Loki: Ke Huy Quan parla del suo momento di svolta nell’MCU

0
110

Dopo la fine dello sciopero degli attori e sulla scia del finale di Loki 2, Ke Huy Quan ha parlato con Deadline dell’ingresso nel Marvel Cinematic Universe, del suo personaggio Ouroboros e del momento in cui la sua carriera si è chiusa.

ALLERTA SPOILER! Questa conversazione contiene spoiler sulla seconda stagione di Loki.

Loki: Ke Huy Quan Discusses His Full Circle Moment Joining The MCU
Loki: Ke Huy Quan parla del suo momento di svolta nell’MCU

È fantastico poter parlare con lei di Loki. Non ha potuto parlare del suo ruolo a causa dello sciopero degli attori. Che cosa ha aspettato a dire?

KE HUY QUAN: Quando ho deciso di tornare a fare l’attore, [far parte del MCU] era in cima alla mia lista dei desideri… Mi hanno accolto tutti a braccia aperte ed ero così felice. Aspettavo pazientemente l’uscita della serie per poter andare a festeggiare e dirlo ai fan. Poi, naturalmente, c’è stato lo sciopero. Voglio solo dire a tutti quanto sono orgoglioso dello spettacolo. Quanto ne sono felice. E lavorare con Tom Hiddleston, Owen Wilson e tutta la famiglia Loki è stato incredibile. L’abbiamo girato l’anno scorso a Londra.

Sono stato lì per quattro mesi, io e mia moglie. Sono stati i quattro mesi più belli della mia vita. Ho fatto alcuni spettacoli in passato, ma questa è stata la prima volta in cui non volevo che finisse. Ero così felice. Anzi, vi dirò questo. Avevamo in programma delle riprese a febbraio e io stavo aspettando. Io e mia moglie non vedevamo l’ora di trascorrere più tempo a Londra e con la nostra famiglia Loki. E all’improvviso ci hanno detto: “Oh, non abbiamo bisogno di riprese. È tutto a posto”. Sono rimasto un po’ deluso.

In realtà mi è dispiaciuto che non siamo riusciti a tornare, visto quanto ci siamo divertiti… Così abbiamo fatto la storia. Abbiamo fatto la storia due volte. Una è la prima serie Marvel che ottiene una seconda stagione e la seconda è la prima volta che uno show Marvel non ha avuto reshooting. Sono molto orgoglioso di questo.

È un’impresa non da poco non avere riprese. Probabilmente è stata una delle poche volte in cui si è emozionato per le riprese.

KE HUY QUANMolte volte gli attori temono i reshoot, perché bisogna tornare indietro. Devi rientrare nel personaggio. Ma in questo caso ero davvero felice. Non vedevo l’ora di farlo. È così ironico, perché più volevo fare, più mi dicevano: “Oh, non ne abbiamo bisogno”. Ma questa è una prova di quanto sia grande lo show e di quanto sia grande il leader Tom Hiddleston. Lavorare con lui è stato incredibile. È stata una vera e propria masterclass su come essere un grande attore, un grande leader e, soprattutto, un grande essere umano. È così gentile e umile.

Quando ha letto il copione per la prima volta, cosa ha pensato del suo personaggio, Ouroboros? Cosa sperava di poter apportare al suo personaggio?

KE HUY QUAN: Innanzitutto, quando ho letto la sceneggiatura, mi sono subito innamorato di Ouroboros. Era così ben definito sulle pagine e lo vedo subito. Questo personaggio non era basato sui fumetti, quindi è stato creato dal nostro showrunner Kevin Wright e dal nostro sceneggiatore capo Eric Martin… Ho voluto immediatamente interpretarlo. E ricordo che questo avveniva in un periodo in cui era appena uscito Everything, Everywhere All At Once. Stava pagando solo a New York e a Los Angeles.

Il mio agente mi disse: “Domani ti chiamerà Kevin Feige”. Dovete capire che quando sono tornato a fare l’attore, entrare nel MCU era in cima alla mia lista dei desideri. Ero così eccitato e mi sono detto: “Potrebbe essere la volta buona?”. Stavo guidando. Ho preso il telefono. E dall’altro capo sento: “Ciao Ke. Sono Kevin Feige”. Ha continuato a parlare di quanto gli fosse piaciuto il nostro film e di quanto gli fosse piaciuta la mia interpretazione. E alla fine mi dice: “Ke, ci piacerebbe molto che tu entrassi a far parte della famiglia del MCU”. In quel momento stavo guidando.

Ho iniziato a piangere e non riuscivo più a vedere la strada.

Ho detto: “Kevin, puoi darmi due secondi?”. Ho accostato l’auto, l’ho messa in parcheggio e ho detto: “Per favore, continua”. Lui mi ha detto: “Abbiamo un personaggio fantastico per te, Ouroboros. Lo adoro e credo che tu sia perfetto per interpretarlo”. Mi ha parlato di Loki. Mi ha parlato del MCU, con tanta passione ed entusiasmo nella voce.

Mi ha riportato al giorno in cui l’ho incontrato per la prima volta sul set di X-Men, quando lui era solo un produttore associato e io un assistente alle coreografie d’azione… Ama così tanto questo universo. Ha una conoscenza così vasta di questo universo. E non sapevo che solo 23 anni dopo avrei potuto lavorare con lui. Ho la possibilità di interpretare un personaggio meraviglioso.

Mi fa piacere che ne abbia parlato. È un momento che chiude il cerchio.

QUAN: Ecco perché amo il nome Ouroboros. È un serpente che si mangia la coda. Mi sono divertito molto a lavorare con Kevin sul set. È stato un momento in cui non pensavo che avrei mai più messo piede davanti alla macchina da presa, ma anche un momento in cui mi sono chiesto se avrei avuto una carriera dietro la macchina da presa. Mi ero appena laureato alla scuola di cinema della USC. Non sapevo cosa avrei fatto. Sapevo di non voler lasciare questo settore. Lo amo così tanto. Quindi, poterlo fare e tornare di nuovo davanti alla macchina da presa… sono molto fortunata.

Il tuo tempismo comico è così perfetto in Loki. Penso alla scena in cui Ouroboros riesce a ricreare il Tempad dopo 19 mesi e aver perso la moglie. Qual è il segreto per realizzare una scena del genere?

QUAN: Non ci penso molto. Devo dare credito a Kevin Wright ed Eric Martin. Hanno creato in modo davvero splendido il personaggio di Ouroboros. I dialoghi, quando li ho letti per la prima volta, mi hanno fatto ridere a crepapelle, perché è così eccentrico. È così strano e divertente. Eppure, se ci pensate, chi è questo tizio che lavora nei sotterranei della TVA da più di 400 anni senza amici? Non interagisce con nessuno. Il suo unico incontro è stato con Mobius quando si è perso. Eppure continua a prendere il suo lavoro con tanta serietà e passione. Questo ha molto a che fare con il bellissimo dialogo che hanno ideato.

Pensate che O.B. rimarrà in cantina per altri 400 anni o uscirà più spesso?

QUAN: Quando si ha un assaggio di ciò che si prova in amicizia… Loki ne è dipendente. Sono sicuro che anche O.B. ne sarà dipendente. Quando non ce l’hai, non sai cosa ti perdi. Ma una volta che ce l’hai, continui a cercarlo. Quindi presumo che O.B. periodicamente, quando non è troppo impegnato, salga in ascensore e vada a salutare Casey e B-15 e a mescolarsi con Mobius, perché adora Mobius.

Di quale scena è più orgoglioso?

QUAN: Adoro l’Episodio Uno, la scena in cui parla con Mobius nel presente e con Loki nel passato. È così creativa… È così ben scritta. È così divertente.

Come si è sentito quando ha letto il copione del finale?

QUAN: Sono rimasto a bocca aperta, perché non me l’aspettavo. È così bello e poetico. Quando hai un personaggio che vuole stare sul trono per tutta la vita, e finalmente ci riesce. Ma non potrà mai andarsene. Ha compiuto l’estremo sacrificio… Per me, Loki è l’eroe definitivo perché ha compiuto il sacrificio senza essere riconosciuto. Nessuno sa che l’ha fatto, tranne la squadra. Nessuno nella Sacra Linea Temporale lo saprà mai. Se siamo fortunati nella vita, avremo con noi persone del genere. Gli eroi non celebrati.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: Deadline

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here