Primo sguardo a Manifest 4! – VIDEO

0
1305
manifest segno zodiacale personaggi

Allacciate le cinture e assicuratevi che i tavolini siano in posizione, perché Manifest 4 sta per arrivare su Netflix con i primi 10 episodi il 4 Novembre – Diamogli un primissimo sguardo!

Quando l’ultima stagione di Manifest riprende, sono passati due anni da quando la vita degli Stones è cambiata in modo devastante: Grace (Athena Karkanis) è stata uccisa e la piccola Eden è stata rapita da Angelina (Holly Taylor). E nei primi sette minuti della première della quarta stagione, appena rilasciata da Netflix, non sembra che le cose miglioreranno presto.

Ben (Josh Dallas) appende nuovi manifesti per la figlia scomparsa, oltre a quelli vecchi per lei e per il Cal scomparso, e ignora le chiamate di un certo “Gabriel”. Un flashback straziante lo mostra mentre arriva a casa quella sera e scopre cosa è successo. Cal (Ty Doran), che è scomparso per poi tornare dopo cinque anni (come sarebbe successo se non fosse stato sul volo 828) quando sua madre è morta nel finale della terza stagione, ha assistito dall’altra parte della strada.

Nel frattempo, a casa, Olive (Luna Blaise) cerca di replicare i pancake di sua madre (ma non funzionano) e scopriamo che Gabriel è Cal. Ben lo fa chiamare così anche a lui perché pensa che i telefoni siano sotto controllo. La vita degli 828ers è dura, con le loro vite messe a soqquadro dal registro e Cal che si nasconde per ridurre il rischio che la gente scopra la sua identità. Inoltre, Michaela (Melissa Roxburgh) sta ricevendo chiamate – Cal non ne ha avuta una in due anni – con fiori di ciliegio e l’ultima potrebbe fornire una possibile pista.

GUARDA QUA I PRIMI MINUTI DI MANIFEST 4!

Trama

“Mentre la Data della Morte si avvicina e i passeggeri diventano disperati per un percorso di sopravvivenza, un misterioso passeggero arriva con un pacchetto per Cal che cambia tutto ciò che sanno sul volo 828 e si rivelerà la chiave per sbloccare il segreto delle Chiamate in questo viaggio avvincente, complesso e profondamente emotivo.”

Il creatore Jeff Rake svela cosa aspettarsi dai primi 10 episodi della quarta stagione

Forse non hai ottenuto le tue sei stagioni complete, ma questo è ancora il tuo lieto fine?

JEFF RAKE: È come un lieto fine. Venti episodi si sono rivelati sufficienti per raccontare la nostra storia completa. Ho i miei punti di riferimento, le mie bandiere nella sabbia, e li ho portati nella nuova stanza degli sceneggiatori. Si guarda la lavagna di Zoom e le bandierine e… ci sono 20 episodi! Venti si sono rivelati più che sufficienti. Stiamo raccontando la stessa storia che abbiamo sempre voluto raccontare.

È solo un po’ più concisa, un po’ più densa. Ogni episodio è un po’ più ricco di informazioni, il che credo sia una vittoria per il pubblico. Ogni episodio è più denso di emozioni, azione, relazioni e mitologia. È stato incredibilmente emozionante e gratificante. E quando ho saputo che si trattava di due blocchi di 10 episodi, è stata una grande notizia per me, perché nella mia mente si tratta effettivamente di due stagioni. Mi permette di mettere un grande cliffhanger di fine stagione proprio nel mezzo, alla fine dei [primi] 10 episodi, il che è eccitante per gli spettatori e divertente per noi scrittori. È stata una grande vittoria.

Quanti sceneggiatori è riuscito ad assumere?

RAKE: Sono riuscito a mantenere tutti i miei sceneggiatori, ma c’è stato un leggero aggiustamento. Ne abbiamo persi uno o due e siamo riusciti a sostituirli. Quindi ne avevo nove e alla fine ne ho ancora nove.

Ora è su Netflix senza pubblicità. Perché ha mantenuto la stessa lunghezza dell’episodio?

RAKE: Una delle prime cose che Netflix ha detto è stata: “Siamo felici che continuiate a fare quello che state facendo”. Avevamo già la prova del nove che il pubblico di Netflix amava la serie così come l’avevamo scritta, la sua lunghezza, il suo tono, il fatto di avere interruzioni di scena e di passare al nero con le interruzioni di scena.

Avevamo già visto che il pubblico dello streaming aveva guardato 42 episodi della nostra serie e l’aveva amata. Non volevo fare nulla che rischiasse di allontanare il nostro pubblico. Perché rovinare il successo? Così abbiamo continuato a scrivere fino alle interruzioni degli atti. Sembra ancora lo show. E abbiamo scritto qualche bestemmia in ritardo solo perché ci divertiva.

Come mai avete deciso di saltare due anni nel futuro?

RAKE: La cosa più difficile da fare che abbiamo scoperto dalla prima stagione è stata quella di spostare il calendario della storia in avanti. Tempo fa avevo scelto arbitrariamente come data di morte il 2 giugno 2024. L’ho fatto perché speravo che avremmo avuto sei stagioni. Il 2 giugno 2024 era sei anni dopo l’inizio della storia.

Così mi sono ritrovato con questa data di morte nel 2024. Abbiamo sempre voluto creare questi grandi cliffhanger alla fine di una stagione. E poi si è scoperto che questi cliffhanger volevano quasi sempre una risposta immediata. Quindi il problema era che volevi rispondere al cliffhanger, tipo il giorno dopo. Si è rivelato davvero impegnativo spostare la palla sempre più vicino alla data della morte, sei anni dopo. Quindi, ogni volta che riuscivamo a trovare un’opportunità per spingere il calendario della storia più in là, la coglievamo.

E quando abbiamo scritto i cliffhanger per la fine della terza stagione, abbiamo pensato: “E adesso?”. Grace è stata uccisa. L’amata figlia Eden è stata rapita. Cosa succederà dopo? Ci siamo chiesti: quanto sarebbe stato orribile se due anni dopo [Ben, interpretato da Josh Dallas] non avesse ancora trovato quella bambina?

Abbiamo scelto questa soluzione perché ci dava il grande vantaggio di avvicinarci molto di più alla data della morte, il che alza enormemente la posta in gioco. Ma allo stesso tempo, immaginate se, oltre all’uccisione di vostra moglie, sono passati due anni e non avete ancora trovato vostro figlio. Che incubo.

Quando Angelina ha rapito la piccola Eden e ucciso Grace nel finale della terza stagione, ha causato la scomparsa dell’intero aereo. Sapremo perché l’aereo è scomparso?

RAKE: Ottima domanda. Non scopriremo dove è andato l’aereo, ma, piccolo spoiler, potrebbe non essere l’ultima volta che lo vediamo.

Scopriremo dove è andato Cal?

RAKE: Lo sapremo.

Ci dirà dov’è andato il Capitano Daly?

RAKE: È apparso e scomparso. Non sarà l’ultima volta che vedremo il Capitano Daly. E scopriremo dove è stato il Capitano Daly.

Questa storia finirà o arriverà a pochi minuti dalla data della morte?

RAKE: Potete aspettarvi che [la serie vada] letteralmente fino alla data della morte. È lì che ci porterà l’episodio 20.

E soprattutto, scopriremo la fonte delle chiamate?

RAKE: Lasciamo una leggera interpretazione, ma credo che il pubblico sarà in grado di trarre una conclusione soddisfacente.

Dopo che Netflix ha accettato la quarta stagione, ha mai ricevuto una telefonata di “scusa” dalla NBC?

RAKE: Sa, non voglio parlarne nello specifico. Ma io e la NBC siamo grandi amici e sono stati miei campioni per molti anni, prima e dopo. Ho un rapporto molto cordiale con i dirigenti, fino ai vertici. Rimaniamo grandi amici e colleghi.

Qual è il suo prossimo progetto, una commedia?

RAKE: Questa è stata una svolta per me in termini di genere, perché non ero uno scrittore di gialli. Sono cresciuto scrivendo serie poliziesche e avvocatesche, ma mi piaceva molto scrivere un grande mistero che catturasse il pubblico. E spero di riuscire a creare qualcosa di altrettanto accattivante come Manifest.

Il suo rapporto con i fan su Twitter ha avuto un ruolo importante nel far sì che Netflix scegliesse questa serie per un’ultima stagione. Questo significa che pagherà 8 dollari al mese a Elon Musk per mantenere il suo account blu?

RAKE: Stephen King è un grande fan di Manifest ed è stato davvero impressionante vederlo abbassare il prezzo da 20 a 8 dollari. Quindi mi metterò in disparte per vedere quanto riuscirà a scendere.

Le donne di ‘Manifest’ parlano dei triangoli amorosi della quarta stagione e del loro addio

Lotta e fuga: il cast e il creatore di ‘Manifest’ anticipano la stagione 4

“È un devasto totale per Ben”, dice Dallas. Nonostante il salto temporale di due anni tra una stagione e l’altra, il processo di guarigione di Ben ha fatto pochi progressi. (Ha anche avuto il tempo di farsi crescere quella che sul set è nota come “la barba del dolore di Ben”). “Gli è rimasta una profonda rabbia, un vuoto in cui si è perso”, spiega Dallas. “E la rabbia è che non vede l’ora di restare. Ti priva della tua bellezza e finisci per ferire le persone che ti amano. Si allontana davvero dalle persone che ancora lo circondano e dalle “chiamate”. Ha chiuso con loro. Nella sua mente, non gli hanno dato nulla”.

Ma come sappiamo, ignorare le “chiamate” non è un’opzione possibile.

Non solo influiscono fisicamente su chi le subisce, ma non seguirle può portare a conseguenze di vasta portata e catastrofiche. Con Ben concentrato unicamente sulla ricerca della figlia scomparsa e che “vaga nella sua prigione di dolore”, come dice Dallas, Michaela si ritrova ad assumersi la responsabilità sia di passeggero che di zia, per non parlare del fatto che continua a mantenere un punto di un angosciante triangolo amoroso. “Lei fa da genitore a tutti”, dice Roxburgh. “Poiché Ben è così concentrato sulle sue cose, lei assume quel ruolo; il suo obiettivo è assicurarsi che i passeggeri siano al sicuro”.

Ben non è l’unico a sentirsi in bilico.

Dopo essere scomparso e riapparso più vecchio di cinque anni nel giro di un giorno durante il finale della terza stagione, il figlio di Ben, Cal (ora interpretato da Ty Doran), sta cercando di capire dove sia andato, perché sia invecchiato fisicamente ma non psicologicamente e come si inserisca nel viaggio dei passeggeri.

“Sa dove è stato – fondamentalmente, lo capisce”, dice Rake. “Ma il perché, i dettagli, dovrà metterli insieme in modo frammentario”. E questo solo dal punto di vista mitologico. “Da un punto di vista psicologico, si incolpa per gran parte di ciò che è accaduto alla fine della scorsa stagione e, in modo problematico e doloroso, anche suo padre lo incolpa”, dice il creatore. Poiché è stato Cal a far rientrare Angelina nella casa di famiglia dopo che Grace l’aveva cacciata, il suo ritorno porta con sé un bagaglio piuttosto pesante. “Ben non può fare a meno di provare questo complicato sentimento di ‘sei stato tu’ nei confronti di suo figlio”, dice Dallas. “E questo è davvero, davvero duro”.

Come sempre, Manifest continuerà a bilanciare l’aspetto emotivo con quello mitologico, quindi coloro che si sintonizzeranno per gli elementi soprannaturali e scientifici potranno essere certi di vedere le loro teorie disattese e le loro domande trovare risposta – a un ritmo un po’ più veloce del solito. Rake aveva inizialmente previsto che la serie si svolgesse in sei stagioni, ma ora ha a disposizione 20 episodi su Netflix per concludere la trama. Questo ha rappresentato sia una sfida che un’opportunità.

All’inizio di ogni stagione, Rake e il suo team avevano “messo delle bandiere nella sabbia” su quale sarebbe stato il finale, oltre a conoscere la destinazione finale della serie. “L’unica vera sfida importante è stata capire come prendere i finali della quarta e della quinta stagione e combinarli in uno solo. Ma una volta superato questo problema, la stagione è stata più ricca di eventi che altro”, dice il creatore. “A volte, quando si hanno meno episodi di quelli che si pensava di avere, il risultato può essere una storia un po’ meno indulgente, meno serpeggiante, e la stanza degli sceneggiatori è costretta a essere un po’ più efficiente”.

Scopriremo quindi finalmente dove è andato l’aereo quando è scomparso? O se i passeggeri sono morti e sono stati resuscitati? E se le azioni di un passeggero possono rovinare tutto per tutti?

“È un treno merci che si muove verso quella risposta”, dice Dallas, introducendo una metafora su un’altra modalità di trasporto, mentre Rake promette risposte ai fili generali e intricati. “Il messaggio tematico di fondo dello spettacolo ha sempre riguardato l’interconnessione di tutti noi e il modo in cui le piccole azioni di un gruppo di persone possono avere implicazioni a cascata che toccano il mondo intero”, aggiunge. “È questa la storia che ho voluto raccontare e continueremo a farlo”. (Anche se con un “linguaggio leggero”, ora che la serie non è più in onda sulla rete televisiva).

Ma i fan dovrebbero allacciarsi le cinture il 4 novembre, perché la posta in gioco sta per diventare ancora più alta.

“Diventerà sempre più chiaro ai passeggeri che le “chiamate” sono in qualche modo di origine divina e che non si tratta solo di loro”, dice Rake. “Questo è un dono o un fardello: un’opportunità per svegliare il mondo e rendersi conto che è tutto collegato e che tutti noi dobbiamo essere migliori se vogliamo continuare a vivere in questo mondo”.

TVLine e le domande interessanti al cast

Dal momento che ora sappiamo delle abilità empatiche di Zeke su Manifest, questa abilità crescerà ed evolverà in questa stagione? E avrà un impatto sul matrimonio di Zeke con Michaela?
Ho posto la tua domanda su Matt Long mentre moderavo il pannello PaleyFest NY di Manifest questo martedì sera, e Long ha risposto, in breve, “Sì. E sì.”

Dato ci sarà un salto temporale di due anni quando Manifest ritorna, non vedremo come è andata la conversazione di Zeke e Mick “We need to talk”?
Lo stesso Matt Long ha confermato al PaleyFest NY che, infatti, un episodio della quarta stagione avrà un flashback a quella delicata conversazione – che ho visto, tra l’altro, ed è uno dei lavori più belli di Long e Melissa Roxburgh.

La mia domanda per il cast : Ora che sai come finisce lo show, è quello che ti aspettavi per il tuo personaggio?
Dirò solo che quando ho chiesto al cast di alzare le mani, quando ho chiesto, “Chi è stato più sorpreso da dove il loro personaggio è finito nel finale della serie?” Il braccio di J.R. Ramirez si alzò più veloce e più alto. Quello di Long non era lontano.

Dallas descrive l’ultima stagione come una corsa emozionante

“È avvincente, è twisty, è turny, è tutto ciò che desideriate da un episodio classico di Manifest e di più,” anticipa. “Scopriremo la risposta definitiva di ciò che è successo a questi passeggeri sul volo 828. A mio parere, è il finale perfetto e la risoluzione di ciascuno di questi personaggi, e non vediamo l’ora che la gente lo veda.”

Il salto temporale

La terza stagione si è conclusa con una tragedia e uno shock per la famiglia Stone. Grace (Athena Karkanis), moglie di Ben, è stata pugnalata a morte da Angelina Meyer (Holly Taylor), un’altra sopravvissuta del volo 828 che ha poi rapito la loro bambina, Eden. Nel frattempo, il loro figlio, Cal Stone (Jack Messina), aveva toccato la pinna di coda dell’aereo 828 ed era completamente scomparso, per poi riapparire cinque anni più vecchio e interpretato dall’attore Ty Doran.

La quarta stagione inizia due anni dopo questi eventi e la famiglia Stone si trova in un momento molto buio. Dallas scherza sul fatto che Ben ora sfoggia la sua “barba da lutto”. “Ho avuto il tempo di far crescere la barba da lutto di Ben, che credo sia nata dal dolore per la cancellazione della serie”, dice. Su una nota più seria, la barba è una manifestazione di “un ciclone di momenti catastrofici” che il suo personaggio sta ancora affrontando a due anni di distanza.

“Ben sta mettendo in discussione tutto, non solo le chiamate, ma anche Dio e l’universo e la sua bontà contro la malvagità”, dice Dallas. “La perdita di Grace ha lasciato in lui un vuoto enorme e una profonda rabbia. Il problema della rabbia è che non vede l’ora di rimanere. Può privarti della tua luce e lasciarti senza nulla da offrire. Ti porta a ferire le persone che ti amano, e Ben lo fa spesso. Credo che una parte di lui voglia che il dolore persista, perché pensa che se lo lascia andare e guarisce dal suo dolore, in qualche modo perderà Grace per sempre”.

Il cast di Manifest sul grande cambiamento di Cal nella quarta stagione

Nessuno in Manifest ha vissuto più cambiamenti di Cal.

I fan del nuovo drama ricorderanno uno dei grandi cliffhanger della terza stagione, quando il più giovane della famiglia Stone, interpretato da Jack Messina, è scomparso in circostanze soprannaturali per poi riapparire cinque anni più vecchio.

Ty Doran interpreta Cal nella quarta stagione di Manifest e, insieme ai suoi colleghi del cast, ha raccontato il processo di crescita del personaggio alla suite video del New York Comic Con di EW, sabato, prima del grande panel dello show.

È in questo corpo più vecchio ma non è maturato al livello che sarebbe adatto alla sua statura ora, credo”, dice Doran. “Quindi è stato strano… È come un ragazzino, È così arrabbiato, ha così tanti problemi con il padre e vuole aiutare così tanto. È stato interessante… Il punto in cui inizia e quello in cui finisce sono due luoghi molto diversi, e credo che nel corso di questa stagione sia davvero cresciuto”.

Il cambiamento è in arrivo per tutti i personaggi, in virtù del salto temporale di due anni tra la terza e la quarta stagione.

L’ultimo finale ha visto anche la morte di Grace (Athena Karkanis) e il rapimento della piccola Eden da parte di Angelina (Holly Taylor).

Ben, dice l’attore Josh Dallas, è “immerso nella sua spirale di dolore e vergogna, e la sua rabbia – è molto arrabbiato. E si sta allontanando da tutto, comprese le chiamate. E questo include anche, purtroppo, la sua famiglia che gli è ancora vicina, che lo ama ancora, che vuole che stia meglio. Ma lui non riesce a vedere la foresta attraverso gli alberi e li respinge tutti. Ci sono alcuni momenti strazianti ed emotivi con lui in questa prima parte”.

Di conseguenza, Luna Blaise dice che Olive, la sorella di Cal, assume “un ruolo materno” di fronte al padre distante. “Olive e Zeke diventano una sorta di genitori“, aggiunge Matt Long. “Siamo una sorta di base per la famiglia, mentre gli altri sono fuori a fare altre cose”.

Foto promozionali

Ecco i titoli degli episodi della stagione 4 di Manifest

S04 E01
Touch-And-Go

S04 E02
All Call

S04 E03
High Flight

S04 E04
Go-Around

S04 E05
Squawk

S04 E06
Relative Bearing

S04 E07
Romeo

S04 E08
Full Upright & Locked Position

S04 E09
Rendezvous

S04 E10
Inversion Illusion

Aggiornamenti dalle riprese

Il creatore della serie Jeff Rake ha scritto su Twitter il 18 Novembre che le riprese sono iniziate per la stagione finale del dramma soprannaturale, Manifest 4, che è stato cancellato dopo tre stagioni sulla NBC e poi salvato da Netflix per un ultimo hurrah. “E SIAMO TORNATI!” ha scritto Rake come didascalia ad una foto di membri dell’equipaggio per le strade di Gotham.

J.R. Ramirez – che dal primo giorno ha interpretato il detective Jared Vazquez nel dramma soprannaturale/familiare – ha condiviso su Instagram una sua foto che riporta per lavoro la quarta (e ultima) stagione che Netflix ha ufficialmente “salvato” ad agosto, mesi dopo che la NBC aveva cancellato senza tanti complimenti la serie.
Manifest

“Camminando attraverso le tappe questa mattina… Mi sentivo semplicemente diverso,” ha scritto Ramirez accanto a una foto di lui al fianco della porta del suo camerino. “Lavoro in questo business da quasi due decenni e so di atterrare in team di Cast e Troupe collaborativo, dedito e a mio parere (più importante) “senza alcun ego” come lo sono questi esseri umani di talento… Succede RARAMENTE. È solo il primo giorno e si può già sentire il livello di apprezzamento che questo gruppo ha per quel giro magico che è Manifest!” ha continuato. “Ma cerchiamo di essere realisti… La realtà è tutto di questa magia esiste grazie a voi ragazzi! Voi ragazzi fatto accadere questo! Vi amiamo. Non vedo l’ora che vediate come tutto si sistemerà…”

Ora che la NBC ha approvato l’ordine di Getaway, la disponibilità di Matt Long gli permetterà di essere di nuovo un membro del cast principale per Manifest 4?

TV Line ha posto la domanda al creatore del Manifest Jeff Rake, e lui è “lieto di riferire” che Matt Long effettivamente tornerà nello show, “permettendo a Zeke di completare il suo viaggio in Manifest 4 proprio come originariamente previsto.”

Netflix ha salvato Manifest dopo alcuni mesi di campagne dei fan sui social media e lo show si è comportato bene sulla piattaforma di streaming. La quarta stagione condenserà i piani di Rake in 20 episodi, che andranno in onda nel 2022.

Ecco tutte le foto dietro le quinte che il cast ha condiviso con noi sui social!

Manifest ha ufficialmente terminato le riprese e la star Melissa Roxburgh ha celebrato l’occasione regalando ai fan una serie di dolci scatti dietro le quinte

Prima dell’uscita della quarta stagione, la star Melissa Roxburgh ha rivelato che il dramma della NBC trasformato in Netflix ha completato le riprese dell’ultimo lotto di episodi della serie. In un post dolce, l’attrice ha condiviso una serie di foto dietro le quinte, che includono una serie di selfie del cast e scatti di Roxburgh che abbraccia la co-star Josh Dallas. 

“Grazie per aver volato con noi”, ha sottotitolato il post.

Continuate a seguirci per altre novità su film e serie tv!

Chiara

Fonte: TV Line / EW

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here