La Regina Carlotta: Kris Bowers sull’influenza di Chevalier nella creazione della colonna sonora di Bridgerton!

0
160

“La Regina Carlotta: Una storia di Bridgerton” ha una delle partiture più complicate, eppure stilisticamente unitarie, di qualsiasi serie di quest’anno: La colonna sonora originale di Kris Bowers, la musica d’epoca del XVIII secolo e un numero sorprendente di cover per quartetto d’archi di successi del XXI secolo.

La serie di Netflix, prequel del successo di “Bridgerton” del 2021, immagina una sposa nera per il re d’Inghilterra Giorgio III nel 1761, raccontando il loro matrimonio inizialmente difficile e la sua graduale comprensione della malattia mentale del monarca; i flash forward al 1817 mostrano una regina più vecchia e più saggia.

Bowers, che ha ottenuto due nomination agli Emmy per il suo lavoro, è tornato per il prequel ma con un approccio diverso.

“Questo show aveva bisogno di un livello di intimità che la colonna sonora di ‘Bridgerton’ non necessariamente possiede”, dice. “Il mio istinto iniziale era di scrivere per un ensemble più piccolo. E di microfonare e mixare la musica in modo che fosse più intima e tattile, un senso di vicinanza agli strumenti”.

Queen Charlotte: A Bridgerton Story. (L to R) Corey Mylchreest as Young King George, India Amarteifio as Young Queen Charlotte in episode 101 of Queen Charlotte: A Bridgerton Story. Cr. Liam Daniel/Netflix © 2023
La Regina Carlotta: Kris Bowers sull’influenza di Chevalier nella creazione della colonna sonora di Bridgerton!

Per la più giovane Carlotta ha suonato il fortepiano del XVIII secolo – “è un suono molto brillante, con una sensazione molto diversa”, dice Bowers – come parte del suo ensemble da camera. Quintetto d’archi (due violini, viola, violoncello, basso), a volte aggiungendo un secondo violoncello. “La Carlotta più vecchia è più simile al suono di Bridgerton”, aggiunge. “Un’orchestra più grande, un pianoforte a coda, un suono più raffinato rispetto a quello più grintoso della Carlotta giovane”.

In un sorprendente collegamento con un altro progetto Bowers si è ispirato alla musica del musicista franco-caraibico Joseph Bologne, Chevalier de Saint-Georges. Poche settimane prima di ottenere l’incarico per la colonna sonora di “Chevalier” (il film uscito all’inizio di quest’anno).

Ha scritto una canzone con Tayla Parks, “A Feeling I’ve Never Been”, per il matrimonio reale. Insieme ad altri momenti “in cui il mio punto di riferimento era cercare di emulare Chevalier in modi diversi”.

Secondo la supervisore musicale di “La Regina Carlotta” Alexandra Patsavas, i produttori esecutivi Shonda Rhimes, Betsy Beers e Tom Verica “avevano idee precise su come la colonna sonora e la fonte (la musica) potessero migliorare la narrazione. Abbiamo iniziato la conversazione ben prima della produzione”.

Come le tanto discusse cover di canzoni contemporanee in “Bridgerton”, “La Regina Carlotta” conteneva versioni di canzoni “scritte, eseguite o trasformate in successi culturali da donne di colore”, dice Patsavas. Tra cui “Halo”, “If I Ain’t Got You”, “Deja Vu”, “Run the World”, “Nobody Gets Me” e “I Will Always Love You”.

“Shonda Rhimes ha pensato che queste iconiche artiste di colore – Beyonce, SZA, Whitney Houston, Alicia Keys – fossero perfette per raccontare la storia di Charlotte attraverso la musica”, ha aggiunto Patsavas.

Il Vitamin String Quartet ha eseguito “If I Ain’t Got You” di Keys per il ballo di Lady Danbury nel terzo episodio. Poi, dopo la fine della serie, è stato girato un video musicale di quella canzone con 70 donne di colore, vestite in abiti d’epoca, mentre eseguivano una versione orchestrale al London’s Abbey Road. Bowers lo produsse.

Patsavas ha anche trovato circa 30 brani classici dell’epoca. “Icone georgiane come Handel, Mozart, Purcell, per assicurarsi che le canzoni e i suoni dell’epoca fossero introdotti e ascoltati”.

Netflix Italia le serie tv a Maggio 2023: La Regina Carlotta di Bridgerton e Fubar con Schwarzenegger

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Variety

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here