INTERVISTA ESCLUSIVA: Jesse Hutch anticipa il suo “divertente, spontaneo e premuroso” ruolo in “Il negozio di Natale”!

0
74

Chi non ama un po’ dello spirito natalizio, anche ora che il periodo più magico dell’anno è finito? Jesse Hutch non ha potuto dire di no nel interpretare un personaggio così divertente e spontaneo come Grant in “Il Negozio di Natale”. Noi di Survived The Shows abbiamo avuto il piacere di parlare con Jesse Hutch della sua esperienza nel film “il negozio di Natale”, qual è stata la sfida più grande e come è stato lavorare con Vanessa Lengies. Date un’occhiata all’intervista completa nel video qui sotto!

Qual è l’elemento principale nel personaggio di Grant e nel film in generale che ti affascina di più e ti ha spinto a unirti a Christmas in Toyland?

JESSE HUTCH: Beh, diverse cose sono venute insieme abbastanza rapidamente. Quindi prima di tutto, sai, il mio agente riceve un’e-mail per vedere se sono disponibile e a quel punto di solito chiedo ‘beh, chi sta facendo questo film e di cosa si tratta?’ E non appena ho scoperto il team – avevo già lavorato con loro in precedenza, quindi sapevo già che mi piaceva lavorare con queste persone.

Quindi la mia domanda successiva è stata ‘Bene, chi sarà nel film?’ E poi mi hanno detto Vanessa Lengies, il che è stato fantastico perché io e lei abbiamo lavorato insieme 20 anni fa in una serie chiamata American Dreams, che andava su NBC e si svolgeva attorno ad American Bandstand, era tutto un pezzo d’epoca che si svolgeva negli anni ’60, quindi non l’ho vista dagli anni ’60 e così, per noi poter fare un film insieme, ho pensato, ‘beh, è bello’ e mi piace il fatto che il mio personaggio possieda un negozio di giocattoli. E mi hanno detto che avrei avuto uno scivolo nel mio negozio di giocattoli. Quindi ho detto ‘Sono dentro, è fantastico’. Ho detto sì, farò questo film.

E mi hai anche chiesto del copione in generale.

Intendo, mi piace l’aspetto di portare umorismo e commedia nei miei film per quanto possibile. A volte diranno ‘No, è troppo’. Sai? È troppo Jim Carrey, oppure a volte diranno ‘Oh sì, vai avanti’. E così questo era un copione divertente perché potevo essere un po’ un bambino, sai? Voglio dire, sì, sono un imprenditore, possiedo un negozio di giocattoli, ma lo scopo di possedere il negozio di giocattoli è perché i bambini possano venire a comprare giocattoli e godersi il Natale e vivere la loro esperienza nel trovare un giocattolo.

Oltre ai ruoli drammatici, anche i ruoli comici sono impegnativi per te attori. Qual è stata la sfida più grande nel ritrarre Grant?

JH: È stata proprio la giusta quantità di divertente sfida. Voglio dire, Vanessa ed io siamo stati davvero in grado di comunicare bene e, sai, entrambi avevamo i punti di vista dei nostri personaggi che volevamo portare nel film, e quindi volevamo in un certo senso mantenere la nostra posizione. Ma eravamo entrambi molto aperti alla commedia, ovviamente, e Vanessa è davvero brava anche nella commedia. Quindi è stato fantastico per noi trovare momenti in cui finivamo per inventare un po’ di un gioco sul set che era – abbiamo scoperto che i nostri personaggi erano un po’ come ‘gatto e topo’.

Era tipo, OK, usiamo il set fisico, magari ci sono scaffali o ci sono alberi o qualunque cosa e stavamo cercando sempre di trasformare le nostre scene in questo. ‘Io vado da questa parte e forse mi seguirai e poi vai da quella parte e ti seguirò’ e così è stato davvero divertente inserirlo nel lavoro. È stata una sorta di sfida non vista, suppongo, che è la bellezza, credo, di essere un interprete.

È che non sai davvero cosa verrà fuori dal lavoro, vero?

Voglio dire, sì, arrivi e sei preparato e fai il tuo lavoro – quindi non arrivi e dici ‘non conosco le mie battute’, è come arrivi e sai esattamente cosa stai facendo – questo ti permette di giocare, ti permette di scoprire e ti permette di venire fuori con cose nuove e nuove sfide che non avevi mai pensato.

Se dovessi descrivere il tuo personaggio con tre aggettivi per i fan che stanno aspettando questo film, quali sceglieresti?

JH: Divertente. Spontaneo, come se non rientrasse nella categoria di un normale imprenditore medio. Premuroso, perché si preoccupa effettivamente delle persone che lavorano nel suo negozio di giocattoli. Vuole anche proteggerli e aiutarli a sfamare le loro famiglie o a mantenere le loro relazioni in corso, o a pagare le bollette, sai.

C’è qualche caratteristica nel personaggio di Grant che vedi in te stesso?

JH: Penso sicuramente alla parte divertente, amorevole e un po’ sciocca che emerge. Mi piace, come hai detto prima, interpretare tutti gli aspetti dei personaggi, dal drammatico e serio al divertente e comico, al triste o arrabbiato o interpreto persino il cattivo. Ma penso che per questo personaggio in particolare abbia sicuramente un’attitudine un po’ sciocca, cercando sempre modi per spingere il limite di essere un protagonista che si sente a suo agio nel non ottenere la perfezione e nel non dire sempre le cose giuste o fare le cose giuste. Penso che sia umanità, giusto? È un po’ più radicato.

Non deve sempre essere l’angolazione perfetta e l’aspetto perfetto.

E penso che devi solo sbagliare ogni tanto. Voglio dire, è naturale e normale e penso che le persone si connettano con questo e lo amo. Penso che sia divertente. Essere uno sciocco, voglio dire, scivolare giù per gli scivoli, giocare con i giocattoli, lanciare cose, vestirsi.

Parlando dell’ambiente sul set, come descriveresti la tua esperienza?

JH: È stata fantastica. Voglio dire, tutti sono lì per fare un film natalizio, quindi non è pesante. Non è serio. Ci sono momenti in cui spingiamo quei confini come ‘OK, questo è un momento emotivo’. Ma non stiamo realizzando nulla che faccia sì che tutti debbano spegnere il film e andare a piangere o guardare una commedia per riprendersi. È un viaggio molto divertente, leggero e radicato nel negozio di giocattoli. Capisci cosa intendo? E quindi tutti sul set sono stati estremamente cordiali. Ognuno ha svolto bene il proprio lavoro. Tutti si stavano divertendo. Voglio dire, sai, stavamo decorando posti e cantando canzoni di Natale. E come si fa a non essere felici almeno in parte?

Com’è stato lavorare di nuovo con Vanessa Lengies?

JH: È stato fantastico. È stato davvero bello perché abbiamo lavorato insieme e anche se erano passati 20 anni e non l’avevo vista da allora, ciò ha permesso comunque che ci fosse qualche forma di etica lavorativa e storia che fosse lì automaticamente. È stato, sai, come quando incontri un vecchio amico che non vedi da tempo e poi torni insieme. Sei in grado di riprendere una sorta di amicizia, sai, in una relazione lavorativa che non sembra del tutto nuova e straniera, quindi è stato bello avere un po’ di familiarità.

Ho visto alcuni dei suoi lavori nel corso degli anni e ho sempre saputo che è bravissima sia nella commedia che nel dramma.

Voglio dire, probabilmente la gente l’ha vista su Turner e Hooch della Disney. E così pensavo, va bene, sarà divertente, potremo scambiare idee e così è stato. Siamo stati costantemente in grado di comunicare e discutere, sapere cosa volevamo fare o non fare. E penso che questo aiuti davvero. In un film, se i tuoi protagonisti possono unirsi e guidare insieme, direi che funziona nella maggior parte dei casi, ma non sempre, sai, e ognuno è diverso.

Ognuno ha una diversa etica lavorativa, ma lei è stata sempre brava. Se avevo una domanda o dicevo ‘Non mi piace questa battuta, la trovo ridicola, cosa ne pensi?’ Lei è molto aperta a questo, quindi è stato molto facile. Diciamo semplicemente ciò che pensiamo, ciò che abbiamo nel cuore e facciamo il lavoro.

L’intervista a Jesse Hutch è stata modificata e condensata per motivi di lunghezza e chiarezza.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Desirèe

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here