La sceneggiatrice di L’estate in cui imparammo a volare parla del ricongiungimento di Tully e Kate e il finale da cardiopalma!

0
425

Tutte le cose belle devono finire, anche le amicizie di una vita come quella tra Tully e Kate in L’estate in cui imparammo a volare.

“C’è molto umorismo e molte emozioni e gioia e divertimento in questi ultimi episodi, anche se abbiamo a che fare con cose piuttosto pesanti”, ha detto a ET la produttrice esecutiva/showrunner Maggie Friedman a proposito del canto del cigno di L’estate in cui imparammo a volare. “Ci sono molte sorprese e colpi di scena, e alti e bassi”. E come ha spiegato Friedman, l’intenzione è sempre stata quella di chiudere la storia di Kate e Tully con un fiocco. “Per me era molto importante raccontare la storia completa di Tully e Kate e non concludere con un cliffhanger. Per far sì che la storia sembrasse davvero completa. Siamo riusciti a farlo e ne sono stato entusiasta. È un vero dono perché non sempre funziona così in televisione”.

Con gli ultimi episodi di L’estate in cui imparammo a volare ora usciti in streaming, ET ha parlato con la sceneggiatrice Maggie Friedman della fine della serie, della possibilità di un seguito in futuro e di ciò che spera che gli spettatori traggano da Tully e Kate dopo aver terminato la serie.

Attenzione, spoiler! Non proseguite se non avete visto la seconda parte della stagione finale di L’estate in cui imparammo a volare

La sceneggiatrice di L’estate in cui imparammo a volare parla del ricongiungimento di Tully e Kate e il finale da cardiopalma!
Dopo che Kate ha affrontato la battaglia contro il cancro al seno per la seconda metà della stagione, è stato un sollievo vederla riunirsi a Tully nell’episodio 11, la seconda ora della seconda parte. Puoi parlarci della decisione di non posticipare il loro ricongiungimento?

Maggie Friedman: Non volevamo torturare troppo le persone. Li abbiamo torturati per tutto l’episodio 10, per tutto il primo episodio della stagione 2B. Volevamo assolutamente che le persone rimanessero frustrate, come a dire: “No, dai, richiamala”. Kate continua a chiamare Tully e Tully non ha campo. Volevamo spezzare i cuori delle persone, ma poi, ovviamente, dovevamo farli tornare insieme perché questo show è incentrato sulla loro amicizia. È il rapporto centrale dello show. Era importante, credo, che Tully fosse presente per Kate mentre stava attraversando questo momento.

È stato un pugno allo stomaco quando si è scoperto che il cancro di Kate era tornato. Che cosa è stato più importante per te nel rappresentare il suo percorso contro il cancro?

È stato davvero difficile, molto delicato e impegnativo, credo, per tutti noi. È stata una sfida per gli sceneggiatori. So che è stato difficile per Sarah, perché era molto impegnativo da interpretare. Penso che sia davvero straordinaria; la adoro. Ha fatto un lavoro bellissimo nel mostrare il viaggio di Kate attraverso quella parte della sua vita. Nell’episodio 15, per esempio, quando fanno la cerimonia della luna. In quell’episodio, lei è bloccata e non sa cosa prova.

È una persona che si è sempre presa cura di sé e che si è sempre preoccupata dei sentimenti degli altri, tanto che le è difficile entrare in contatto con i propri sentimenti. Questo è stato parte del suo percorso, riconoscere come si sentiva in questa situazione, essere arrabbiata e provare dolore per il fatto che questa fosse la sua fine e quanto fosse ingiusta. Poi, alla fine dell’episodio finale, è in pace e ha detto addio a tutte le persone della sua vita. Sa che ognuno di loro starà bene. Riesce a vivere un momento di vera gratitudine e di pace prima di andarsene. Volevamo che fosse difficile e doloroso, ma speriamo che sia un momento bellissimo. È triste, ma anche un promemoria di quanto sia bella la vita e di quanto sia importante sentirsi grati.

La scena del finale in cui Kate muore mentre osserva per l’ultima volta la natura che la circonda è stata profondamente emozionante e toccante. Quanto avete discusso su come volevate che morisse?

Ne abbiamo parlato molto nella stanza di scrittura, ci siamo presi un po’ di tempo per trovare il modo giusto di rappresentare quel momento in modo interessante e, speriamo, emozionante. Abbiamo sempre saputo che volevamo che fosse pacifico. Ho scritto l’episodio finale e ho scritto che lei si guarda intorno e osserva la natura in questo luogo che amava. Siamo stati molto fortunati perché quel giorno c’era un tempo perfetto. Siamo stati in grado di catturare, credo, Vincent [De Paula], il nostro direttore della fotografia, e Michael Spiller, il regista, hanno catturato immagini davvero belle. L’interpretazione di Sarah è fantastica. È difficile scrivere una scena del genere. Spero che sia venuta bene. La sento ancora vicina a me.

La sceneggiatrice di L’estate in cui imparammo a volare parla del ricongiungimento di Tully e Kate e il finale da cardiopalma!
L’ultima immagine della serie si svolge al funerale di Kate e Tully ha ereditato una scatola di oggetti della sua migliore amica, tra cui il manoscritto inedito di Firefly Lane che Kate ha scritto sulla loro amicizia, oltre a un iPod con “Dancing Queen” degli ABBA. Puoi parlarci delle tue intenzioni riguardo a questo momento finale dello spettacolo e a ciò che rappresenta?

Il giorno in cui abbiamo girato quella scena, tutti singhiozzavano mentre giravamo il funerale. Katie [Heigl] ha catturato davvero tante emozioni. Quando piange, lo senti. L’idea era che, anche se Kate non c’è più ed è molto triste, Tully la porterà sempre con sé. Sarà sempre presente. L’idea che Kate abbia scritto tutta la loro storia e che Tully l’avrà sempre con sé.

Anche quando, all’inizio dell’ultimo episodio, si vede Tully 10 anni dopo la morte di Kate. È al matrimonio di Marah e sta ancora parlando con Kate. Kate è ancora lì con lei nel suo cuore e nella sua mente. L’idea è che stia ballando ed è triste, ma anche gioiosa perché ha avuto questa amicizia e perché la porterà sempre con sé. Nell’ultima inquadratura ci alziamo verso il cielo e sembra che Kate la stia guardando.

Hai parlato di un flashforward al 2016, al matrimonio di Marah. C’è un arco di tempo che parte dal 2006 prima di arrivare a quel momento. Hai pensato a quello che è successo nel frattempo e se potrebbe essere un potenziale spinoff o una continuazione della storia?

Non posso dirlo. Non lo so. Una parte importante dell’arco narrativo di Tully nel corso della serie è stata quella di affrontare i suoi traumi, la sua infanzia difficile e di uscirne come una persona più forte. Anche se ha perso Kate, che è la cosa peggiore che le potesse capitare, è anche molto più forte di quando ha iniziato la serie. Penso che se la caverà. Mi piace che lei e Danny stiano insieme e che lei e Cloud abbiano risanato il loro rapporto. Questo è stato molto importante per me.

Tully e Danny si sono sposati? Sono tipi da matrimonio?

Ne abbiamo parlato. Non mostriamo il volto di Danny, ma questa è la sua voce [nel 2016]. Per chiunque stia ascoltando, quando lei è al matrimonio di Marah nel 2016 e si trova in camera da letto. All’inizio pensiamo che Kate sia davvero lì, che Kate abbia vissuto, e poi riveliamo che in realtà è solo Tully che immagina Kate con lei. Poi sentiamo qualcuno fuori dalla stanza dire: “Tallulah Rose, ti stanno aspettando tutti”. È Danny. È la sua voce. È un piccolo uovo di Pasqua. Se ascoltate bene, capirete: “Ok, Danny è lì con lei”. Sono sposati? Lei indossa un grosso anello, quindi forse sono fidanzati per sempre. Chi lo sa?

Alla fine della serie, Marah inizia un nuovo capitolo della sua vita. Hai pensato o scritto, solo per te, come saranno le vite di Johnny e Marah a quel punto?

Quando siamo nella parte principale della storia di Marah, lei sta attraversando un’adolescenza davvero difficile. Vedere che riesce a uscire dall’altra parte ed è felice e di successo, era importante per me. Si sposa e fa l’avvocato. Volevo mostrare che, anche se perde la madre, è come dice Tully: “Tutto ciò che c’è di buono in lei, viene da te”. Kate ha comunque avuto il suo impatto e l’ha cresciuta in modo efficace. Sono felice di sapere che Marah sta bene.

C’è un romanzo successivo di Kristin Hannah, Flying Away, che racconta la vita di Tully e Marah dopo la morte di Kate. È mai stato affrontato il tema della possibilità di rimanere in questo mondo ancora per un po’?

Non è che non se ne sia mai parlato, ma eravamo davvero concentrati a raccontare la storia di L’estate in cui imparammo a volare e a farne, speriamo, la migliore versione televisiva, adattandola a quel mezzo e raccontando la storia completa. Sono felice di averlo fatto. Non saprei dire altro.

Cosa vuoi che le persone pensino o sentano quando guardano o riguardano la serie?

Voglio che sia una serie che, quando la guardi, ti faccia venire voglia di chiamare il tuo migliore amico o il tuo più vecchio amico, o il tuo migliore, più vecchio amico e sentirti in contatto con loro. Voglio che sia uno show in cui le persone sentano: “Oh, voglio uscire con Kate e Tully come se fossero anche miei amici”. Dico sempre che sono il tipo di persona che, se ha una giornata difficile, torna a vedere certi show e dice: “Oh, questo mi farà sentire meglio”.

Volevo che fosse una serie del genere, in cui ci si potesse immergere come in un bagno caldo e che fosse piacevole da guardare. Si ride e si piange, si vivono molte emozioni e sentimenti e ci si sente legati ai personaggi. Questa è l’idea. È come una bella cavalcata. Speriamo di esserci riusciti.

Speriamo che [gli spettatori] si asciughino una lacrima, speriamo che si sentano anche caldi dentro, speriamo che ricordi loro di chiamare la tua migliore amica e dirle quanto le vuoi bene e quanto la apprezzi, che metta in contatto le persone con il sentimento di gratitudine per la propria vita e per le persone che ne fanno parte. Questa è l’idea.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: ET Online

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here