Primo sguardo al grande viaggio nel tempo di Outlander 7! – FOTO

0
262

Parte di ciò che rende Outlander così coinvolgente è la sua capacità di reinventarsi all’infinito, grazie all’abilità di viaggiare nel tempo condivisa dalla maggior parte (ma soprattutto non da tutti) del suo cast principale. Pur essendo pesci fuor d’acqua nel XVIII secolo, Claire (Caitriona Balfe), Brianna (Sophie Skelton) e Roger (Richard Rankin) hanno trascorso diverse stagioni apparentemente ambientandosi nel passato, ma la settima stagione ha già sconvolto tutto questo in modo spettacolare.

Attenzione! Di seguito sono contenuti spoiler sul terzo episodio di Outlander 7!

Richard Rankin e Sophie Skelton in Outlander 7 – Foto di Robert Wilson per STARZ – Primo sguardo al grande viaggio nel tempo di Outlander 7! – FOTO
Nell’episodio della scorsa settimana, Brianna e Roger hanno preso l’angosciante decisione di viaggiare indietro nel tempo attraverso le pietre per salvare la figlia Mandy da una malformazione cardiaca che non ha cura nel XVIII secolo.

A tutti gli effetti, si tratta di un viaggio di sola andata, che Brianna compie sapendo che potrebbe non rivedere mai più i suoi genitori. Per quanto straziante, questa scelta dà a Brianna e Roger la possibilità di ristabilirsi nell’era moderna che pensavano di essersi lasciati alle spalle per sempre.

Ma non riprendono esattamente da dove si erano interrotti. Invece, nel terzo episodio, “Death Be Not Proud”, la coppia si costruisce una vita per sé e per i propri figli negli anni ’80, dopo aver viaggiato da Boston alla casa ancestrale di Brianna nelle Highlands scozzesi.

È passato un po’ di tempo dall’ultima volta che Outlander ha trascorso un periodo significativo nel ventesimo secolo e per la showrunner Maril Davis era importante resistere all’impulso di concentrarsi troppo sugli anni Ottanta.

“Penso che molte persone diranno: ‘Oh, non sono gli anni ’80 che conosco’”, dice la Davis, riconoscendo che i fan che si aspettano di vedere spalline, capelloni e vestiti al neon potrebbero rimanere delusi dall’approccio naturalistico dello show. “La gente deve ricordare che si tratta degli anni ’80 nelle Highlands, che saranno un po’ diversi dagli anni ’80 di Los Angeles. Ma ci siamo spinti un po’ oltre con le acconciature e l’abbigliamento, perché volevamo che fossero pop”.

Sophie Skelton in Outlander 7 – Foto di Robert Wilson per STARZ – Primo sguardo al grande viaggio nel tempo di Outlander 7! – FOTO
A tal fine, la costumista Trisha Biggar ha fatto indossare a Brianna, interpretata da Sophie Skelton, un’audace tonalità gioiello per dare il via alla trama degli anni Ottanta: un cardigan a portafoglio verde acqua che si distingue immediatamente da tutte le epoche precedenti dello show, così come il nuovo taglio di capelli e la frangia di Bree.

“Sono arrivati da Boston, una città metropolitana degli Stati Uniti, a una zona molto rurale della Scozia, quindi è stato interessante pensare al loro viaggio per arrivarci, ai vestiti che hanno raccolto lungo la strada e alla differenza tra loro e i loro vicini nella Scozia rurale, dove la gente non è molto aggiornata sulla moda”, spiega la Biggar.

L’esempio più chiaro di ciò si ha all’inizio, quando Bree e Roger fanno visita all’amica Fiona, il cui guardaroba tradizionale è in netto contrasto con i colori vivaci e la silhouette più aderente di Bree.

“Anche se Fiona è giovane, realisticamente non sarebbe appariscente in termini di moda, quindi la facciamo indossare una maglieria locale con una camicetta stampata”.

Per la Skelton, il ritorno di Brianna alle sue origini novecentesche è stata l’occasione per scoprire nuove dimensioni di un personaggio che ormai conosce a fondo.

“Ha lasciato [il XX secolo] negli anni ’60, da adolescente, quindi tornare da donna matura e madre è stato come ritrovare la sua identità attraverso i vestiti, il che è stato molto divertente per noi”, riflette l’attrice, aggiungendo che lei e Biggar si sono presi del tempo per trovare il giusto equilibrio tra crescita del personaggio e coerenza. “Ho lottato per mantenere i suoi elementi da maschiaccio, mentre Trisha ha voluto che facessero capolino anche alcuni aspetti più femminili e floreali. Credo che alla fine sia stata la combinazione perfetta e abbiamo trovato un modo per far emergere entrambi i lati di Brianna”.

Sophie Skelton e Richard Rankin in Outlander 7 – Foto di Robert Wilson per STARZ – Primo sguardo al grande viaggio nel tempo di Outlander 7! – FOTO
Oltre all’audace ma accogliente cardigan verde acqua, l’altro look caratteristico di Bree nell’episodio 3 è una giacca di lana Pendleton color navy con un carré a righe multicolore, un marchio decisamente americano che ha contribuito a colmare il divario tra Boston e le Highlands.

“Ho trovato quel cappotto in un negozio vintage in Scozia, sorprendentemente, e me ne sono innamorato”, racconta la Biggar a proposito di questo momento di magia nella ricerca dei costumi.

La Skelton era particolarmente entusiasta della frangia, perché un cambiamento drastico dei capelli sembrava un passo naturale per Bree in un momento di trasformazione generale (come può testimoniare chiunque abbia tagliato la propria frangia da quarantena).

“Questa stagione è il mondo di Brianna che compie un salto mortale di 180 gradi, quindi ha passato un po’ di tempo a ricalibrarsi e a sperimentare. È una cosa così umana voler cambiare la propria “vibrazione” e il proprio look quando c’è un grande cambiamento nella propria vita”.

Sophie Skelton in Outlander 7 - Foto di Robert Wilson per STARZ
Sophie Skelton in Outlander 7 – Foto di Robert Wilson per STARZ – Primo sguardo al grande viaggio nel tempo di Outlander 7! – FOTO
Nel corso della serie, Brianna ha spesso sottolineato il disagio fisico inflitto alle donne dall’abbigliamento a corsetto nel 1700, e la Skelton ha colto l’occasione per sottolineare ancora una volta questa distinzione ora che è tornata nel futuro.

“Ho sempre voluto richiamare l’attenzione sulle costrizioni dell’abbigliamento, in parte per apprezzare le donne di quell’epoca che dovevano indossarlo giorno dopo giorno”, dice la Skelton, “ma anche per ricordare al pubblico che Brianna non è un’attrice, è un pesce fuor d’acqua, e il suo intero comportamento cambierebbe stando in questo tipo di gabbia fisica”.

Ora che Brianna è tornata nel suo ambiente naturale, c’è un cambiamento deliberato nel modo in cui si comporta.

“La sua camminata è diversa, la sua postura è diversa, anche la sua voce è diversa, perché si può respirare un po’ meglio. Alcune di queste cose sono cambiate in modo naturale, ma ne ho anche messe un po’ di più per il bene della trama”. Bree era in anticipo sui tempi per gli anni ’60, quindi sento che gli anni ’80 sono quelli in cui si sente più a suo agio nel suo corpo, nei suoi vestiti e nell’ambiente circostante”.

A parte la moda, il salto temporale accelerato di questa stagione ha rappresentato una sfida unica per la produzione, dato che gran parte della trama del XX secolo si svolge nella tenuta dei Fraser a Lallybroch.

So che la gente è stanca di sentirci dire “questa è la stagione più grande di sempre”, ma questa stagione è davvero così”, dice la Davis.

La produttrice esecutiva fa notare come la settima stagione, di dimensioni gigantesche, incorporerà “2,8 libri” del materiale originale di Diana Gabaldon e diversi periodi temporali, di cui gli anni Ottanta sono solo il primo.

Quindi, piuttosto che cercare di rinnovare gli interni di Lallybroch più volte nel corso della stagione, lo scenografo Mike Gunn e il suo team hanno trovato una soluzione creativa.

“Abbiamo pensato: e se facessimo vivere Bree, Roger e i bambini in questa roulotte fuori Lallybroch, perché il processo di rifacimento richiede anni?”, ricorda la Davis. “All’inizio, sarò sincero, non ero sicuro di come sarebbe stato, ma poi l’idea mi è piaciuta molto. A volte queste cose complicate della produzione finiscono per aprire tutto in termini di visione più ampia”.

Richard Rankin e Sophie Skelton in Outlander 7 - Foto di Robert Wilson per STARZ
Richard Rankin e Sophie Skelton in Outlander 7 – Foto di Robert Wilson per STARZ

Destreggiarsi tra più epoche ha sempre fatto parte del mandato di Outlander, ma senza entrare in particolari spoiler, sembra lecito affermare che la settima stagione si stia spingendo al limite.

“È un aspetto davvero interessante del lavoro, la possibilità di saltare in luoghi completamente inaspettati e l’aspetto della ricerca”, riflette la Biggar. “Ogni episodio sembra avere un’esigenza di ricerca diversa: solo in questa stagione abbiamo uniformi navali, uniformi dell’esercito britannico, uniformi militari rivoluzionarie, quaccheri e anche persone reali. L’altro aspetto di questa stagione è che, a causa della guerra rivoluzionaria, molti personaggi storici famosi passeranno attraverso la storia”.

L’episodio 3 chiarisce che i legami tra Brianna e Roger e Claire e Jamie non sono del tutto recisi, ma come le loro storie si intersecheranno di nuovo non è dato saperlo.

Per il momento, visto il tempo che stanno per passare a ristrutturare Lallybroch, sembra lecito pensare che la coppia e i loro giovani figli siano tornati nel XX secolo per un lungo periodo.

“Si sono sistemati, hanno ritrovato Lallybroch, l’hanno ristrutturata e credo che ci sia la sensazione che si siano sistemati nella loro casa”, dice Davis. Ma essendo Outlander, il momento in cui abbassano la guardia è proprio quando le acque si fanno agitate. “Ci sono visitatori che non si aspettano, c’è un dramma sul posto di lavoro che non si aspettano, e tutti questi fattori contribuiranno a rendere la strada molto accidentata”.

Continuate a seguirci per altre novità su Outlander 7 ed il suo cast!

Chiara

Fonte: Elle

Non dimenticate di mettere mi piace alla nostra pagina Facebook, Instagram e Twitter, Survived The Shows / @survivedtheshows / @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here