Daisy Jones & The Six avrà una stagione 2?

0
464

Dopo 10 episodi, Daisy Jones & The Six è giunta a una conclusione emozionante, ma vista la passione dei fan e le molte, moltissime storie ancora non raccontate, soprattutto nella linea temporale attuale, non sorprende che il cast – e persino alcuni produttori dello show – siano interessati a riunirsi per una potenziale stagione 2.

“Ti lascia col fiato sospeso”, ammette Riley Keough, che ha brillato nella serie nel ruolo della protagonista Daisy Jones, spingendo Sam Claflin, che interpreta il cantante Billy Dunne, a chiedere: “Dove devo iscrivermi?”.

Taylor Jenkins Reid, l’autrice del best seller “Daisy Jones & the Six”, sa come lasciar andare e non si è preoccupata troppo del fatto che l’adattamento di Prime Video del suo romanzo del 2019 segua proprio il libro. “Non credo di aver mai voluto che qualcuno girasse il mio libro esattamente com’è”, dice a Variety durante una conversazione con il produttore esecutivo Brad Mendelsohn.

“Ecco una nuova versione di questa storia. Ci sono nuove versioni di questa canzone. C’è un nuovo modo di godersela. Spero che i miei lettori sentano di ritrovare le cose che amavano, ma anche che si tratta di qualcosa di diverso. Mi piace che sia diverso”, dice Reid, che è anche produttrice della serie. “Non sento il bisogno di paragonarle nello stesso modo in cui ho visto fare ad altre persone”.

Un cambiamento notevole che ha fatto arrabbiare alcuni fan? Il bacio tra Daisy (Riley Keough) e Billy (Sam Claflin) nel sesto episodio.

Nel romanzo della Reid si avvicinano, ma non si baciano mai. “Mentre un lettore visualizza tutte queste cose nella sua testa, era importante, credo, per gli scrittori e i registi coinvolti nello spettacolo mostrare questo momento per drammatizzarlo. Per mettere davvero sotto i riflettori quel momento”. Dice Mendelsohn. “È stata una cosa elettrica da vedere sullo schermo. Ha davvero dato il via al resto del dramma che viene dopo”.

E il dramma arriva, ma non tra le donne. Nonostante le relazioni disordinate, i conflitti sulla direzione della band e un triangolo amoroso, i personaggi femminili di “Daisy Jones” rimangono fermi sostenitori l’uno dell’altro.

“Mi era chiaro che si trattava di donne, prima di tutto, che non sono in competizione tra loro”, dice la Reid a proposito delle prime conversazioni con gli showrunner Will Graham e Scott Neustadter, citando la loro comprensione di questo messaggio come una ragione fondamentale per cui ha riposto la sua fiducia in loro. “Sapevo che per me aveva lo stesso significato che aveva per loro”.

“Volevamo onorare ciò che Taylor ha fatto quando ha scritto quel libro”, aggiunge Mendelsohn. “Continua a incentrare le sue storie su donne potenti e sul potere dell’amicizia femminile. La nostra stella polare durante la realizzazione dello show è stata quella di assicurarci che ognuna di queste relazioni continuasse ad avere il rispetto reciproco che c’è nel libro”.

L’adattamento a serie ha anche offerto al team l’opportunità di ampliare l’arco narrativo di una donna che non è stata necessariamente approfondita nel romanzo: la pioniera della discoteca Simone Jackson, interpretata da Nabiyah Be.

Nell’episodio 7, gli spettatori possono assistere alla storia di Simone che trova la sua voce attraverso la scena underground dei club di New York e abbraccia la sua identità queer.

“Quello che Will ha fatto nel dirigere quell’episodio è stato catturare quella sorta di gioia rivoluzionaria che c’era durante la discoteca negli anni ’70, e l’ha portata in vita in un modo che non ero riuscito a fare nel libro. È stata la cosa più gratificante per me da guardare”, dice la Reid. “Mi piace ogni volta che la serie può offrire a un lettore che ha amato il libro qualcosa in più. Ed è quello che hanno fatto”.

Per quanto riguarda la possibilità di avere ancora più “Daisy Jones” in una seconda stagione, la Reid e Mendelsohn non escludono nulla.

“Penso che siamo in una posizione davvero fortunata: abbiamo una storia definitiva e un finale che ci fa sentire davvero bene”, dice la Reid. “La riaprirei solo se sentissi che c’è una storia da raccontare. Se ho pensato a quale sia? Sicuramente sì”.

“Vedere le performance di questo cast, e in particolare di Riley e Sam, ed essere disposti a lasciarle senza chiedersi se sia possibile dare loro un’altra opportunità di approfondire questi personaggi sarebbe davvero sciocco”, dice ridendo. “Non sono così stupida da non riconoscere quello che abbiamo in loro due. Quindi è sicuramente una cosa a cui penso”.

Daisy Jones & The Six avrà una stagione 2?

“Se ci dicessero che ne faremo un’altra, un’altra serie, lo farei”, dice Suki Waterhouse, che ha interpretato la tastierista Karen Sirko, la cui storia d’amore con Graham Dunne (Will Harrison) è stata uno dei tanti punti forti della serie – e ancora in gran parte lasciata inesplorata rispetto al modo in cui le cose tra Daisy, Billy e Camila Alvarez (Camila Morrone) sono state al centro della storia.

“Karen e Graham devono tornare per una seconda stagione”, suggerisce Morrone, mentre il produttore esecutivo Scott Neustadter è d’accordo. “C’è altro da raccontare nella storia”, dice dell’altra coppia della band.

Anche Josh Whitehouse, che interpreta il bassista Eddie Roundtree, e Sebastian Chacon, che ha vestito i panni del batterista Warren Rojas, hanno delle idee su cosa potrebbe trattare la seconda stagione.

“Faremo il tour europeo degli anni ’80”, dice Chacon con una risata, considerando come si è concluso il primo grande tour della band. Mentre Whitehouse scherza sul fatto che il pubblico potrebbe seguire “Eddie durante la sua fase punk”.

Daisy Jones & The Six avrà una stagione 2?

Anche Claflin ha un’idea per una nuova stagione. “In realtà ho già proposto la mia versione della stagione 2”, rivela. “Sento ancora che c’è molto altro da fare. Ma non sta a noi dirlo. Forse Taylor Jenkins ha davvero bisogno di scrivere un altro libro”.

E visto come si sono concluse le storie di alcuni personaggi – niente spoiler – Morrone dice: “Possono trovare un modo per scriverci di nuovo”.

“Spero che il pubblico sia là fuori e chieda una seconda stagione”, dice Mendelshohn, aperto all’idea di fare di più. Ma lui, come gli altri produttori della serie, dice che non dipende da lui. “Speriamo che Prime Video voglia riproporla”.

Anche se non c’è nulla di ufficiale in cantiere, “parlate con Amazon”, dice la produttrice esecutiva Lauren Levy Neustadter. Prima di aggiungere: “È stata davvero una gioia realizzarla e sarebbe sicuramente fantastico fare una reunion”.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Variety / ET Online

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here