Primo sguardo a Pain Hustlers, dal 27 ottobre su Netflix! – TEASER

0
280

David Yates, regista degli ultimi quattro film della saga cinematografica di Harry Potter e di tutti e tre i film di Animali Fantastici, affronta l’industria farmaceutica con Pain Hustlers, il suo prossimo film su Netflix ispirato al nuovo libro di Evan Hughes, Pain Hustlers: Crime and Punishment at an Opioid Startup. EW regala al pubblico uno sguardo esclusivo al film, che vede protagonisti Chris Evans nel ruolo del rappresentante della Zanna Therapeutics Pete Brenner ed Emily Blunt nel ruolo di Liza Drake, una madre single disperata ma abile negli affari che si fa strada con l’inganno per ottenere un lavoro presso l’azienda, vendendo ai medici i suoi farmaci antidolorifici progettati per i pazienti oncologici.

E non c’è un incantesimo o una pozione da trovare. Ed è proprio quello che Yates stava cercando.

“Ho trascorso molto tempo negli studios in green-screen a creare questi ambienti enormi e queste creature pazzesche. Quindi, è stato un vero e proprio ritorno alle mie origini. È un ritorno alle origini”, dice Yates a EW prima del debutto del film questa settimana al Toronto International Film Festival, citando il suo lavoro precedente ad Harry Potter in drammi e thriller televisivi per attirare l’attenzione di Hollywood. “Non c’era un effetto visivo in vista [in quelle serie televisive]. Quindi la bellezza di Pain Hustlers per me è stata quella di tornare a quelle radici, di tornare al fatto che la cosa più eccitante in una scena è un momento autentico tra due attori piuttosto che un grande effetto speciale. È stato un gradito ritorno a fare cose che avevo fatto molto prima di entrare nel mondo di Harry Potter”.

Mentre le recenti miniserie Dopesick e Painkiller offrivano versioni romanzate dei dirigenti della Purdue Pharma, della famiglia Sackler e del famigerato farmaco OxyContin, Pain Hustlers si concentra sulle “persone in prima linea”.

“Sono sempre stato affascinato dai venditori, da quello che fanno e dal lato morale dell’industria farmaceutica quando si danno da fare per fare soldi”, spiega Yates. “Gli elementi della storia sono ovviamente coerenti con quanto documentato da Evan Hughes nel suo libro, ma abbiamo creato Liza Drake, abbiamo creato il rapporto che ha con sua figlia, Phoebe, solo come un modo per permettere al pubblico di connettersi con un singolo personaggio e portarci attraverso la storia”.

Liza è senza dubbio una buona madre, un’agguerrita protettrice della figlia adolescente, che ha una sua malattia, e che si prende cura di lei.

Questa mentalità da mamma orso fa sì che Liza sia piena di risorse e tenace – è lei a convincere un medico a prescrivere il farmaco a Zanna, con enormi vantaggi – ma anche difettosa nel viaggio di questo antieroe.

“Emily amava il personaggio e amava l’idea di questa storia. Credo che ciò che l’ha attratta più di ogni altra cosa sia stato il fatto che non stavamo adottando un approccio molto diretto alla storia. È un po’ sovversivo, un po’ cattivo, c’è dell’umorismo”. Ricorda Yates a proposito dell’interesse della protagonista di Oppenheimer e di A Quiet Place per il film.

“Mi ha detto: ‘Sai una cosa, David? Sono così stufa di vedere personaggi femminili protagonisti che devono essere così onorevoli e diretti’. Quello che le piaceva di Liza è che a volte è un po’ ombrosa per concludere l’affare e realizzare la sua ambizione. E si fa prendere dall’intera ondata di emozioni. E credo che entrambi amiamo questo personaggio: Liza è fallibile, in definitiva, e si perde un po’ nei meandri della morale. E credo che Emily sia stata entusiasta di creare questo personaggio per far sì che il pubblico vedesse una donna fallibile, colpevole e responsabile delle sue azioni”.

A guidare Liza attraverso i dettagli del lavoro è il Brenner di Evans. Anche lui spinto dal denaro, è ben lontano dal supereroe buono che Evans ha interpretato nel Marvel Cinematic Universe.

“Adoro quando si prende un attore conosciuto per un certo tipo di lavoro e lo si inverte e lo si capovolge”, dice Yates. “So che ha lavorato per sovvertire questo aspetto in altri ruoli. Quindi per me era troppo bello non portarlo qui. [Ride] Trasformare l’uomo che interpreta Capitan America in modo così bello… in un sonnolento rappresentante farmaceutico era allettante. E credo che gli sia piaciuto molto questo viaggio. Credo che l’abbia apprezzato molto e che si sia immerso in esso, trovandovi strati e livelli molto divertenti”.

Ma non c’è da divertirsi quando si tratta del medico miliardario Jack Neel, interpretato da Andy Garcia. Ha sviluppato il Lonafan, l’antidolorifico che Zanna sta cercando di introdurre sul mercato. Concentrato sugli affari, è anche paranoico nel tenere le mani pulite da qualsiasi azione sporca dietro le quinte.

“È leggermente imprevedibile, un po’ stranamente fragile, ma è piuttosto esplosivo e le persone sono molto diffidenti nei suoi confronti.” Dice Yates a proposito del dottore. “È il capo e le persone sono molto, molto consapevoli del fatto che è eccentrico e che bisogna camminare un po’ in punta di piedi. Perché può esplodere come un vulcano in qualsiasi momento. E Andy amava farlo”.

Catherine O’Hara, invece, conferisce al film alcuni momenti più leggeri nel ruolo di Jackie, la madre di Liza, che diventa anche rappresentante di Zanna.

“È un’attrice comica di grande talento e, dato che il tono del film richiedeva questa abilità, è stato fantastico averla come parte della truppa e della compagnia. Ha contribuito enormemente a portare quell’elemento di umorismo nella nostra storia”, dice Yates della vincitrice dell’Emmy per Schitt’s Creek. “Ogni volta che si fa un casting, si cerca sempre di portare qualcuno che la gente non si aspetta. È un dramma sulla crisi degli oppioidi. Quindi l’ultima persona che ci si aspetta di avere nel cast è Catherine O’Hara”.

PRIME IMMAGINI

Pain Hustlers uscirà in sale selezionate il 20 ottobre e sarà disponibile in streaming il 27 ottobre su Netflix.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: EW

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here