Tutte le somiglianze e differenze tra Daryl Dixon e The Last of Us!

0
217

La missione di The Walking Dead: Daryl Dixon è semplice. Al nostro eroe adulto viene chiesto di scortare un bambino, considerato il salvatore dell’umanità, in un pericoloso viaggio attraverso la campagna infestata dagli zombie, affrontando al contempo minacce di tipo più umano. Vi suona familiare? Sembrava familiare anche al produttore esecutivo di Daryl Dixon, Greg Nicotero“Ricordo di aver guardato il primo episodio di The Last of Us e di aver pensato: “Ummm… ragazzi?””. racconta Nicotero a EW.

Naturalmente, a quel punto non c’era molto da fare per le qualità speculari. “Eravamo già in fase di produzione quando è uscito The Last Of Us”, osserva Nicotero a proposito dell’adattamento del videogioco, aggiungendo però che “The Last of Us mi è piaciuto moltissimo”.

Ma se le missioni in grande stile di ogni serie possono essere molto simili, Nicotero si affretta a sottolineare che le differenze sono nei dettagli, e ci sono eccome.

“È davvero una continuazione della storia di Daryl”, dice Nicotero dello spin-off di The Walking Dead con Norman Reedus. “È disposto a consegnare questo bambino, ma non è il suo unico scopo. Il suo scopo è che ha delle persone a casa da cui deve tornare. Deve tornare da Judith, da Carol e dalle persone del Commonwealth”.

Nicotero prosegue: “È stato in qualche modo indotto a fare questa deviazione in Francia. Penso che l’idea di entrare in contatto con questo ragazzo sia un po’ simile a quella di The Last of Us, ma una volta che ci si addentra nel viaggio, non mi sembra così simile. Sono abbastanza diversi da poter essere apprezzati entrambi”.

In effetti, la genesi di Daryl Dixon risale a sei anni fa, ma in origine lo show doveva svolgersi da questa parte dell’Oceano Atlantico.

“Doveva essere Daryl ad attraversare il paese, come il New Mexico o il Midwest”, spiega Nicotero. “Era una specie di “Then Came Bronson” o “Il fuggitivo” o “Kung Fu”: uno straniero in una terra sconosciuta. In ogni episodio, entrava in contatto con persone che avrebbero cambiato la sua vita e lui avrebbe cambiato la loro. Ed è da qui che è nata l’intera serie. Era qualcosa che appassionava Norman”.

Una passione che Reedus sente ancora quando la serie si avvicina alla data della prima del 10 settembre.

“Sono così orgoglioso di quello che stiamo facendo”, ha detto la star a EW prima dello sciopero della SAG-AFTRA. “E diventa sempre migliore a ogni episodio”.

La chiave per Reedus e Nicotero – entrambi presenti nel franchise fin dal suo inizio nel 2010 – è stata quella di usare lo stesso personaggio per raccontare una storia molto diversa.

“Nessuno di noi era interessato a farlo se si fosse trattato di un episodio uguale all’altro”, dice Nicotero. “Norman non voleva farlo. Io non volevo farlo”.

Anche se l’aspetto, l’atmosfera e persino il suono della serie sono diversi da quelli sperimentati dai fan in The Walking Dead, lo spin-off è, dal punto di vista tematico, una sorta di ritorno al modo in cui è nata la serie originale.

“Torna alle nostre radici, con Rick alla ricerca della sua famiglia”, dice Nicotero. “E ora Daryl ha questa missione, e gli è stato dato l’obiettivo di consegnare il giovane Laurent”.

Senza dubbio ci saranno ostacoli lungo il percorso, ma – non diversamente dalle abilità di cui Joel ha bisogno in The Last Of Us – almeno Daryl sa già come sopravvivere a un gruppo di cannibali!

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: EW

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here