Primo sguardo a Heartstopper 2, dal 3 agosto su Netflix! – TRAILER

0
377

L’attesissima stagione 2 della serie Netflix Heartstopper tornerà il 3 agosto e noi di Survived The Shows abbiamo per tutti voi fan un primo sguardo esclusivo alla serie che ci ha fatto sciogliere il cuore fin dal suo esordio. Scorrete per scoprire di più!

Di cosa parla Heartstopper 2?

Nick e Charlie vivono la loro nuova relazione, Tara e Darcy incontrano difficoltà inattese, Tao ed Elle cercano di andare oltre l’amicizia. Tra esami all’orizzonte, una gita scolastica a Parigi e un ballo da organizzare, gli amici hanno molto a cui pensare mentre affrontano le nuove sfide della vita, dell’amore e dell’amicizia.

Kit Connor parla delle sfide del coming out di Nick e perché Parigi è importante nella seconda stagione

Quando un giorno ci troveremo a guardare indietro alle migliori e più romantiche coppie televisive, scommettiamo che Charlie Spring (Joe Locke) e Nick Nelson (Kit Connor) saranno in cima alla lista, vista la risposta del pubblico alla popolare serie Heartstopper di Netflix, che tornerà per la sua attesissima seconda stagione il 3 agosto.

In un’intervista con TV Insider, Kit Connor ci ha parlato del suo punto di vista sull’accoglienza dello show, di cosa trattiene Nick dal voler dire a tutti dell’accoppiamento tra lui e Charlie e di chi vede Connor come l’amico preferito di Nick (dopo Charlie, ovviamente!).

Una cosa bella di Heartstopper è che, anche se è ambientato al liceo, ha fan di tutte le età. Cosa ne pensi?

Kit Connor: È una cosa bellissima ed è davvero una delle grandi sorprese delle reazioni alla serie, ed è davvero una bella sorpresa che qualcuno la guardi. È stato davvero bello vedere la reazione di alcuni fan un po’ più anziani della serie, perché c’è qualcosa di davvero bello in quella reazione: è un vero senso di gioia e di orgoglio per il fatto che i giovani queer siano in grado di vivere quel tipo di vita.

Avete girato la Stagione 1 in una sorta di bolla di sapone, perché nessuno l’aveva ancora vista. La seconda stagione è stata probabilmente un’esperienza diversa, ma cosa hai imparato dalla prima stagione che ti ha aiutato a girare la seconda stagione interpretando Nick?

È un’ottima domanda. Direi che probabilmente il fatto che non ci aspettavamo che nessuno la guardasse nel modo in cui l’avrebbe guardata. Non c’era nessuna pressione e niente del genere. Non pensavamo alla percezione dello show. Quindi, per la seconda stagione è stato molto importante che, anche se all’improvviso c’era questa percezione da parte del pubblico dello show, dei personaggi e di noi attori, tutti noi volevamo assicurarci che questo non avesse un impatto sulle nostre interpretazioni e sulla storia che stavamo raccontando.

Alla fine della prima stagione, Nick fa coming out con sua madre, Olivia Colman, e la cosa va molto bene. Come va con Nick che lo dice alla gente a scuola e ai suoi compagni di rugby?

È un nuovo ostacolo all’inizio della seconda stagione. Ha affrontato quello che sembra l’ostacolo più grande: dirlo a sua madre e alle persone che ama. E ora, improvvisamente, si rende conto che c’è un nuovo argomento da affrontare. Entriamo davvero nel vivo della moralità e delle domande sul coming out, sulla necessità o meno di farlo e sul fatto che lo si debba a qualcuno. E penso che sia una conversazione davvero interessante da fare.

Quanto devono stare attenti Nick e Charlie a scuola perché sono così innamorati l’uno dell’altra, vogliono baciarsi tutto il tempo, ma ci sono molti occhi intorno a loro?

Molto attenti. È proprio questo l’aspetto che esploriamo nello show: ora questi personaggi non sono più adolescenti nervosi, ansiosi e angosciati. Ora si stanno innamorando, hanno una relazione e vogliono stare sempre insieme, e cercare di mantenere una relazione a bassa voce è una sfida. Devono quindi stare molto, molto attenti e ci sono diversi punti della serie in cui vengono quasi scoperti.

Si parla molto della prossima gita scolastica a Parigi. Cosa significa per Nick? Perché per lui è più di una semplice gita scolastica.

Nick ha suo padre che vive a Parigi e questo è un aspetto molto importante della gita a Parigi, nel senso che non solo ha un rapporto un po’ incrinato con suo padre, ma ha anche avuto un cambiamento improvviso nella sua vita. Ha un fidanzato, una persona a cui tiene molto e che vuole condividere con le persone che ama. Quindi si tratta di affrontare anche questo aspetto e di vedere come può lavorare sul suo rapporto con il padre e presentargli Charlie.

Si può dire che, a questo punto, tu e Joe avete un’ottima intesa, visto che la maggior parte delle vostre scene sono insieme?

Si. Io e Joe siamo davvero molto vicini. In effetti, ho appena trascorso sei mesi lontano da lui, e ci siamo visti per la prima volta un paio di giorni fa e siamo subito tornati in sintonia. È davvero un amico molto, molto, molto intimo, e questo si vede davvero nella seconda stagione. Anche in questo caso, siamo stati molto fortunati nella prima stagione: mentre ci conoscevamo, dovevamo interpretare solo una relazione un po’ nervosa e un po’ timida, ed eravamo un po’ nervosi e un po’ timidi [nella vita reale] perché ci stavamo appena conoscendo. Mentre ora stiamo recitando una relazione molto più a nostro agio, molto più confortevole, e fortunatamente siamo molto a nostro agio l’uno con l’altro e molto a nostro agio. Questo si vede bene nella serie.

Nel primo episodio della seconda stagione, c’è una scena in cui Charlie dice ai suoi genitori che Nick è bisessuale. Ho pensato che fosse un ottimo modo per educare forse il pubblico alla bisessualità senza essere pesante. Da dove viene questa scena nella serie?

Oh, beh, sì, è assolutamente tutto merito di Alice [Oseman]. Tutti noi vediamo i messaggi che Alice sta cercando di rappresentare e trasmettere, e facciamo del nostro meglio per usare le parole che ci dà per trasmettere e far passare quel messaggio. Alice ama davvero questi personaggi e vuole che le persone siano gentili con loro e si prendano cura di loro.

Nella seconda stagione, chi è la persona di riferimento di Nick, oltre a Charlie? Da chi va a parlare se non può rivolgersi a Charlie?

Beh, questa è una domanda interessante. In realtà ce ne sono alcuni, ma sorprendentemente uno dei personaggi con cui Nick inizia a stringere un improbabile legame è Tao [William Gao]. Condividono l’amore per Charlie e una profonda ammirazione e cura. Cominciano a trovare delle affinità in questo senso e sono in grado di confidarsi l’un l’altro, cosa che ritengo deliziosa. Will è una delle persone che preferisco al mondo e adoro recitare con lui.

C’è un momento in questa stagione, senza spoilerare troppo, che ha rappresentato una sfida per te come attore?

Oh, sì. Ho trovato abbastanza difficile parlare francese, ma questo è un livello superficiale. Inoltre, una delle cose che ho trovato più difficili è stata una scena nell’episodio 7 a tavola, una cena di famiglia essenzialmente, e ci sono alcuni argomenti davvero interessanti. E credo che ci siano state delle ottime interpretazioni da parte di tutti. È stata una scena impegnativa e piuttosto lunga, ma ci siamo divertiti molto e sono stato molto contento di come è venuta fuori.

Joe Locke parla della scena di Heartstopper 2 che è diventata la sua preferita di sempre

Sebbene la seconda stagione di Heartstopper riprenda poco dopo il finale, il coming out di Nick è una parte importante di questi episodi, in quanto si trova inaspettatamente impreparato a fare coming out con tutti, il che, ovviamente, ha un impatto sul suo rapporto con Charlie, in quanto i due lo raccontano solo alla loro cerchia ristretta.

Per saperne di più, TV Insider ha avuto modo di parlare con Joe Locke di come Charlie affronta il dilemma di Nick, del suo rapporto di lavoro con Connor e di quale sia stata la parte più impegnativa delle riprese della seconda stagione, composta da otto episodi.

Come diresti che Charlie è cambiato dalla prima stagione?

Ho sempre detto che Charlie ha una sicurezza tranquilla. Sa cosa vuole dalla sua vita e sa come ottenerlo. Nella seconda stagione, in generale, mi sembra che sia più sicuro di sé. È più fiducioso in se stesso, è più fiducioso nella persona che ama, è più fiducioso nelle sue amicizie, il che è stato davvero divertente da interpretare.

Penso che anche Charlie, così come l’intero show, sia maturato nella seconda stagione, soprattutto negli ultimi quattro episodi, dove si vede più che nei primi quattro. Ma lo show è come… Stiamo crescendo con questi personaggi. Non sarà mai uno show per adulti, ma sono adolescenti e si cresce molto quando si è adolescenti. Quindi penso che lo show lo faccia con i personaggi.

Una delle parti più importanti della seconda stagione è quella in cui Nick affronta il coming out con tutti gli amici e le persone a scuola, che è più difficile di quanto si aspettasse. Come reagisce Charlie?

Charlie capisce davvero i sentimenti di Nick e comprende la difficoltà di ciò che Nick deve o vuole fare. Ma credo che abbiano un amore profondo l’uno per l’altro e che Charlie sia sempre presente per Nick, a prescindere da tutto, da quanto sia difficile per Nick. Charlie si preoccupa solo dei sentimenti di Nick. In un mondo ideale, Charlie urlerebbe ai quattro venti la loro relazione, ma tiene così tanto a Nick che vuole che sia il modo più indolore e perfetto per lui.

Parliamo un po’ della vita domestica di Charlie con i suoi genitori e di come affrontano il fatto che lui abbia questa relazione. Cosa vediamo in questa dinamica?

Charlie è stato vittima di un forte bullismo, cosa che non si è vista [nella serie]. Ha avuto difficoltà ad adattarsi e a dare a Charlie la libertà che ogni adolescente desidera. Nei fumetti la questione è affrontata in modo più approfondito, e non so se nella terza stagione verrà esplorata ulteriormente, ma Charlie e sua madre hanno un rapporto interessante che è molto, molto classico tra figlio e genitore di un adolescente. Ma è stato davvero divertente interpretare un po’ un monello in alcune scene e litigare con i genitori. È stato davvero divertente.

A un certo punto Charlie dice a sua sorella che vuole davvero che tutto sia perfetto con Nick. Quanto è realistico, sapendo com’è il mondo e cosa potrebbe accadere?

È una classica battuta di prefigurazione per il pubblico più che altro. Inoltre, non credo che Charlie ci creda davvero. Vuole essere un ottimista in fondo, anche se non sono sicuro che lo sia per forza.

Quanto devono stare attenti Charlie e Nick a scuola, soprattutto se Nick non è pronto a dichiararsi completamente a scuola?

È il massimo dell’attenzione che possono avere. Ci provano, ma sicuramente hanno un’infatuazione che non possono negare. Penso che nei primi episodi siano stati scoperti alcune volte.

Non riescono a trattenersi.

No.

Come è stato lavorare con Kit per la seconda stagione, visto che avete avuto tutta la prima stagione per conoscervi?

Dio, è stato davvero terribile. È una persona davvero orribile. [Sto scherzando. È la persona più facile con cui lavorare. Abbiamo un livello di confidenza reciproca che non sono sicuro di poter avere con nessun altro. È il miglior partner di scena che si possa chiedere, soprattutto quando devi baciare questa persona più e più volte, più e più volte, più e più volte, più e più volte, che non sono mai scene divertenti da girare. Sono sempre imbarazzanti. Ma lavorare con Kit le rende il meno imbarazzanti possibile, perché ci divertiamo e ridiamo e cerchiamo di renderle meno imbarazzanti.

Mi sembra che la seconda stagione dia molto da fare anche agli altri personaggi. Non è tutta incentrata su Charlie e Nick.

Sì, decisamente. Spesso trovo che negli adattamenti si perda sempre un po’ di storia, mentre con il nostro show non si perde nulla. Solo che nella serie c’è un sacco di spazio in più per gli altri personaggi. I fumetti sono davvero basati solo su Nick e Charlie; mentre nello show c’è molto più spazio nell’ensemble, il che è fantastico. In questa stagione c’è molto del rapporto tra Tao [William Gao] ed Elle [Yasmin Finney] e tra Tara [Corinna Brown] e Darcy [Kizzy Edgell], e anche Isaac ha le sue luci della ribalta, perché Tobie [Donovan] è un attore straordinario e merita le luci della ribalta.

La storia di Tao ed Elle di questa stagione credo sia la mia preferita in assoluto. Penso che sia davvero splendidamente interpretata, perché a volte c’è l’idea che Heartstopper semplifichi le relazioni tra adolescenti. Con la storia di Tao ed Elle, c’è molto da masticare e da sfilacciare. I due si lasciano o non si lasciano, ma in un modo diverso da quello che è il rapporto tra Nick e Charlie, che secondo me è fantastico. Questo Heartstopper è tutto incentrato sul mostrare diversi tipi di relazioni.

La serie ha una tale innocenza, anche se si tratta di adolescenti e la vita sta accadendo intorno a loro. Crede che questa caratteristica continuerà anche nella seconda stagione o diventerà un po’ più adulta?

Heartstopper sarà sempre Heartstopper. Non sarà mai uno show esplicito. La serie matura in questa stagione, soprattutto negli ultimi episodi, dove c’è più conflitto e un conflitto più maturo che altro.

Ci sono state scene o momenti nella seconda stagione che sono stati particolarmente impegnativi per lei come attore, sia che fossero super emotivi o semplicemente qualcosa che non si aspettava?

La scena finale della serie è bellissima. È la mia scena preferita della serie, ma è stata anche la più difficile da realizzare come attore. Senza svelare troppo, è una scena molto cruda dal punto di vista emotivo ed è anche la scena più adulta della serie. Mostra la vera maturità di Nick e Charlie come personaggi. Sono entusiasta che la gente la veda, ma è stata anche difficile e ha messo alla prova il mio mestiere.

Il creatore di Heartstopper parla dell’espansione del fumetto per lo show, inclusa la terza stagione

Alice Oseman, scrittrice di fiction young-adult e produttrice televisiva, vede ora Heartstopper di Netflix come “molto separato” dai fumetti su cui si basa. È ancora “un adattamento abbastanza fedele”, dice la scrittrice britannica a EW, ma nella sua mente è soddisfatta di “lasciare che la serie sia una cosa propria”.

Ora che la Oseman sta scrivendo attivamente la terza stagione, dice di essere “entusiasta di poter espandere Heartstopper” ancora di più. “Ci sono così tante novità che ci permettono di giocare con la terza stagione”, ha dichiarato.

Leggete l’intervista completa di EW alla Oseman sulla seconda stagione di Heartstopper e sull’imminente terza stagione qui sotto.

La seconda stagione è molto più simile a un pezzo d’insieme rispetto alla prima. È una scelta voluta?

ALICE OSEMAN: Sicuramente. Ora che abbiamo concluso la storia d’amore tra Nick e Charlie, c’è spazio per esplorare le altre relazioni della storia. Abbiamo concluso la prima stagione con Tao ed Elle, per esempio, con un piccolo accenno al fatto che potrebbe esserci qualcosa, un qualche tipo di sentimento inespresso, che potremo esplorare meglio nella seconda stagione. Inoltre, abbiamo Tara e Darcy che sono una specie di coppia perfetta nella prima stagione. Sono quelli che stanno insieme da più tempo di tutti. Non sembrano avere problemi di relazione, ma poi nella seconda stagione approfondiamo quello che sta succedendo tra loro e scopriamo che le cose non sono così perfette come sembrano.

Quali sono i personaggi che più ti ha entusiasmato esplorare nella serie?

Amo tutti i miei personaggi. Non posso scegliere. A parte Nick e Charlie, che amo molto, molto profondamente per ovvie ragioni, ero così entusiasta di esplorare la storia di Tao ed Elle. Nei fumetti c’è una storia d’amore, ma non viene esplorata in modo molto dettagliato, mentre nello show la affrontiamo molto di più. C’è un’enorme preparazione alla loro storia d’amore, così tanto dramma e tanta angoscia tra loro. Ma ero anche molto eccitato per la storia di Isaac, perché nella seconda stagione ha un suo percorso sessuale in cui sta scoprendo che potrebbe essere asessuale. È una storia che ho visto molto raramente in televisione e al cinema.

Mi ha colpito il parallelismo tra la storia di Nick in questa stagione e ciò che Kit Connor ha raccontato pubblicamente, ovvero di aver subito pressioni per dichiararsi bisessuale. È solo una coincidenza o vi siete ispirati alla perseveranza di Kit in questo particolare momento della sua vita?

È stata una pura coincidenza, perché la storia di Nick esisteva già nei fumetti molto prima che io la riscrivessi per la serie. Ma Heartstopper si basa sull’equilibrio tra la luce e l’oscurità, e credo che questo sia particolarmente chiaro nella seconda stagione. Abbiamo ancora questi momenti gioiosi e bellissimi di Heartstopper, ma tutti i personaggi stanno affrontando anche i loro problemi. Per Nick, si tratta della sensazione di non riuscire a dichiararsi o di non sapere quando farlo, come farlo, con chi farlo. È un’esperienza molto simile a quella che credo vivano molte persone, in particolare i giovani queer.

Hai un principio guida particolare per bilanciare la luce con l’oscurità?

Non ho una sorta di guida, credo, ma il modo in cui cerco di pensare è che quando sei uno scrittore, si parla molto di mostrare rispetto a raccontare. Quando si scrive di qualcosa che può essere scatenante per le persone, è molto importante scegliere quando mostrare qualcosa e non solo raccontare. Se si mostra troppo, si può scatenare l’attenzione delle persone e può essere davvero sconvolgente da guardare, e non è sempre la cosa giusta da fare quando si racconta una storia su questi temi. Anche se vediamo alcune prove del disturbo alimentare di Charlie, ci sono anche momenti in cui Charlie riesce a spiegarlo a Nick. E arriviamo a capirlo anche attraverso questo, che credo sia in qualche modo confortante. Inoltre, nel corso della stagione ci sono cose che riguardano la salute mentale che raccontiamo piuttosto che mostrare.

La seconda stagione di Heartstopper arriva in un momento in cui in America i politici stanno lavorando attivamente per eliminare l’assistenza sanitaria e le tutele per i giovani trans. E poi arriva una serie in cui c’è una storia d’amore calda e confusa tra una giovane trans, Elle, e il suo compagno. Mentre sviluppavi questa particolare relazione tra i personaggi, hai prestato attenzione agli eventi del mondo reale?

Sì. È impossibile non essere consapevoli di queste cose al momento. La situazione è la stessa nel Regno Unito. C’è un livello pazzesco di transfobia nei media, nella politica, ed è orribile sentirlo sempre. Quindi, credo che Heartstopper sia davvero importante, così come altre storie che lo fanno, nel mostrare adolescenti trans che sono semplicemente adolescenti e che vivono esperienze normali da adolescenti, come avere un incidente, innamorarsi e farsi nuovi amici. La gente cerca costantemente di politicizzare l’esistenza degli adolescenti trans. Lasciateli essere adolescenti. Lasciate che si godano la vita, che vivano avventure. Spero che alcune parti di Heartstopper siano di conforto per gli adolescenti trans che sono bombardati da queste cose in continuazione. Spero che faccia del bene.

C’è stato qualche feedback specifico del pubblico sulla prima stagione che ha influenzato la seconda? Ricordo che ai fan piacevano i piccoli accenni alla relazione tra Tao ed Elle.

Voglio dire, così tanti. Leggo troppo le opinioni della gente su Heartstopper. Davvero. Le persone hanno amato Tao ed Elle nella prima stagione e questo mi ha reso ancora più entusiasta di raccontare questa storia nella seconda stagione. Una reazione molto comune che abbiamo avuto alla prima stagione è stata quella degli spettatori più anziani, che spesso parlavano di come Heartstopper fosse piaciuto, ma li faceva sentire malinconici per la loro vita da adolescenti, perché non avevano potuto vivere la storia d’amore tra Nick e Charlie che c’è nella serie.

Vederli mi ha reso davvero entusiasta di raccontare la storia degli insegnanti nella seconda stagione, che è presente nei fumetti, ma che vediamo un po’ di più nella serie, dove il signor Ajayi fa amicizia con un nuovo insegnante, il signor Farouk, che ha fatto coming out verso i 20 anni. C’è una scena in cui il signor Ajayi si sente triste per non aver avuto quelle esperienze adolescenziali, ma poi vediamo il signor Farouk che ha il suo bellissimo e magico momento Heartstopper.

So che molte cose sono in sospeso nel nostro settore con gli scioperi della WGA e della SAG-AFTRA, ma per quanto riguarda il futuro della serie, la terza stagione è stata annunciata insieme alla seconda l’anno scorso. Stavi sviluppando la stagione 2 e la stagione 3 contemporaneamente?

Ho iniziato a scriverla proprio adesso. È in corso. Non ci aspettavamo di ottenere il rinnovo della terza stagione contemporaneamente alla seconda, perché è piuttosto raro, a dire il vero. Questo ci ha dato più tempo per pensare a cosa accadrà nella terza stagione. Ho potuto impostare le cose in modo sicuro nella seconda stagione, sapendo che saremmo stati in grado di arrivare alla terza, il che non è un lusso che ho avuto nella prima stagione. Volevo davvero che la prima stagione avesse un finale, nel caso in cui non ne avessimo avuti altri. Non c’è niente che odi di più di una serie che viene cancellata con un cliffhanger.

Senti di star entrando in un’area in cui puoi discostarsi molto dai fumetti?

Penso di sì. Sono sempre molto impegnato a preservare quello che c’è nei fumetti e ad assicurarmi che tutti i momenti più importanti ed emozionanti siano presenti nello show, ma onestamente c’è così tanto spazio in più per fare quello che vogliamo. Ora che abbiamo le stagioni 1 e 2, abbiamo avuto un grande sviluppo per il cast di supporto: Tao, Elle, Tara, Isaac, persino nuovi personaggi come Imogen. Ci sono così tante novità che ci permettono di giocare con la terza stagione. Mi sento molto a mio agio nel lasciare che lo show sia una cosa propria. Nella mia mente, lo show e il fumetto si sentono molto separati, anche se si tratta di un adattamento abbastanza fedele. Sono entusiasta di poter espandere Heartstopper per la serie.

La creatrice di ‘Heartstopper’ dice che il personaggio asessuale della seconda stagione è basato sulla sua storia più personale

La creatrice di Heartstopper, Alice Oseman, ha avuto il merito di creare un mondo sullo schermo in cui molti giovani gay possono vedersi rappresentati.

Nella seconda stagione, ha scritto da una prospettiva ancora più personale, compreso il coming out di un personaggio asessuale.

La Oseman ha dichiarato a Newsbeat della BBC che si identifica come asessuale e aromantica, una persona che non prova attrazione sessuale per nessuno, indipendentemente dal genere, e non prova legami romantici.

Oseman ha detto:

“Ho 28 anni e ho imparato a conoscere questi termini solo quando ero all’università. E onestamente, non li ho capiti fino a quando non li ho capiti ancora più tardi. Credo che l’asessualità e l’aromanticismo siano identità che non sono conosciute da molte persone. Volevo portare questa rappresentazione nel mainstream.

Oltre che per i fan più giovani, la fiction di Netflix ha riscosso un enorme successo anche tra i più anziani, molti dei quali hanno dichiarato che avrebbero voluto che ci fosse stata una serie del genere quando erano più giovani, e Oseman dice lo stesso di avere una fiction con un personaggio asessuale.

“Se avessi visto personaggi asessuali quando ero un’adolescente, avrei capito molto prima questa parte di me e mi sarei risparmiata un sacco di angoscia, dolore e confusione”.

La Oseman ha dichiarato alla BBC di essere orgogliosa della rappresentazione che la serie ha dato alle diverse sessualità e identità di genere, sottolineando che questo è “un periodo sempre più difficile per la comunità LGBTQ+”.

Il cast

Heartstopper 2 dà il benvenuto quattro nuovi membri del cast.

Leila Khan si unisce alla serie nel ruolo della studentessa Sahar Zahid; Jack Barton nel ruolo del fratello maggiore del protagonista Nick, David; Bradley Riches nel ruolo di un altro studente, James McEwan; Nima Taleghani nel ruolo dell’insegnante Mr Farouk; Thibault de Montalembert nel ruolo del padre del protagonista Nick, Stephane; Ash Self e Bel Priestley nei ruoli degli amici di Elle, Naomi e Felix.

Tornano tutti i protagonisti, tra cui Kit Connor nel ruolo di Nick; Joe Locke nel ruolo di Charlie, Yasmin Finney nel ruolo di Elle, William Gao nel ruolo di Tao; Corinna Brown nel ruolo di Tara, Kizzy Edgell nel ruolo di Darcy; Sebastian Croft nel ruolo di Ben; Tobie Donovan nel ruolo di Isaac; Rhea Norwood nel ruolo di Imogen; Jenny Walser nel ruolo di Tori e Cormac Hyde-Corrin nel ruolo di Harry.

Restano nel cast anche Stephen Fry e Olivia Colman. See-Saw Films produce la serie e la creatrice è Alice Oseman.

Foto promozionali

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Netflix / Deadline

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here