, salvarlo significa ottenere ancora una volta l’aiuto dell’uomo che ha brutalmente assassinato suo marito – e ottiene questo aiuto sotto forma di un buon vecchio quid pro quo.

Sembra che Negan si sia messo nei guai – SHOCKER! – e Maggie può aiutarlo a fuggire… se lui la aiuterà a riprendersi Hershel.

“In un certo senso lo ricatta per farsi aiutare”, ride Morgan. “Sa che è un ricercato, quindi gli dice: ‘Guarda, posso aiutarti a scappare. Sono sulle tue tracce e possiamo andarcene da qui. Se mi aiuti a salvare Herschel, non ti denuncerò”. Quindi forse non è iniziato nel migliore dei modi”.

Mentre il loro ultimo episodio insieme in The Walking Dead ha mostrato una sorta di tregua tra il duo disfunzionale – con Negan che finalmente si scusa per ciò che ha fatto a Glenn (Steven Yeun) e Maggie che lo invita a stabilirsi nella comunità con loro, Dead City mira a mostrare che alcune ferite non possono mai essere completamente guarite.

“Se dovessi perdere una persona cara nel modo in cui l’ha persa Maggie, o essere la causa della perdita di una persona cara nel modo in cui lo è stato Negan, penso che questo si ripercuoterà su tutta la tua vita”, dice lo showrunner Eli Jorné. “Non so se lo si dimentica mai, o se lo si supera”.

“Come ci si comporta quando si è letteralmente costretti a camminare nella bocca del drago che ha ucciso la propria famiglia?”, chiede la Cohan. “Non è nemmeno lontanamente vicino al perdono, ma finalmente affronta davvero l’inevitabile questione del lutto e il fatto che questi personaggi hanno subito questi traumi pazzeschi e nessuno elabora nulla”.

Questa mancanza di elaborazione potrebbe spiegare perché né Maggie né Negan se la passano bene dall’ultima volta che li abbiamo visti.

Dead City riprende circa due anni dopo la fine di The Walking Dead, e la Cohan lascia intendere che il suo personaggio “per molti versi ha fatto un paio di passi indietro quando la vediamo, perché speri di evitare qualcosa e andare avanti con la tua vita, ma non credo che tu possa andare avanti senza affrontarlo”.

Per quanto riguarda l’ex tormentatore di Maggie, Jorné anticipa che “quando incontriamo Negan, è un po’ giù di morale. Non so se abbia trovato il suo piccolo lieto fine perfetto con tanto di fiocco”. Cosa significhi questo per sua moglie Annie (Medina Senghore), vista l’ultima volta incinta del figlio di Negan, non è chiaro, ma di certo non è di buon auspicio. Come osserva Morgan: “Non è con la sua famiglia, quindi sono successe un po’ di cose”.

I problemi di Negan hanno anche attirato un’attenzione indesiderata sotto forma di un uomo di legge alle sue calcagna.

Gaius Charles, interprete di Friday Night Lights, veste i panni di Perlie Armstrong, sceriffo di una federazione di città-stato della Virginia nota come Nuova Babilonia.

“È un uomo in missione e ha un codice molto forte”, dice Jorné. “Resta da vedere se siamo d’accordo o meno con quel codice”. Il punto di vista di Charles su questo codice? “Cerco di dare alle persone una possibilità, e lo vedrete. Ma se non colgono questa possibilità, allora impongo la legge, e vedrete anche questo”.

Come Maggie e Negan, anche Armstrong ha i suoi traumi e fantasmi del passato che lo visitano di tanto in tanto.

“Uno dei motivi per cui mi aggrappo a questa mentalità di legge e ordine è perché mi aiuta a proteggermi da alcuni di questi problemi che non ho affrontato”, spiega Charles. “Ma, ovviamente, trattandosi di The Walking Dead, alla fine lo farò”.

Sul lato opposto della legge e dell’ordine c’è un’altra nuova minaccia, conosciuta semplicemente come il Croato. Interpretato da Željko Ivanek, il Croato è uno sgradito ritorno dal passato di Negan.

“È un sottoposto di Negan di un tempo”, rivela Morgan, “ma ha portato il male in luoghi dove nemmeno Negan nel suo periodo di massimo splendore si è spinto”.

Il che fa sorgere spontanea una domanda: C’è qualcuno che non viene dopo Negan in questo show? Ride Morgan: “Negan ha fatto nascere questo mostro nel personaggio di Željko, e ha Armstrong a sei zampe, e poi ha a che fare con Maggie, che probabilmente vuole ucciderlo per il 93% del tempo. Quindi, sapete, è in una situazione difficile quando la serie prende il via”.

Naturalmente, tutto questo si svolgerà sullo sfondo della giungla di cemento che è Manhattan, il che darà alla nuova serie (che ha girato sia a New York che nel New Jersey) un aspetto molto diverso dal suo predecessore. “Manhattan è la base del virus”, spiega Cohan. Il governo ha bombardato tutti i ponti e gli accessi da e per l’isola. La gente è stata praticamente lasciata lì a morire, quindi quelli che sono ancora vivi sono piuttosto amareggiati”.

E in questo nuovo mondo coraggioso e amaro entrano Maggie e Negan. “Ci sono molte fazioni diverse in città”, dice la Cohan. “E vivono in modo molto diverso e hanno dovuto armarsi in un modo che permette loro di far funzionare le cose”.

Ma la domanda più grande di tutte è… quanto durerà la loro permanenza nella Grande Mela?

Anche se lo sciopero degli sceneggiatori è in corso, e anche se Dead City non è ancora stata ufficialmente presa in considerazione per la seconda stagione, lo show è attualmente in pre-produzione per una seconda stagione della follia di Manhattan. Ma non è in gioco solo il futuro di Dead City: c’è anche da considerare l’intero destino di un franchise. Un inizio stentato potrebbe smorzare l’entusiasmo per le altre serie successive. Tuttavia, il cast, la troupe e il network sono tutti fiduciosi che la prima puntata dell’universo di The Walking Dead 2.0 stabilirà il tono e il modello per la prossima fase della storia generale e fungerà da ponte – o, diciamo, da trave – verso questa nuova era.

“Dead City riprenderà un paio d’anni dopo l’ultima volta che abbiamo visto la banda in The Walking Dead. Maggie rintraccia Negan, ha bisogno del suo aiuto – almeno questa è la storia che gli sta dando”, ha spiegato Morgan. “Ci troviamo nella necessità di andare a Manhattan e penso che New York City come sfondo di questo mondo sarà davvero speciale”.

Con un trailer del progetto già rivelato, i fan hanno ipotizzato come potrebbe evolvere la relazione tra Negan e Maggie.

“Non si sposeranno, capite cosa intendo?”. Ha detto Morgan con una risata. “Ve lo dico subito. È tenue al massimo. Hanno bisogno l’uno dell’altra per una ragione molto specifica. Quindi, Negan è tornato indietro probabilmente di qualche passo nell’arco di redenzione per necessità e per il suo istinto di sopravvivenza. Sarà una strada impervia, ma la 5th Avenue non è poi così male da percorrere”.

Da parte sua, la Cohan descrive la premessa come “non i tipici compagni di squadra e non una tipica avventura”.

“Avventura è probabilmente un po’ fuorviante”, ha chiarito. “Penso che la gente sia molto eccitata e curiosa di sapere perché questi due si trovino insieme in un viaggio, e tutto questo verrà approfondito in un modo davvero interessante, pieno di conflitti, che è sempre divertente da interpretare”.

Jeffrey Dean Morgan ha confermato che la produzione della serie spin-off di Walking Dead, The Walking Dead: Dead City, è in corso. L’attore, che interpreta Negan, ha condiviso su Instagram una foto del copione del pilot con la didascalia: “Ci siamo. Xxjd… e uno scaffale pieno di suoni”.

La nuova serie The Walking Dead: Dead City seguirà la coppia improbabile – interpretata da Lauren Cohan e Jeffrey Dean Morgan – in quello che AMC chiama “una Manhattan post-apocalittica molto tempo fa tagliata fuori dalla terraferma.

“La città in rovina”, aggiunge AMC, “è piena di morti e abitanti che hanno reso New York City il loro mondo pieno di anarchia, pericolo, bellezza e terrore.”

The Walking Dead: Dead City è il quinto spin-off del dramma originale AMC basato sulla serie a fumetti di Robert Kirkman. Tra gli spin-off precedenti ci sono Fear the Walking Dead, The Walking Dead: World Beyond, Tales of the Walking Dead e uno spin-off ancora senza nome su Daryl/Carol.

Eli Jorné è stato selezionato per produrre la prima stagione di sei episodi insieme a Cohan e Morgan.

Sebbene gli spinoff siano tutti a sé stanti, Jeffrey e Lauren hanno lasciato intendere che potrebbe non passare molto tempo prima che i loro personaggi, Negan e Maggie, si imbattano nuovamente in alcuni volti familiari.

“Penso che la porta sia aperta perché siamo tutti sulla stessa linea temporale”, ha rivelato Jeffrey a E! News. “Esistono nello stesso momento. Quindi penso che ci sia l’opportunità di portare un personaggio di questa serie, un personaggio di quella serie e fare qualcos’altro che possa continuare”.

Lauren è d’accordo, dicendo che “c’è la speranza di una collisione” tra tutti i diversi show.

Mentre Jeffrey ora dice che “tutti sono molto eccitati per i rispettivi spinoff e per quello che può venire dopo”, non è sempre stato così sicuro di come Dead City – che seguirà Maggie e Negan mentre viaggiano “in una Manhattan post-apocalittica da tempo tagliata fuori dalla terraferma”, secondo il network – avrebbe funzionato.

“Quando l’idea è stata proposta per la prima volta, ho pensato che fosse una follia come probabilmente l’avete pensata voi”, ha detto. “Come si fa a mettere insieme questi due personaggi? Si parlava molto di spinoff e di come si sarebbe potuto fare. Parlavano con me e Lauren di farne uno nostro”.

Jeffrey ha continuato: “Un giorno, [il responsabile dei contenuti dell’Universo di The Walking Dead] Scott [Gimple] ha detto: ‘Ehi, abbiamo un’idea e siete voi due’. Ricordo che il giorno dopo, sul set, ho parlato con Lauren ed entrambi abbiamo alzato le sopracciglia dicendo: “Come cavolo funziona?””.

Il modo in cui funziona, sostiene Lauren, è quello di non fuggire dalla natura esistenziale della relazione tra Negan e Maggie.

“Per noi attori è un buon territorio in cui addentrarci, ma il nostro pubblico vorrà vederlo”, ha detto. “Sono tante le cose lasciate sul tavolo. Se sei legato a qualcuno con cui hai tutte le ragioni per non voler mai avere a che fare e che vuoi odiare e invece sei costretto a farlo, per me fa emergere le domande più grandi che si possano avere nella vita”.

E quando verranno affrontate queste domande? Jeffrey ha insistito sul fatto che i fan non dovranno aspettare a lungo.

“Penso che tutte queste domande troveranno risposta nel corso del primo anno”, ha detto. “Penso che troveranno risposta, in realtà, nei primi due episodi. È davvero interessante. È una narrazione davvero interessante”.

Jeffrey ha riconosciuto a Lauren il merito di aver reso il passaggio a uno spinoff senza soluzione di continuità, ma ha avvertito che non tutto può rimanere roseo a lungo.

“Molte cose sono rimaste invariate. Avevamo un’intimità dovuta al fatto di essere stati l’uno accanto all’altra negli ultimi sette anni”, ha detto. “Ma allo stesso tempo, abbiamo dovuto fare tutte queste cose nuove e immergerci in luoghi oscuri in cui devi davvero fidarti del tuo partner. Non fraintendetemi, siamo davvero partner, sullo schermo e fuori, eppure lei potrebbe uccidermi da un momento all’altro. O forse io lei. Chi lo sa?“.

Jeffrey Dean Morgan ha quasi rifiutato lo spin-off

Ciò che è stato sorprendente per l’uomo che interpreta Negan è stato il fatto che ha anche voluto fare lo show in primo luogo. “Se mi avessi detto che un anno fa l’avrei fatto, avrei detto, ‘Non c’è modo. Ho intenzione di finire questo e andare via.'” dice Morgan. “La nuova avventura attende facendo qualcos’altro.'”

Allora cosa è cambiato? L’attore si ferma e considera: “Penso che il finale di The Walking Dead e il suo allontanamento sarebbe stata una cosa nobile per tutti noi. Ma la storia era così buona e valeva la pena raccontarla, si trattava semplicemente di non riuscire a dire di no. E mi sentivo rinvigorito e volevo continuare.”

Lauren Cohan e Jeffrey Dean Morgan e la loro reazione alla notizia
The walking dead negan maggie spinoff amc isle of the dead

Jorné “ha creato qualcosa di incredibilmente speciale”, ha detto Cohan. Ha aggiunto “Non vedo l’ora che i fan vedano cosa abbiamo in serbo per Maggie e Negan.” Da parte sua, Morgan ha esclamato: “I Walkers in un ambiente urbano è sempre stata un’immagine così forte, ma 5th Avenue, l’Empire State Building, la Statua della Libertà? La più grande città del mondo?!? Lo sfondo è incredibile,” ha continuato, “ma è la storia che Eli Jorné ha cucinato che è ancora meglio. Allacciate le cinture, gente, l’Isola dei Morti reinventerà l’Universo di The Walking Dead”

La serie di sei episodi verrà lanciata su AMC e AMC+ nel 2023.

Gaius Charles diventa protagonista antitesi di Lauren Cohan e Jeffrey Dean Morgan in Isle of the Dead, l’imminente serie spinoff di The Walking Dead con set a New York City della AMC.

Charles interpreterà Izaak. È fiducioso, spietato e inflessibile nella ricerca di ciò che crede sia giustizia, con la forza della sua volontà e della sua minaccia. Izaak apprezza il suo lavoro e mescola l’umorismo con il terrore che incita. Lui è un uomo di famiglia, dedicato alla costruzione di un mondo sicuro per la moglie e le figlie. Il suo viaggio riporta alla luce una perdita da cui è ossessionato. Ha pazienza e resistenza e cammina piuttosto che fuggire dai suoi errori.

“Negan è un po’ un casino,” ride Morgan. “È solo quel ragazzo che vuoi picchiare. È un tipo con cui fare a pugni, e lo capisco, essendo quello che dice le cose che gli escono dalla bocca. A volte voglio dargli un pugno anche io!”

“Penso che stare separati peggiorerà le cose. Negan ha l’opportunità di cadere in alcune vecchie abitudini, perché è tutto un meccanismo di sopravvivenza per lui, soprattutto se non è con il gruppo. Il gruppo lo ha addomesticato in molti modi, e per adattarsi, ha dovuto smettere di essere quello che era. E penso che lontano da questo gruppo, è probabile che cada in alcune vecchie trappole e vecchi comportamenti.”

“Guarda, è un’apocalisse”, dice Morgan. “Sappiamo come Negan è sopravvissuto. Lo abbiamo visto nella sua progressione su come è sopravvissuto e cosa fa per adattarsi, e penso che sarà sempre adattabile in qualsiasi situazione. Ma lontano dalla gente, non sta bene.”

“Per quanto sia difficile l’alleanza che Maggie e Negan hanno, penso che Negan essendo stato fuori dalla portata di Maggie per un paio d’anni non tornerà sulle azioni che l’hanno fatto scappare in principio. Non so in qualche modo durerà. Non so se può durare.”

Sappiamo che scapperà a New York City. Sono lui e Maggie, e non c’è molta gente con lui. Quindi, se faccio i calcoli, sarà nei guai. Sarà una brutta combinazione per lui.

Lauren Cohan parla di Maggie a New York

Tutto sommato, Maggie Rhee si è trovata in una posizione abbastanza buona alla fine di The Walking Dead. Ha salvato suo figlio, ha salvato il Commonwealth. Ha (più o meno) perdonato Negan per aver brutalmente ucciso suo marito. Ed era tornata a Hilltop.

Naturalmente, nulla rimane bello a lungo nel mondo di The Walking Dead, e sembra che i bei tempi non saranno più così belli quando le cose riprenderanno ad aprile nello spin-off di AMC dedicato a Maggie e Negan, The Walking Dead: Dead City. Questo secondo la stessa Maggie, Lauren Cohan.

“Ci ritroviamo a New York, ai piedi di una montagna davvero inaspettata”, spiega la Cohan a EW, “dove forse le cose sono andate bene per un certo periodo di tempo, ma siamo di nuovo di fronte a questa sfida, proprio come queste sfide che sembrano sempre spuntare”.

Primo sguardo a ‘Dead City’, spinoff di The Walking Dead su Negan e Maggie! – TEASER
Dead City riprenderà alcuni anni dopo la conclusione della serie madre, e resta da chiedersi cosa sia successo in quegli anni inediti che alla fine ha portato il duo disfunzionale a nord di New York. Qualunque cosa sia, non è buona.

“Niente è visto con occhiali rosa”, dice Cohan del viaggio. “Perché la cosa che viene fuori è tipo: ok, abbiamo superato questo ostacolo del Commonwealth e queste cose, ma questo non significa che la vita sia facile solo perché hai sconfitto un nemico. E il nemico è un bersaglio mobile. È anche il nemico interno”.

Anche se la Cohan non ha voluto rivelare l’evento o l’incidente specifico che farà tornare insieme lei e Negan nella Grande Mela, durante la nostra chiacchierata ha menzionato più volte la parola “genitorialità” e ha anche rivelato che “quando entreremo nel nuovo show, la più grande debolezza di Maggie sarà sicuramente sfruttata”.

Questo potrebbe significare che la sicurezza di suo figlio Hershel è a rischio? D’altronde, fare il genitore è una cosa piuttosto importante e la Cohan osserva anche che “a volte non sono le cose grandi a essere difficili, ma le piccole cose. E quelle piccole cose diventano molto, molto grandi perché sono i nostri punti ciechi e sono la nostra più grande debolezza”.

Primo sguardo a ‘Dead City’, spinoff di The Walking Dead su Negan e Maggie! – TEASER
In conclusione: Chissà di cosa diavolo sta parlando. Ma è chiaro che il cessate il fuoco tra Maggie e Negan che abbiamo visto nel finale di The Walking Dead potrebbe essere… beh, cessato.

Jeffrey Dean Morgan ha dichiarato a EW che Negan tornerà ad alcune delle sue vecchie abitudini dopo essere stato separato dal gruppo, e la Cohan ha anticipato che “sarà molto, molto difficile per lei continuare, anche con le migliori intenzioni di lasciare che Negan abbia il suo territorio e che lei vada avanti con la sua vita e trovi la speranza e cerchi di costruire questo futuro”.

Sembra anche che il nuovo e sconosciuto territorio di una New York City infestata dagli zombie non aiuterà le cose: “Deve affrontare il nuovo territorio di New York City. Sarà davvero difficile e fisicamente impegnativo”.

Traduzione: Niente sarà facile per Maggie. Ma se c’è una cosa che abbiamo imparato sul personaggio dopo che ha perso sua madre… e la sua matrigna… e il suo fratellastro… e suo padre… e sua sorella… e suo marito… e troppi amici da menzionare, è che possiede un’incredibile capacità di recupero di fronte ad avversità impensabili.

“Mi sembra molto importante per il modo in cui andiamo avanti con la storia”, dice Cohan, “perché la realtà di una vita di attriti e sfide estreme è che devi continuare ad andare avanti”.

Nuovi casting per The Walking Dead: Dead City!

  • Jonathan Higginbotham interpreterà Tommaso
  • Željko Ivanek interpreterà Il Croato
  • Mahina Napoleon interpreterà Ginny
  • Karina Ortiz interpreterà Amaia

Teaser & altro

Ritratti del cast ai Television Critics Awards

Siete emozionati per il nuovo spinoff di The Walking Dead su Negan e Maggie?

Continuate a seguirci per altre news sulle serie tv!

Aurora

Fonte: TVLine

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here