Buffy: James Marsters avrebbe ucciso Spike “in un batter d’occhio”.

0
194

Non c’è bisogno di chiamare Buffy: James Marsters avrebbe personalmente piantato un paletto nel cuore di Spike se fosse stato al comando della serie di successo.

L’attore, che ha interpretato l’amato succhiasangue biondo-bianco in Buffy l’ammazzavampiri dal 1997 al 2003, ha rivelato che avrebbe fatto fuori il suo personaggio dopo aver notato che Spike stava cambiando la prospettiva dei fan nei confronti dei vampiri della serie.

“Voglio dire, l’intera questione è: come facciamo a portare questo ragazzo senza che rovini il tema? Se fossi stato io a produrre quella serie, avrei fatto fuori Spike in un attimo”, ha dichiarato a Radio Times in una nuova intervista per celebrare i 20 anni del finale di Buffy. “Non appena il pubblico ha detto: ‘Oh, lo vogliamo. Oh, lo vogliamo con Buffy. Oh, amiamo quel personaggio’. Come dire, uh-uh. Sta rovinando tutto. Io mi sarei fatto fuori dopo probabilmente tre episodi”.

Ha aggiunto: “Sono un po’ un bastardo quando produco! Sono senza cuore! Quindi sono molto fortunato che abbiano avuto più immaginazione e coraggio di quanto ne avrei avuto io, francamente”.

Marsters ha fatto la sua prima apparizione come vampiro al vetriolo nella seconda stagione della serie soprannaturale, unendosi alle altre star Sarah Michelle Gellar, Alyson Hannigan e Anthony Head. In seguito avrebbe ripreso il ruolo nello spin-off Angel.

Buffy: James Marsters avrebbe ucciso Spike “in un batter d’occhio”.
All’inizio dell’intervista, Marsters ha ammesso che secondo lui “non hanno mai saputo cosa fare” con il suo personaggio, che è diventato rapidamente uno dei preferiti dai fan, o come avrebbe dovuto far parte di una trama più ampia.

“L’idea originale di Buffy era che i vampiri fossero solo metafore delle sfide del liceo o delle sfide della vita”, ha spiegato. “Erano progettati per essere superati; erano progettati per morire. Buffy non è una storia alla Anne Rice, in cui ci si deve sentire per i vampiri. È per questo che siamo orribilmente brutti quando mordiamo qualcuno. Non volevano che fosse una cosa sensuale. Doveva essere orribile”.

Per questo motivo, ha detto Marsters, la decisione di continuare a inserire Spike nell’arco temporale dello show è stata “una strana scelta”.

“All’inizio di ogni stagione venivano sempre da me dicendo: “Non sappiamo cosa fare di te!””, ha ricordato. “Abbiamo un piano per la stagione, abbiamo un piano per tutti gli altri personaggi, abbiamo tutti gli archi di tutti gli altri personaggi, solo che non sappiamo cosa fare di nuovo con te””.

Tuttavia, ha osservato che alla fine gli sceneggiatori sono “riusciti a trovare qualcosa” da far fare a Spike in ogni episodio.

“Ma ciò significa che credo di essere stato inserito negli altri archi”, ha detto. Ero il cattivo, poi il vicino stravagante, il fidanzato sbagliato, il caduto che cercava di redimersi…”. E poi, alla fine, una specie di eroe cavia”.

buffy spike james marsters

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: EW

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here