Ron Cephas Jones, interprete di William in This Is Us, muore a 66 anni – TRIBUTI

0
399

L’attore Ron Cephas Jones, meglio conosciuto per aver interpretato William Hill in This Is Us, è morto all’età di 66 anni.

Un rappresentante dell’attore ha confermato la notizia a People nella giornata di sabato e ha attribuito la morte di Jones ad un “disturbo polmonare duraturo.”

Jones è apparso come guest-star in tutte e sei le stagioni di This Is Us. Ha vinto due Emmy come Migliori attore ospite nel 2018 e nel 2020 per la sua performance nei panni del padre biologico di Randall Pearson nel dramma della NBC. La serie è andata in onda tra il 2016 e il 2022 e seguiva le vicende dei tre gemelli Pearson, Randall (Sterling K. Brown), Kate (Chrissy Metz) e Kevin (Justin Hartley), e i loro genitori Rebecca (Mandy Moore) e Jack (Milo Ventimiglia), mentre affrontano insieme le loro difficoltà emotive.

Sterling K. Brown piange il suo padre televisivo in This Is Us, Ron Cephas Jones

Oggi la vita ha imitato l’arte e una delle persone più meravigliose che il mondo abbia mai visto non è più tra noi,” ha scritto Brown in un post su Instagram. “Il mondo è un po’ meno luminoso. Fratello, sei amato. E ci mancherai. Continua a farli ridere nella prossima fase dell’esistenza, e ci vediamo quando ci arrivo..”

Mandy Moore ricorda Ron Cephas Jones e la loro ultima scena.

“Conoscere e lavorare con Ron nella corsa sfrenata di This Is Us è stato il dono più grande”, ha scritto la Moore in una didascalia su Instagram sotto una foto della coppia nella scena finale della serie drammatica della NBC. Ha poi aggiunto che “era pura magia come uomo e come artista” e “una parte intrinseca del tessuto della serie”.

“Non dimenticherò mai quanto sia stato speciale girare questo particolare episodio e dargli il bentornato per dirgli un vero e proprio addio”, ha scritto l’attrice a proposito della loro scena nel penultimo episodio della serie, quando la Rebecca Pearson di Moore viene visitata dal William Hill di Jones in una sequenza di sogni che precede la sua morte.

Anche l’attrice Chrissy Metz ha onorato il defunto attore in un post su Instagram: “Grazie per aver illuminato ogni stanza in cui sei entrata. Non dimenticherò mai e sono stata cambiata dal tuo cuore gentile, dal tuo spirito straordinario, dal tuo talento incommensurabile e dal tuo bellissimo sorriso. Che la tua transizione sia piena di luce e di pace. Mando tutto il mio amore a Jasmine e ai suoi cari in questo momento. Sei davvero il gatto più forte.”

Susan Kelechi Watson elogia il defunto Ron Cephas Jones

“È stata davvero una gravitazione istantanea”, ha scritto la Watson su Instagram a proposito della loro relazione. “Come se ogni volta che tu fossi nella stanza io mi facessi subito strada verso di te. È stata l’energia di New York, il fatto che entrambi abbiamo avuto una grande occasione nello stesso momento, la figaggine, lo swag, le storie di difficoltà e trionfi, l’onestà, le risate, l’umorismo, le risate, l’umorismo e l’onestà. La genuinità. La libertà e la generosità con cui hai donato il tuo io autentico. La possibilità di conoscerti. La gioia della tua ascesa fulminea a 59 anni.

La condivisione profonda di quella gioia.

Il fatto che potessi dire: “Ehi… vuoi andare in una tavola calda a provare questa scena?” e tu fossi d’accordo al 100% perché era da lì che venivi”, ha detto, ricordando il periodo in cui hanno lavorato insieme alla serie drammatica della NBC. “Leggere, provare, mettere in scena. Lo conoscevi bene. Era la tua mano corta. Ho avuto modo di constatare in prima persona il tuo impegno nel voler dare la migliore performance ogni singola volta… la migliore performance in assoluto che potevi dare. Non eri soddisfatto se gli altri non lo erano quando veniva chiamato il taglio”.

Ha proseguito: “Apprezzo tutti i check-in che abbiamo condiviso mentre continuavate il vostro viaggio verso nuove avventure. Le riunioni che abbiamo avuto e l’amore che c’era sempre. Sei stato mio amico. E che benedizione in questa vita avere un amico chiamato te. Amavi essere un attore, un artista, un eterno studente della vita. Ma sapevo che non amavi altro che Jasmine. Il mio cuore va a te, [Jasmine]. Eri la musica della sua anima. La sua Jaz, il suo jazz. Il suo jazz.

“Una volta per il gatto più cool, una volta per il segno che ha lasciato e che rimarrà”, ha concluso Watson il suo emozionante tributo. “Una grande standing ovation per il mio uomo, Ron Cephas Jones. Jah ti benedica e ti guidi dolcemente a casa, amico mio. Mi manchi…”.

Il creatore di ‘This Is Us’ Dan Fogelman ricorda come Ron Cephas Jones brillasse anche quando la sua salute vacillava

Il 22 ottobre 2015, i miei direttori del casting Bernie Telsey e Tiffany Little Canfield mi hanno inviato un link a un gruppo di nastri di provini provenienti da New York. I provini erano per vari ruoli in un nuovo pilot televisivo che stavo iniziando a lanciare, un pilot che alla fine sarebbe diventato la serie “This Is Us”.

Questa è stata la mia risposta completa:

Il 22 ottobre 2015, alle 11:20 PM, Dan Fogelman ha scritto:
santo Ron Cephas Jones. Sì, per favore, per me.

E in un’immediata e-mail di risposta di una sola frase, ho aggiunto:

è come se fosse uscito dal mio cervello, onestamente.

Questo è stato l’inizio del mio meraviglioso rapporto con Ron Cephas Jones, che ci ha lasciato troppo presto la scorsa settimana.

Per sei anni ho avuto il privilegio di scrivere per Ron in “This Is Us”. Nello show, Ron interpretava un uomo complicato di nome William Hill: un musicista, un poeta, un tossicodipendente e, cosa forse più importante, il padre biologico del Randall Pearson di Sterling K. Brown.

Quando “This Is Us” è stato lanciato per la prima volta nell’autunno del 2016, non credo che nessuno di noi fosse del tutto pronto per il successo immediato che avrebbe riscosso. Un attimo prima eravamo solo un gruppo di persone con buone intenzioni, che stavano realizzando un bel dramma familiare per la televisione di rete. Un attimo dopo la NBC vendeva le scatole di fazzoletti di “This Is Us” e il cast non poteva camminare per strada senza che qualcuno li abbracciasse e scoppiasse in lacrime.

E nell’epicentro di tutto questo amore per la nostra serie, c’era Ron.

Per quel breve lasso di tempo, quando lo show si è imposto al centro dello Zeitgeist, nessuno voleva parlare con me di qualcosa che non fosse “This Is Us”. Completi sconosciuti mi proponevano le loro trame preferite, i loro momenti preferiti, i loro personaggi preferiti. Ma non c’è mai stata una cosa che mi sia stata ripetuta più spesso di questa:

“Oh, e quel nonno nello show. È semplicemente meraviglioso. Che attore”.

Davvero un attore.

Ron non era solo un attore… era l’attore degli attori. Si trovava a suo agio sui palcoscenici: quelli veri, in tutta New York o ovunque il lavoro lo portasse, così come sui palcoscenici più spaziosi dove ha lavorato costantemente in TV e al cinema, anche se non è diventato un volto riconosciuto a livello nazionale fino all’ultima fase della sua carriera. Non ho mai lavorato con un altro attore – nemmeno uno – che sembrasse più contento di starsene seduto ai lati del palcoscenico sulla sua sedia a guardare le pagine del suo copione o a chiacchierare con un altro attore (di solito Sterling o Susan nel nostro caso).

Essere un attore non era solo una cosa che Ron amava. Era ciò che era. Era ciò che era.

Quello che molti non sapevano, mentre guardavano Ron strappare la palla al balzo in quelle prime stagioni, era quanto fosse malato.

All’inizio di “This Is Us”, Ron era a pochi anni da un doppio trapianto di polmoni, di cui aveva bisogno.

I movimenti erano faticosi. Il semplice atto di respirare non era sempre facile per lui. Spesso era brutalmente difficile. Ma Ron non si è mai lamentato. Neanche una volta. In un cast di persone meravigliose e riconoscenti, non c’era persona più felice di Ron sul nostro set. Non c’era un orario di chiamata troppo presto, né un ordine di pranzo ricevuto troppo tardi.

E, da attore qual era, credo che Ron abbia usato la sua malattia per aiutare la sua interpretazione di un malato terminale. Quando il suo personaggio non era attivamente malato, Ron trovava il modo di risparmiare il fiato e di pronunciare le battute senza sforzo. Ma quando il suo personaggio era in preda a un cancro allo stadio terminale, ho notato che lasciava che i suoi problemi di respirazione si manifestassero sullo schermo… forse in modo memorabile nell’episodio “Memphis” di “This Is Us”, dove il suo personaggio muore mentre il figlio gli dice, letteralmente, di “Respirare”. Respira e basta”.

È stato devastante perdere il personaggio di Ron in quella prima stagione dello show. È successo nell’episodio 16 della nostra prima stagione di 18 episodi, è sempre stato pianificato che William sarebbe morto nello show, verso la fine della prima stagione, era importante per le trame future dello show ed era importante per gli archi di altri personaggi, in particolare quello di Sterling, era tutto parte di un piano molto grande.

Ma quello che non avevamo previsto è che Ron fosse così dannatamente bravo.

Raramente è passato un giorno in cui qualcuno della mia cerchia ristretta non sia venuto a farmi la grande domanda, la domanda che già mi facevo: “Sei sicuro? Forse dovremmo lasciarlo sconfiggere questa cosa? Trovare un farmaco miracoloso, o un medico straordinario, o una pietra magica che curi il cancro, o qualcosa del genere?”. Perché mentre Ron poteva e doveva essere presente nei flashback, stavamo parlando di rimuoverlo dall’epicentro della serie. Per uno sceneggiatore è stato come ricevere un superpotere e poi restituirlo di sua spontanea volontà solo nell’episodio 16. “No, sto bene, non ho bisogno di superpoteri. È la decisione giusta per lo show”.

È stato brutale.

Ron non si è mai opposto. Non ha mai espresso altro che gratitudine e ringraziamento, sia quando il suo personaggio ha lasciato la serie, sia quando è tornato a giocare con noi negli anni successivi. Non ne ho mai parlato direttamente con Ron, ma la perdita così precoce del suo personaggio mi ha sempre fatto sentire un po’ in colpa; l’idea che quest’uomo bellissimo fosse così pienamente al centro del nostro successo iniziale, ma non potesse mai condividere il successo continuo come il resto di noi, non solo dal punto di vista finanziario, ma anche per quanto riguarda la gioia quotidiana e il cameratismo che avevamo trovato tutti insieme in questo inaspettato miracolo di show.

Ma Ron continuava a placare ogni mia preoccupazione o senso di colpa. Ogni volta che lo vedevo, mi parlava di nuove opportunità di recitazione che gli si presentavano. Mi diceva quanto fosse entusiasta di aver vinto due Emmy per il suo lavoro nello show, alla sua età e dopo una carriera così professionale. La sua salute è migliorata moltissimo e lui ne è stato grato.

Forse perché per tanto tempo ha faticato per ogni singolo respiro, era grato per ogni respiro successivo. Letteralmente e figurativamente.

E al centro di tutta la sua gratitudine, di tutto il suo orgoglio, c’era sua figlia Jasmine. Non importa quanto fiato avesse Ron Cephas Jones, ne conservava un po’ per parlare di lei. L’unica cosa che amava più della recitazione.

L’ultimo grande momento di Ron nello show è stato nel penultimo episodio, quando ha fatto da scorta a Rebecca di Mandy Moore nel suo magico viaggio in treno verso l’aldilà. Nei momenti finali dell’episodio Rebecca osserva:

“È piuttosto triste, non è vero? La fine”.

La risposta di Ron, e una delle ultime cose che avrei potuto scrivere per lui:

“Oh, non so, per come la vedo io, se una cosa ti rende triste quando finisce, deve essere stata piuttosto meravigliosa mentre accadeva”.

Era meraviglioso come pochi.

Respira tranquillamente, amico mio. Non vedo l’ora di scrivere di nuovo per te nell’aldilà. Ti prometto che questa volta non dovrai nemmeno fare un provino.

Il cast di ‘This Is Us’ si riunisce per celebrare la vita di Ron Cephas Jones

I membri del cast di This Is Us Mandy Moore, Sterling K. Brown, Chris Sullivan, Susan Kelechi Watson e Jon Huertas si sono riuniti nel fine settimana per celebrare la vita della loro defunta co-star, Ron Cephas Jones.

In una storia di Instagram condivisa nel fine settimana, la Moore ha postato una foto dei cinque seduti insieme in un ristorante, con la seguente didascalia: “Prima delle lacrime, abbiamo spezzato il pane. Amo questa famiglia per sempre. E noi ti amiamo, Ron”.

Watson ha ripostato la storia dell’attore de I passi dell’amore, aggiungendo: “Una volta per il gatto più figo. Una luce e amore per sempre”, mentre Huertas ha aggiunto nel suo repost: “Amo queste persone! Mi manchi Ron!”.

Sullivan ha anche postato la stessa foto del gruppo sulla propria pagina Instagram con una didascalia accorata.

“Lo abbiamo celebrato come una famiglia #ThisIsUs”, ha scritto. “I miei insegnamenti, ascoltando [la figlia] @jazzy_joness e gli amici più stretti di Ron da una vita…? 1. Ron Cephas Jones è forse l’uomo più consapevole di sé che abbia mai avuto il piacere di conoscere. E conoscendo se stesso così chiaramente, ha potuto dedicare la sua vita completamente alla sua famiglia, ai suoi amici e alla sua arte”.

Il papà di due figli ha aggiunto: “2. Ron ha fatto sentire sua figlia amata e al sicuro, facendole spazio per esprimere e realizzare pienamente se stessa. In un solo ricordo, ho scoperto tutto ciò che voglio essere come padre”.

Continuate a seguirci per altre novità sul mondo dei film e serie tv!!!

Chiara

Fonte: TV Line / Variety / The Messenger

Non dimenticate di visitare la nostra pagina Facebook Survived The Shows, Instagram @survivedtheshows e Twitter @SurvivedShows per rimanere sempre aggiornati!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here