Jeffrey Dean Morgan sulla macabra scena di Negan in Dead City!

0
303

La scorsa settimana, in The Walking Dead: Dead City, abbiamo avuto un chiaro segnale del ritorno del vecchio Negan, quando l’ex leader dei Salvatori ha iniziato a cantare battute a raffica e a far piovere sangue dal cielo. Ma era contro un chiaro gruppo di cattivi. Questa settimana, il personaggio di Jeffrey Dean Morgan si è spinto oltre, scatenando l’inferno – per non parlare di una grattugia – su un alleato.

Attenzione: Questo articolo contiene spoiler su The Walking Dead: Dead City, stagione 1, episodio 3, “Le persone sono una risorsa”.

Michael Anthony as Luther, Jeffrey Dean Morgan as Negan – The Walking Dead: Dead City _ Season 1, Episode 3 – Photo Credit: Peter Kramer/AMC

La scena in questione si è verificata nell’episodio della AMC del 2 luglio “Le persone sono una risorsa”, quando Negan stava setacciando la cucina alla ricerca di possibili armi per un imminente attacco al Croato (Željko Ivanek). Ma poi è stato affrontato da Luther (Michael Anthony), che aveva trovato il manifesto di ricerca che etichettava Negan come “antisociale, incline alla violenza estrema, intelligenza e carisma superiori alla media – non fidatevi di lui”.

L’imponente Luther intimò a Negan di andarsene e Negan si rifiutò, così l’omone gli bloccò la strada e non lo lasciò passare più volte. Dopo aver proclamato che “spero davvero che questo non si trasformi in qualcosa di cui non c’è bisogno” – pur vedendo chiaramente che era esattamente la direzione in cui stavano andando le cose – Negan ha sfoggiato il suo famoso ghigno e ha attaccato con una padella. Quando non ha funzionato, è passato a quella che si è rivelata un’arma molto più efficace: una grattugia.

Negan non solo ha grattugiato la faccia di Luther in un modo super inquietante, ma dopo che la vittima è caduta all’indietro e si è impalata su un tubo, Negan ha poi schiacciato la testa del moribondo come segno di punteggiatura. È stata una scena brutale e nessuno è rimasto più sorpreso dell’uomo che interpreta Negan per quanto riguarda l’arma scelta.

“La grattata in faccia mi ha ucciso”, ride Morgan. “Mi sono detto: ‘Davvero? Lo prenderò con una grattugia per il viso?”. Ma questo è un tipo di circa 1,80 m e circa 200 chili di muscoli. Negan non è quel tipo di persona. Ma l’istinto di sopravvivenza si fa sentire: “Cosa posso usare per reagire?”. È capitato che una grattugia fosse a portata di mano, e questo gli ha tolto di dosso quell’uomo”.

Ma Morgan si affretta a sottolineare che Negan ha cercato di evitare il confronto prima di scatenare l’inferno.

“C’è tutta la danza che avviene prima della grattugia, quando cerco di aggirarlo. E lo avverto tre o quattro volte: ‘Guarda, non voglio che vada qui. Non deve andare qui. Non portiamola lì”. E lui dice: “Andrà lì”. Quindi Negan cerca di nuovo di essere l’uomo che abbiamo conosciuto negli ultimi due anni e di fare la cosa giusta. Ma quando si arriva al dunque, ed è una questione di sopravvivenza. Negan è Negan, e se questo significa spingerlo su quel tubo che esce dal terreno e fare un piccolo sorriso, eccolo!”.

Eccolo, infatti. Sono ormai due episodi di fila che abbiamo visto sprazzi del pericoloso e imprevedibile cattivo che abbiamo incontrato per la prima volta mentre usciva da una roulotte nel finale della sesta stagione di The Walking Dead.

“È tornato, in un certo senso” dice Morgan. “Credo che la gente si chiedesse se fosse una buona idea o meno far uscire di nuovo quel Negan. E io sono sempre stato del tipo: ‘Dobbiamo farlo. È così importante. È il personaggio che è, e non possiamo toglierglielo'”.

Per Morgan, è solo un altro esempio del suo personaggio che fa tutto il necessario per portare a termine il suo obiettivo, non importa quanto sia brutto o sporco.

“Se vuole vivere fino a domani e se vuole salvare Hershel e arrivare al Croat, sa cosa deve fare. Molto di questo è mettere in scena quello spettacolo, che sarà violento e brutto, ma che vi farà ridere perché lui ha sempre qualcosa di divertente da dire”.

Tuttavia, Morgan ha un rimpianto riguardo al fatto di aver grattugiato la faccia del povero Luther.

“Michael, l’attore che interpreta Luther, è davvero un bravo ragazzo e un grande attore. Mi sono divertito molto con lui e sono rimasto un po’ deluso dal fatto che l’abbiamo ucciso così in fretta”.

Ehi, Negan è Negan.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: EW

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here